Tag: umanità

Wouldn’t it be great if..

CB120218.png

L’attesa aumenta il desiderio (e questo, per quanto odioso, è abbastanza risaputo). Ma avere, dopo l’attesa, un risultato è ciò che ci ha motivato ad aspettare e ci motiverà ad aspettare la prossima volta.

A meno che non siamo tutti dei Charlie Brown (ave a CB, qui). Si, c’è chi (pochi, per la verità) nonostante disillusioni e porte in faccia, è in grado di gioire anche alla prossima attesa.

Ovviamente il campo sentimentale (e, generalizzerei, tutta la sfera emotiva) è terreno fertile per mettersi alla prova. Le scottature sono alte, ed altamente probabili, ma anche la soddisfazione di sopravvivere a tutte queste “esperienze” è decisamente alta (ed è, forse, ciò che motiverà la prossima attesa davanti la cassetta postale).

Ora, anche ammettendo di avere una volontà ferrea ed una abnegazione verso il risultato sperato, continuo a pensare che “sopravvivere” ad una lettera attesa di domenica non sia cosa da tutti. Il che, trasposto, è un po’ come aspettare qualcosa quando non ce ne sono neanche i presupposti (potete generalizzare a piacere in relazione alle imminenti elezioni politiche).

WU

PS. No, personalmente non credo di essere così “maturo” e dubito di poterlo mai diventare. Batoste stile “attesa missiva di domenica” mi spingono a non ritentare “la fortuna”…

Annunci

Priorità

“Impegni per la settimana, Lloyd?”
“Essere felice, sir”
“Parlavo del lavoro, Lloyd?”
“La felicità è un lavoro a tempo pieno, sir. Il resto sono passatempi retribuiti”
“Forse non mi sono spiegato, Lloyd…”
“O forse non si è ancora del tutto capito, sir”
“Rivediamo le priorità, Lloyd…”
“Con estremo piacere, sir”

Come fosse facile definire una priorità (grazie Lloyd) . E poi, che vuol dire priorità?!

Personale, aziendale, sociale, mentale, affettiva, tanto è difficile definirla in ogni caso. Priorità: ovvero prima una cosa e poi l’altra (mi pare abbastanza semplice e concisa come definizione). Ma quando definiamo completato un dato compito (termine da intendersi in senso lato)?

Si può sempre fare meglio… Facciamo un esempio: la priorità è la famiglia. Ma come decidi quando smettere di giocare con i bimbi? La priorità è la casa: ma ti fermi solo quando è tutto lucido ed immacolato?

E’ facile intendere che, a meno di mansioni banali e ripetitive (tipo quelle da mettere in un foglio excel 🙂 ), decidere quando passare da un compito ad un’altro è assolutamente arbitrario. Esattamente come il concetto di priorità… il che determina una “arbitrarietà al quadrato” che coincide, per quanto mi riguarda, con “prendere decisioni a caso”.

Ed aggiungo, quanti di noi sono in grado di mettere la felicità come priorità?! Ah, vi voglio vedere quando decidete di smettere per passare al prossimo grattacapo…

Facciamo che forse la felicità, più che una indefinibile e non-interrompibile priorità, dovrebbe essere una linea guida nelle mansioni quotidiane, prioritarie e non. Più facile a dirsi.

WU

PS. Il mio personalissimo ed opinabilissimo concetto di priorità: “last in, first out”.

MBTI – INFJ

Avete mai pensato se si potesse schematizzare (ed in qualche modo semplificare) l’approccio alla vita di ciascuno di noi? Di tutti noi.

Praticamente qualcosa del tipo: se sei “di classe X” allora ti comporterai cosi nei confronti della diversità, cosi nei confronti della religione, cosi nei confronti dell’amore e via dicendo.

No, non ci ho mai pensato. Ci credo poco, ma due donne, madre e figlia, ricercatrici durante la seconda guerra mondiale hanno effettivamente scelto e portato avanti (notevole soprattutto questa seconda parte) tale approccio.

L’intento era quello di capire in che ruolo ognuno potesse essere più utile a questa o quella mansione (bellicosa dato il periodo), con special attenzione al ruolo delle donne. La ricerca si sostanzio, quindi, nella forma di un questionario che massaggiato e ritoccato vide la sua forma definitiva nel 1962.

L’Indicatore di personalità di Myers-Briggs (l’indicatore di questo tipo più usato nella storia) è, a detta stessa delle due ricercatrici, solo l’implementazione di una teoria psicologica e sociale che si rifà ai tipi psicologici di Jung, opportunamente generalizzati ed attualizzati.

It helps you improve work and personal relationships, increase productivity, and identify leadership and interpersonal communication preferences for your clients.

L’idea alla base è l’esistenza di due coppie dicotomiche di funzioni cognitive (rileggetelo di nuovo, che è un concetto che suona più difficile di quello che è): ragionamento-sentimento; intuizione-sensazione. L’esternazione di queste funzioni può avvenire verso gli altri (estro-versa) o verso se stessi (intro-versa). Si ottengono così gli otto “archetipi” di personalità, secondo Jung.

I came to the conclusion that there must be as many different ways of viewing the world [as there are psychological types]. The aspect of the world is not one, it is many–at least 16, and you can just as well say 360. You can increase the number of principles, but I found the most simple way is the way I told you, the division by four, the simple and natural division of a circle. I didn’t know the symbolism then of this particular classification. Only when I studied the archetypes did I become aware that this is a very important archetypal pattern that plays an enormous role.

MBTI aggiunge un’ulteriore dicotomia che ci dice quel delle due coppie di funzioni cognitive un individuo utilizza preferibilmente nei suoi rapporti con l’esterno.

Ecco quindi quattro dicotomie che generano 16 tipi di personalità (associate entrambe le opzioni delle tre dicotomie restanti a ciascuna voce ed il gioco è fatto; e.g. ESTJ, ESTP, …):

  • Estroversione (E) – (I) Introversione
  • Sensitività (S) – (N) Intuizione
  • Ragionamento (T) – (F) Sentimento
  • Giudizio (J) – (P) Percezione

Ora le combinazioni fatele voi.

In rete è (stra)pieno di siti che vi offrono la possibilità di valutarvi secondo questo test. L’attendibilità dei test, dei risultati e delle risposte che date e da valutare in base a quello che volete leggere nel profilo.

Ovviamente in tutto questo marasma ci deve essere un tipo di personalità più raro ed uno più comune (pura statistica). Pare che INFJ (“il Sostenitore”… con un’alta capacità di organizzarsi e creatività, ed è per questo che molti di loro raggiungono il successo) sia il più raro.

A questo punto è anche semplice capire come mi sono imbattuto in questo indicatore… MBTI dice che appartengo al 1% della popolazione mondiale con tale personalità.
Io?! Onestamente rivedrei il test (…o le mie risposte). Ritento, sarò più fortunato/obiettivo?

WU

PS. Non mi dilungo su questo tipo di personalità, ma none escludo di tornare in futuro su gli altri; mi pare ci sia materiale semi-serio e semi-fuffologico in abbondanza.

Day Zero: 12.04.2018

… e non parliamo di qualche apocalittica previsione di numeroligisti improvvisati circa la fine del mondo. Il tema è leggermente (anzi, parecchio) più serio.

3.7 milioni di persone sulla costa ovest del Sud Africa stanno per rimanere senza acqua. E non parlo, come se la necessità d’acqua dipendesse dal dove uno si trova, di tribù sperse nel deserto; parlo di Cape Town.

Una megalopoli che sta vedendo il suo bacino di acqua ridursi giorno dopo giorno: giorno “dell’apocalisse” stimato il 12.04.18. Secondo il corrente rateo di consumo di acqua potabile, infatti, per quella data i cittadini di Cape Town avranno completamente esaurito le loro risorse idriche e dovranno far appello a dei punti di distribuzione (diciamo “il triste piano B”) distribuiti per la città.

Detta così la cosa dispiace, ma tutto sommato è una di quelle notizie sufficientemente lontane da noi tanto da finire nel dimenticatoio ben prima del giorno del giudizio. Se invece vi facessi vedere “un’animazione” (in realtà una sequenza di immagini) costruita mediante le osservazioni di un qualche satellite che monitora lo stato del nostro pianeta forse la cosa colpisce leggermente (anche se finché non ci tocca direttamente non ci colpirà mai abbastanza) di più.

theewatersklooof_oli_2018014.gif

Ad oggi le più grandi scorte d’acqua della città mantengono cumulativamente solo il 26% delle risorse idriche (la più grande diga è al 13% del suo livello nominale); e stiamo parlando di un bacino che ospita “nominalmente” 898,000 megalitri di acqua potabile! E ‘è di più: l’ultimo 10% di acqua delle riserve è difficilmente utilizzabile (è praticamente come pescare dal fondo di un barile…).

Day Zero will happen when the system’s stored water drops to 13.5 percent of capacity. At that point, the water that remains will go to hospitals and certain settlements that rely on communal taps. Most people in the city will be left without tap water for drinking, bathing, or other uses.

Ed ovviamente la cosa ha messo parecchio sull’allerta le autorità cittadine che sono arrivate a stilare a riguardo un “Disaster Plan“.

WaterCapeTown1.png

Theewaterskloof was near full capacity in 2014. During the preceding year, the weather station at Cape Town airport tallied 682 millimeters (27 inches) of rain (515 mm is normal), making it one of the wettest years in decades. However, rains faltered in 2015, with just 325 mm falling. The next year, with 221 mm, was even worse. In 2017, the station recorded just 157 mm of rain.

In queste situazioni una delle poche cose che conforta l’uomo è andare a ritroso per vedere se è proprio colpa sua o se nella storia eventi del genere si sono già verificati (dividendo così la sua parte di responsabilità con i suoi avi). Ebbene, a Cape Town così poca acqua nelle riserve idriche si verifica circa una volta ogni 1000 anni come conseguenza di una serie di anni poco piovosi (ed un consumo insensibile alla disponibilità di acqua, ma questo non è registrato negli annali).

Ma i CapeTowniani sono effettivamente lungimiranti ed hanno già varato un piano di ampliamento di uno dei maggiori bacini che era inizialmente previsto entro il 2024 e che è stato anticipato al 2019 (tra il dire ed il fare… ma almeno la lungimiranza mi pare ci sia). Ovviamente tale piano va di pari-passo con decreti ed atti per sensibilizzare la popolazione sull’uso dell’acqua potabile (forse dovrebbe essere un monito costante mondiale…), vietata per usi non strettamente necessari. Target: usare meno di 50 litri di acqua per persona al giorno (scommetto che c’è gente che non ha questa disponibilità in una settimana).

WU

Scambio di esperienze

CB250118.png

Ora, a parte essere una delle rare strisce nelle quali i ruoli si invertono (anche se non per questo credo che nessuno cambi idea circa le “peculiarità” di Charlie e Lucy), credo dica anche una cosa molto vera.

E’ nel dialogo lo scambio di esperienza

Nella chiacchiera, nel vociare, tanto per vedere l’altro cosa pensa di questo o quello, senza la necessità di dover fare “interrogazioni” o recitare una parte di circostanza. I contatti umani di arricchiscono proprio quando pensiamo (razionalmente, per chi ne ha la forza) di star perdendo tempo.

Non è necessario toccare i più profondi temi filosofici o infervorarsi per questioni politiche, a volte anche il semplice confronto su temi di quotidiana banalità è sufficiente (anzi, direi che è fondamentale) per aprire un po’ la propria mente. Non chiudiamoci in torri di barocche discussioni, da un lato, o in mono-temi stile (ma è solo un esempio) gazzetta dello sport.

Generalizzare questo concetto è molto pericoloso poiché si rischia di cadere nelle frasi fatte, nei discorsi da bar o in relazioni finte; tuttavia, dare il giusto peso (ovvero non sottovalutare) discussioni solo apparentemente inutili e superficiali significare ammettere di star crescendo.

E’ sicuramente molto più facile viverlo che spiegarlo (e se proprio va spiegato questa striscia lo fa molto meglio di me).

WU

Lale Sokolov

Raccontiamoci questa storia, ma non tanto per “non dimenticare” (slogan per me alquanto abusato… come se una storia e non le tombe mi aiutassero a non dimenticare una cosa come l’olocausto) quanto per rivivere in poche righe una di quelle vite degne di essere vissute e raccontate (… raccontate a fatica ad incominciare proprio dagli stessi attori).

Correva l’anno 1916 ed in Slovacchia, da genitori ebrei, nasceva Ludwig «Lale» Eisenberg. Tutto filò fra il liscio ed il banale fino al 1942 quando nel suo paese arrivarono i nazisti. Lale si offri volontario come “giovane forte e robusto” per prestare servizio nei campi di concentramento per salvare la sua famiglia.

32407 il numero che gli venne tatuato sul braccio.

Costruì baracche e latrine e presto si ammalò di tifo. Un tal Pepan lo accudì, lo stesso che gli aveva indelebilmente marchiato l’avambraccio sinistro. Pepan non solo lo salvò dal tifo, ma gli insegnò a tenere la testa bassa, la bocca chiusa e soprattutto a tatuare. Alla scomparsa (o forse liberazione?) del suo mentore, Lale divenne il “tatuatore di Auschwitz“. Razioni di cibo extra, una “stanza” singola e qualche ora libera.

Lale

Ma il cuore di Lele diceva altro. Non si sentiva un eletto e non si sentiva (o non voleva sentirsi) un collaborazionista. Lui era quello che toglieva l’identità alle persone; che trasformava il loro nome e cognome in cinque cifre sul loro avambraccio; marchiava indelebilmente essere umani snaturandoli a schiavi o deportati.

Cercò, per quanto nelle sue possibilità, di aiutare gli altri prigionieri. Si innamorò e sposò Gita, numero 34902 da lui stesso tatuata, cecoslovacca deportata, nel 1945. Si trasferì alla fine della guerra nella Cecoslovacchia controllata dai sovietici e cambiò il suo cognome in Sokolov. Aprì un negozio di tessuti a Bratislava e con i proventi finanziò la nascita dello stato d’Israele finché, scoperto dal governo, fu prima arrestato e poi dovette espatriare. Fuggì fra Vienna, Parigi e Sydney con la sua consorte ed alla fine approdarono in Canada dove nacque loro figlio e dove la coppia finì i propri giorni. Lale morì nel 2006 senza mai far ritorno in Europa.

Se Lale fosse da annoverarsi nella lista “dei buoni” o quella “dei cattivi” non saprei dirlo e non mi interessa particolarmente; che il tatuatore di Auschwitz deve aver vissuto per decenni con questo fardello sulla coscienza (condiviso con qualcuno solo nella sua vecchiaia) ne sono certo; che parlare di lui mi dà una misura di una vita intensa, dettata dal caso/destino e da scelte coraggiose è la mia sensazione.

WU

Brucia, brucia, brucia

Giacimento di Jharia, in un distretto impronunciabile, India. 260 km2 di carbone che stiamo estraendo dal 1800. Praticamente un’immensa distesa di carbone. E cosa fa il carbone? Beh, brucia.

Il giacimento in questione è infatti lo scenario del più duraturo incendio della storia. Il primo incendio di cui si ha notizia (se ce ne fossero stati altri prima o se quello in questione fosse iniziato anni prima non è dato saperlo) data 1916.

Da allora il focolaio non si è mai spento, anzi, negli anni ’80 si sono documentati più di 70 focolai in tutta la distesa e nessuno poteva essere contenuto ne tanto meno spento. Ed allora l’idea geniale: lasciamolo bruciare, prima o poi si esauriranno da soli. Se non fosse che in presenza di tutto quel carbone questo “prima o poi” è più vicino al poi…

Altra ideona (effettivamente un po’ migliore): vediamo se riusciamo a soffocarli. Togliendo infatti la disponibilità di aria, anche in presenza di carbone, gli incendi sono destinati ad estinguersi. Ma per far ciò l’unica cosa che NON bisogna fare è trasformare la miniera in una miniera a cielo aperto… Ovviamente l’unica cosa che è stata fatta, nel 1973, ad opera della Bharat Coking Coal Ltd, è stata quella di aprire larga parte della miniera per facilitare ed economizzare l’estrazione del carbone. Con grande gioia dei condannati incendi.

Anzi, le cose sono andate ancora meglio (per gli incendi, ovviamente). Dato che la miniera era già un labirinto di gallerie scavate per l’estrazione che consentivano la circolazione dell’aria, una volta aperta anche la superficie si sono create delle belle correnti di aria che hanno dato nuova vita ai focolai creando un mega incendio. Praticamente da braci di carbone siamo arrivati a fiamme fino a 20 metri! Ottimo…

La mente va subito alle due più importanti ricadute di tutta questa mal gestione delle risorse naturali: quella economica e quella ambientale. E siam messi ovviamente malissimo su entrambi gli aspetti.

37 milioni di tonnellate di carbone, miliardi di dollari di valore, andate perse a causa di questi incendi incontrollati ed ormai incontrollabili. Ulteriori 1,4 miliardi di tonnellate di carbone ormai inaccessibili a causa degli stessi incendi. I miliardi di dollari già in fumo o in procinto di diventare tali ormai sono fuori scala.

E l’ambiente certo non ne giova. Tonnellate di anidride carbonica nell’atmosfera e villaggi limitrofi ridotti a spettrali set di film post-nucleari. Aria irrespirabile e terreno a temperature inaccettabili (considerando che la maggior parte degli abitanti commina a piedi nudi…). Il livello di salute della popolazione è bassissimo, ma molti tendono a rimanere per evitare di perdere ciò che gli da da mangiare: lo stesso carbone che li sta uccidendo.

Come uscirne, beh, secondo la Bharat Coking Coal Ltd ed il governo indiano (che partecipa la società mineraria) basta continuare a sfruttare la miniera… per aumentare il profitto, ovviamente.

Angosciante. Un inarrestabile delitto alla luce del sole.

WU