Tag: water

Contattare il consolato tedesco

Costa dell’Australia (che, tanto per aggiungere rumore, non è la costa più estesa del mondo, primato che spetta al Canada; quel genere di domande che ti assalgono ed a cui non puoi resistere… bighellonando, appunto), anno del signore 2018. Un’allegra famigliola (e che, me la devo immaginare triste mentre se ne sta a passeggio in riva al mare) vede qualcosa di strano sulla spiaggia. Luccica, li davanti.

Una strana bottiglia che sa di vecchio da tutte le parti. Saranno le alghe, la salsedine, la sabbia, ma fatto sta che il tempo le sembra inciso addosso. Invece che darci un distratto calcio, la famiglia raccoglie la bottiglia ed attraverso il vetro sporco vede chiaramente un biglietto che riporta la data 12 Giugno 1886.

Scherzo o realtà, la bottiglia sembra una specie di capsula del tempo restituita dal mare. La curiosità è ovviamente tanta e la famigliola decide di portare la bottiglia a casa. Dopo 132 anni in mare (il più antico message in a bottle mai rinvenuto) anche le bottiglie più resistenti iniziano a cedere ed infatti il messaggio interno era bagnato.

L’intraprendente famigliola decide di far asciugare lentamente il messaggio in forno per qualche minuto e dopo, la sorpresa. Una grafia minuta su un modello prestampato recitava: “contattare il consolato tedesco”.

A questo punto il mistero non si può più fermare e dopo diverse ricerche la famiglia trova un riscontro. Fra il 1864 e il 1933 l’Osservatorio navale tedesco ha compiuto un esperimento sulle rotte oceaniche; nel 1886, in particolare, la la nave Paula salpava da Cardiff diretta a Makassar. Addirittura il giornale di bordo di quella nave (anch’esso miracolosamente sopravvissuto all’epoca della digitalizzazione) nella nota del 12 giugno 1886 scritta dal capitano registra il fatto che una bottiglia era stata gettata in mare, alla deriva.

Affascinante.

Si, per molti in quella bottiglia sarebbe stato più romantico trovare un sogno affidato al mare o la ricerca di un amore perduto, ma un anche un cinico messaggio di un contatto di routine a distanza di centinaia di anni nasconde un innegabile fascino.

WU

PS. Non poteva non attirare la mia attenzione, con il rituale giorno (minimo) di ritardo che ormai mi contraddistingue.

PPSS. Se proprio volete sapere come la storia avventurosa della bottiglia e del suo messaggio si conclude ai giorni nostri: entrambe sono ora (per qualche anno, credo) esposte in una triste, asciutta ed immobile teca del museo di Adelaide.

Io forse l’avrei ributtata in mare.

Annunci

Day Zero: 12.04.2018

… e non parliamo di qualche apocalittica previsione di numeroligisti improvvisati circa la fine del mondo. Il tema è leggermente (anzi, parecchio) più serio.

3.7 milioni di persone sulla costa ovest del Sud Africa stanno per rimanere senza acqua. E non parlo, come se la necessità d’acqua dipendesse dal dove uno si trova, di tribù sperse nel deserto; parlo di Cape Town.

Una megalopoli che sta vedendo il suo bacino di acqua ridursi giorno dopo giorno: giorno “dell’apocalisse” stimato il 12.04.18. Secondo il corrente rateo di consumo di acqua potabile, infatti, per quella data i cittadini di Cape Town avranno completamente esaurito le loro risorse idriche e dovranno far appello a dei punti di distribuzione (diciamo “il triste piano B”) distribuiti per la città.

Detta così la cosa dispiace, ma tutto sommato è una di quelle notizie sufficientemente lontane da noi tanto da finire nel dimenticatoio ben prima del giorno del giudizio. Se invece vi facessi vedere “un’animazione” (in realtà una sequenza di immagini) costruita mediante le osservazioni di un qualche satellite che monitora lo stato del nostro pianeta forse la cosa colpisce leggermente (anche se finché non ci tocca direttamente non ci colpirà mai abbastanza) di più.

theewatersklooof_oli_2018014.gif

Ad oggi le più grandi scorte d’acqua della città mantengono cumulativamente solo il 26% delle risorse idriche (la più grande diga è al 13% del suo livello nominale); e stiamo parlando di un bacino che ospita “nominalmente” 898,000 megalitri di acqua potabile! E ‘è di più: l’ultimo 10% di acqua delle riserve è difficilmente utilizzabile (è praticamente come pescare dal fondo di un barile…).

Day Zero will happen when the system’s stored water drops to 13.5 percent of capacity. At that point, the water that remains will go to hospitals and certain settlements that rely on communal taps. Most people in the city will be left without tap water for drinking, bathing, or other uses.

Ed ovviamente la cosa ha messo parecchio sull’allerta le autorità cittadine che sono arrivate a stilare a riguardo un “Disaster Plan“.

WaterCapeTown1.png

Theewaterskloof was near full capacity in 2014. During the preceding year, the weather station at Cape Town airport tallied 682 millimeters (27 inches) of rain (515 mm is normal), making it one of the wettest years in decades. However, rains faltered in 2015, with just 325 mm falling. The next year, with 221 mm, was even worse. In 2017, the station recorded just 157 mm of rain.

In queste situazioni una delle poche cose che conforta l’uomo è andare a ritroso per vedere se è proprio colpa sua o se nella storia eventi del genere si sono già verificati (dividendo così la sua parte di responsabilità con i suoi avi). Ebbene, a Cape Town così poca acqua nelle riserve idriche si verifica circa una volta ogni 1000 anni come conseguenza di una serie di anni poco piovosi (ed un consumo insensibile alla disponibilità di acqua, ma questo non è registrato negli annali).

Ma i CapeTowniani sono effettivamente lungimiranti ed hanno già varato un piano di ampliamento di uno dei maggiori bacini che era inizialmente previsto entro il 2024 e che è stato anticipato al 2019 (tra il dire ed il fare… ma almeno la lungimiranza mi pare ci sia). Ovviamente tale piano va di pari-passo con decreti ed atti per sensibilizzare la popolazione sull’uso dell’acqua potabile (forse dovrebbe essere un monito costante mondiale…), vietata per usi non strettamente necessari. Target: usare meno di 50 litri di acqua per persona al giorno (scommetto che c’è gente che non ha questa disponibilità in una settimana).

WU

Hunga Tonga-Hunga Ha’apa

Un tempo doveva essere una cosa abbastanza usuale. Un tempo intendo quando noi essere umani non eravamo ancora a zonzo. Un tempo quando il nostro pianeta stava decidendo come disegnarsi e che livrea presentarci.

Oggi di nuove isole che si formano a seguito di qualche guizzo della Terra ne esistono, ma che perdurano per più di qualche anno, a quanto ne sappiamo, no.

Ovviamente (altrimenti non stari qui a sbrodolare) Hunga Tonga-Hunga Ha’apa fa eccezione. Incastonata nell’arcipelago di Tonga, la nuova isola si è formata in seguito all’eruzione del vulcano sottomarino Hunga Ha’apai nel 2014 e dalle prime analisi (o forse impressioni) doveva rimanere li per solo qualche mese. Ovviamente così non è stato.

L’eruzione ha riempito il cielo ed il mare di polvere e detriti che quando si sono finalmente depositati e stabilizzati hanno schiuso agli occhi del mondo (beh… più che altro dei satelliti) un bel isolotto con una sommità di ben 120 m. Ora, di solito le isole vulcaniche non sono particolarmente resistenti, dato che sono una catasta di detriti facilmente erosi da vento ed acqua. In questo caso, però, sembra che le acque tiepide dell’oceano, interagendo con la calda polvere vulcanica, abbiano formato uno strato roccioso decisamente resistente.

Siamo, invece, davanti alla prima isola “nuova” che possiamo vedere nell’era dei satelliti e nell’osservazione della Terra dallo spazio. La possiamo vedere dalla sua formazione e durante la sua evoluzione. Oggi stimiamo che dovrebbe sopravvivere almeno per una trentina d’anni, ma direi che le variabili in gioco sono troppe per credere a queste stime…

Il team della Nasa ha calcolato due potenziali scenari che ne potrebbero influenzare la durata. Il primo è un caso di erosione accelerata da abrasione delle onde che, in 6 o 7 anni, piano piano distruggerebbe il cono di tufo lasciando solo un ponte di terra tra le due isole più grandi adiacenti. Il secondo scenario presume un tasso di erosione più lento che lascerebbe intatto il cono di tufo per circa 25-30 anni.

E con l’isola si è creata una sua flora ed una sua fauna, insomma, un ecosistema completo. Completamente nuovo ed intonso; “lasciamolo stare” lo devo dire?

WU

Punto Nemo

Vicino eppur lontano; anzi, lontano e basta.

C’è un punto sulla superficie del nostro globo che si trova più vicino agli astronauti che a qualunque altro essere vivente piantato con i piedi per terra.

Dovremmo recarci (… circa 15 giorni di navigazione in pieno Oceano Pacifico) alle coordinate 45º52.6S, 123º23.6W per trovarsi … nel bel mezzo del nulla. L’isola più vicina dista circa 2700 km; a Nord l’Isola di Ducie (Isole Pitcairn), a Nord-Est l’isola Motu Nui (vicino l’Isola di Pasqua) e a sud l’isola Maker (a largo della Terra di Marie Byrd in Antartide).

Quindi (a parte le rare navi e le accanite competizioni che passano da quelle parti) quando la stazione spaziale internazionale passa sopra queste coordinate effettivamente qualcuno di “vicino” c’è.

PuntoNemo.png

Tecnicamente, il punto Nemo è stato “scoperto” nel 1992, quando l’ingegnere croato-canadese, Hrvoje Lukatela, lo ha individuato con un programma di georeferenziazione considerando che, essendo la Terra tridimensionale, il punto più remoto dell’oceano doveva essere equidistante da tre diverse linee di costa… da qualche parte nel nostro oceano più vasto.

Ovviamente la caratteristica del punto non è passata inosservata. Perché non farne un grazioso cimitero spaziale per i nostri detriti(ovvero: perché non andare a rompere le scatole anche all’angolo più remoto del pianeta)? I satelliti, solo quelli in orbita bassa attorno alla Terra, a fine vita che hanno la fortuna (e non so ancora quando potrà durare la pacchia) di avere un rientro controllato sono indirizzati verso questo punto. In maniera che tutti i pezzi, più o meno piccoli, che non si bruciano rientrando nell’atmosfera almeno non colpiranno (certamente, aggiungerei) nessuno. Diciamo che le piccole (sperabilmente) parti che raggiungo la superficie della Terra vanno a fare una specie di doccia di stelle cadenti dove nessuno la può ammirare (questa una visione, forse, un po’ troppo poetica).

Ad ogni modo quando un bussolo spaziale rientra si frammenta in moltissime parti (ricordiamoci che anche se piccole viaggiano a km/s!) che poi “piovono” sulla superficie, motivo per cui il cimitero di cui abbiamo bisogno deve essere (e fortunatamente Nemo lo è) piuttosto vasto; l’area in questione è priva di isole abitate per circa circa 17 milioni di chilometri quadrati!

Qui giacciono almeno 260 veicoli spaziali indirizzati fra il 1971 ed il 2016. Qui riposano in pace (di silenzio ce n’è a iosa) i resti della MIR, qui giaceranno (forse e sperabilmente) i resti della Tiangong-1. Quest’ultima è stata infatti dichiarata fuori controllo lo scorso anno e si prevede che rientri già i primi del prossimo anno. La speranza (… e come sappiamo chi vive sperando…) è che l’agenzia spaziale Cinese si occupi di farla rientrare con l giusto angolo per massimizzare l’incenerimento nell’atmosfera e minimizzare i rottami che potrebbero colpirci, se poi “mirano” anche il punto Nemo…

WU

PS. Di “poli dell’inaccessibilità“, anche per terre emerse nei 5 continenti ce ne sono a volontà.

288P, the main-belt comet

Un po’ asteroide ed un po’ cometa. Diciamo che dipende dai punti di vista, come se stessimo parlando del principio di indeterminazione della meccanica quantistica. Peccato che si parli di qualcosa che sia ben più grande di noi e non di dimensioni quantistiche

L’ultimo target (beh, in realtà a Settembre 2016) su cui Hubble ha puntato il suo occhio è un oggetto della fascia principale degli asteroidi. Formalmente si tratta di un asteroide binario, ovvero di un sassone attorno al quale ruota un ulteriore sassone; tuttavia a causa della sua orbita quando raggiunge il punto più vicino al sole la sua superficie inizia a sublimare.

E sapete qual’è la conseguenza di tutto ciò? Che all’asteroide si forma una bella coda, proprio come quella di una cometa.

La strana coppia è formata di una coppia di oggetti grossomodo della stessa massa e dimensione che danzano a circa 100 km di distanza relativa. Tuttavia quando Hubble (assieme a tutta un’altra serie di osservazioni da Terra) ha messo gli occhi sulla coppietta ha osservato una strana fibrillazione

We detected strong indications of the sublimation of water ice due to the increased solar heating – similar to how the tail of a comet is created

La peculiarità dell’asteroide-cometa è abbastanza unica, gli altri asteroidi binari, infatti, hanno tipicamente orbita piuttosto circolari e non si avvicinano per parte della loro orbita sufficientemente al Sole da iniziare a sublimare. Oppure, in alternativa, sono già nati così vicini alla nostra stella che ormai hanno finito di sublimare. Ed infatti ciò la dice lunga anche circa la genesi della strana coppia.

Surface ice cannot survive in the asteroid belt for the age of the Solar System but can be protected for billions of years by a refractory dust mantle, only a few meters thick… The most probable formation scenario of 288P is a breakup due to fast rotation. After that, the two fragments may have been moved further apart by sublimation torques.

Praticamente al momento l’idea è che 288P è un sistema binario che si è formato almeno 5000 anni fa e deve aver accumulato ghiaccio che gironzolava nel periodo di formazione del nostro sistema solare. Dato che non se ne sono visti molti in giro finora è ragionevole assumere che il ghiaccio in questione sia merce veramente rara; di certo da osservare ancora e possibilmente anche da andar a vedere da vicino.

In particular, the study of those asteroids that show comet-like activity is crucial to our understanding of how the Solar System formed and evolved. According to contrasting theories of its formation, the Asteroid Belt is either populated by planetesimals that failed to become a planet, or began empty and gradually filled with planetesimals over time.

Se poi vogliamo generalizzare (… e sapete che questa è una passione), studiando la genesi della simil-cometa possiamo anche desumere qual’era la distribuzione dell’acqua, in qualche sua forma, durante la fase di formazione del sistema solare e si sa… dove c’era l’acqua, c’era vita…

WU

Paese monnezza

Avevo già blaterato a proposito della fantomatica isola di plastica e vedo che la storia continua. Sempre a nord del pacifico, sempre con superfici stimate di più di 700 km2, sempre un incubo che naviga, il Pacific Trash Vortex è nuovamente alle ribalte della cronaca.

in total eight million tonnes a year or a rubbish truck full of plastic every minute. There is now so much of it, an area the size of France has formed in the Pacific Ocean.

Gyro di correnti e venti che spostano tonnellate e tonnellate di plastica creando ammassi letali per la natura e tristi per chi li ha causati. Si tratta di regioni ad altissima densità di residui principalmente plastici, ma non di un vero e proprio nuovo continente. L’acqua circola velocemente all’esterno dei vortici e lentamente al loro interno consentendo l’accumulo di materiale galleggiante.

E dato che da cosa nasce cosa anche la natura si adegua: le alghe iniziano a fare da collante, gli animali si cibano di plastica con buona pace della catena alimentare e del benessere del pianeta.

Ed anche la mente dell’uomo di adegua di conseguenza. Se c’è un nuovo “pezzo di terra” allora deve essere di qualcuno e deve avere una qualche connotazione socio-politica. E poi, in fin dei conti, ci piace essere dei contestatori e provocatori.

La provocazione (Change.org docet) in questione è del Plastic Oceans Foundation che definisce come articolo 1 della carta dei diritti e doveri degli Stati:

per definire un territorio, formare un governo, interagire con altri Stati e avere una popolazione permanente. L’esistenza politica di uno Stato “non dipende dal riconoscimento altrui”.

E già qui non sono propriamente d’accordo (oppure domattina volte che dichiaro casa mia uno stato?). Ad ogni modo, partendo da questo assunto la fanta isola plasticosa avrebbe tutti gli estremi per essere definita uno stato e, paradossalmente, godere anche di una sorta di protezione ambientale come tutti gli altri stati!

So che vi state soffermando su “popolazione permanente”, ebbene si Al Gore (si, l’ex vice-presidente USA, ambientalista e Nobel per la pace nel 2007) è il primo cittadino onorario dell’isola. Il passo poi ad avere bandiera e passaporto è brevissimo…

AlGorePassport.png

Mossa politica di grande impatto che pone il mondo davanti alla questione: abbiamo il 196 stato fatto di plastica o no?

WU

PS. Assumo facilmente cittadino onorario, ma vogliamo vedere il domicilio!

 

 

Gocce di packaging

Il tipo di idee che mi fa riguadagnare un po’ di fiducia nel genere umano. E non tanto per il suo aspetto eco-friendly, ma anche e soprattutto per la genialità dell’intuizione (dai, che in fondo non possiamo essere così stupidi…).

Praticamente abbiamo inventato il niente, anzi una goccia fatta di niente. Un design puro e minimal che non può non piacermi.

Ooho!.png

Una membrana sottilissima fatta di sostanze vegetali non meglio specificate condite con un po’ di alghe (le alghe ci salveranno…) che fa da contenitore. Più precisamente si tratta di una membrana gel (tipo il gel che si fa in cucina per le torte) fatta di alginato di sodio e cloruro di calcio

Ooho, will revolutionise the water-on-the-go market. The spherical flexible packaging can also be used for other liquids including water, soft drinks, spirits and cosmetics, and our proprietary material is actually cheaper than plastic.

Addio alle (odiosissime) bottiglie di plastica; che sia acqua, liquore, un qualche drink, ma anche un cosmetico o una cremina a caso, basta “avvolgerla” nella goccia per averla sempre a portata di mano.

Poi ci aggiungi che la membrana e totalmente bio, che può essere colorata, che è edibile (!) e che anche il suo processo produttivo pare essere sostenibile, beh…

Come sempre il mio scetticismo inizia quando questo genere di idee esce dai laboratori per entrare nelle industrie, ma pare che già dal 2018 la membrana dovrebbe essere prodotta su scala industriale e pronta per la commercializzazione (con costo stimato per la singola bolla di appena 2cent). Il miracolo continua…

WU

PS. Ed, neanche a dirlo, l’idea nasce dai finanziamenti raccattati con un progetto di crowdfunding (che ha tirato su cmq 848 mila sterline, più del doppio del target…) che ha poi dato, ovviamente, vita all’immancabile startup.

Skipping Rocks Lab is an innovative sustainable packaging start-up based in London. We are pioneering the use of natural materials extracted from plants and seaweed, to create packaging with low environmental impact.