Tag: time

Il Punto Omega

Siamo in continua evoluzione (almeno sulla carta, se poi vogliamo vederla come involuzione non avrei nulla da obiettare). Ci muoviamo, ad ogni modo, verso una direzione di crescente complessità, maturità tecnologica, scoperte scientifiche, invenzioni… anche coscienza ardirei.

Questo processo potrebbe non avere mai fine (ci destabilizza pensarla così), o potrebbe averla. Almeno secondo la teoria di Pierre Teilhard de Chardin; il punto di arrivo di questo processo, il punto supremo di complessità, l’apice della nostra crescente conoscenza (e, ci riprovo, coscienza) è il Punto Omega.

Ma c’è di più, secondo la teoria, il Punto Omega non è solo il punto di arrivo del processo evolutivo dell’intero universo, ma anche la causa della sue evoluzione. Come se fosse una sorta di attrattore che ci traina nella direzione della crescente complessità. Il Punto Omega è il punto massimo dell’evoluzione ed è, indipendentemente dall’universo stesso, anche il punto verso il quale l’universo si evolve.

Ora, se caliamo (come ha fatto d’altra parte anche il suo cristianissimo ideatore) il Punto Omega nell’ortodossia cristiana abbiamo una sua fortissima identificazione con il Logos (Dio da Dio”, “Luce da Luce”, “Dio vero da Dio vero” e “attraverso di Lui tutte le cose furono create”); i.e. Gesù Cristo… A tal proposito credo che il concetto della parola che si incarna sia uno dei temi che mi ha da sempre affascinato, ed al contempo fatto storcere il naso, della religione cristiana… se non altro fertile terreno di riflessioni notturne.

Il nostro punto di arrivo ha, tornando a noi, cinque attributi identificanti:

  • Esiste da sempre: non ha tempo, è fuori dal tempi, altrimenti come faremmo a spiegare l’evoluzione costante dell’universo verso livelli di crescente complessità?
  • E’ trascendente: il Punto esiste prima ed al di fuori del processo evolutivo; è il punto apicale di un processo del quale non fa parte.
  • E’ irreversibile: deve offrirci la possibilità di essere raggiunto (benché moooolto lontano), ma non quella di tornare indietro (e su questo avrei un po’ da ridire).
  • E’ autonomo: il Punto non può essere condizionato dallo spazio o dal tempo; esiste al di fuori dei vincoli della natura.
  • E’ personale: l’incremento della complessità dell’universo e della materia ci ha portati (e continua a portarci) verso livelli sempre più elevati di personalizzazione (e.g. vedi la natura umana); il Punto Omega potrebbe addirittura essere una persona, la super-personalizzazione della materia e degli individui.

Se esiste, ed in fondo mi piace crederci, mi pare siamo ancora molto lontani (e ciò potrebbe anche essere un bene). Ho qualche dubbio sulla teoria, soprattutto sul concetto di irreversibilità del processo evolutivo e sul fatto che l’aumento di complessità e consapevolezza (rieccoci…) equivalga ad una unificazione dell’universo piuttosto che ad una eliminazione dell’individualità (sicuramente un “retaggio” molto cristiano).

WU

Annunci

Contattare il consolato tedesco

Costa dell’Australia (che, tanto per aggiungere rumore, non è la costa più estesa del mondo, primato che spetta al Canada; quel genere di domande che ti assalgono ed a cui non puoi resistere… bighellonando, appunto), anno del signore 2018. Un’allegra famigliola (e che, me la devo immaginare triste mentre se ne sta a passeggio in riva al mare) vede qualcosa di strano sulla spiaggia. Luccica, li davanti.

Una strana bottiglia che sa di vecchio da tutte le parti. Saranno le alghe, la salsedine, la sabbia, ma fatto sta che il tempo le sembra inciso addosso. Invece che darci un distratto calcio, la famiglia raccoglie la bottiglia ed attraverso il vetro sporco vede chiaramente un biglietto che riporta la data 12 Giugno 1886.

Scherzo o realtà, la bottiglia sembra una specie di capsula del tempo restituita dal mare. La curiosità è ovviamente tanta e la famigliola decide di portare la bottiglia a casa. Dopo 132 anni in mare (il più antico message in a bottle mai rinvenuto) anche le bottiglie più resistenti iniziano a cedere ed infatti il messaggio interno era bagnato.

L’intraprendente famigliola decide di far asciugare lentamente il messaggio in forno per qualche minuto e dopo, la sorpresa. Una grafia minuta su un modello prestampato recitava: “contattare il consolato tedesco”.

A questo punto il mistero non si può più fermare e dopo diverse ricerche la famiglia trova un riscontro. Fra il 1864 e il 1933 l’Osservatorio navale tedesco ha compiuto un esperimento sulle rotte oceaniche; nel 1886, in particolare, la la nave Paula salpava da Cardiff diretta a Makassar. Addirittura il giornale di bordo di quella nave (anch’esso miracolosamente sopravvissuto all’epoca della digitalizzazione) nella nota del 12 giugno 1886 scritta dal capitano registra il fatto che una bottiglia era stata gettata in mare, alla deriva.

Affascinante.

Si, per molti in quella bottiglia sarebbe stato più romantico trovare un sogno affidato al mare o la ricerca di un amore perduto, ma un anche un cinico messaggio di un contatto di routine a distanza di centinaia di anni nasconde un innegabile fascino.

WU

PS. Non poteva non attirare la mia attenzione, con il rituale giorno (minimo) di ritardo che ormai mi contraddistingue.

PPSS. Se proprio volete sapere come la storia avventurosa della bottiglia e del suo messaggio si conclude ai giorni nostri: entrambe sono ora (per qualche anno, credo) esposte in una triste, asciutta ed immobile teca del museo di Adelaide.

Io forse l’avrei ributtata in mare.

Antico ed enorme

Il più grande che è anche uno dei più vecchi. Connubio comune per gli organismi viventi, anche se l’uomo spesso fa eccezione; o meglio, in base a come si intende “grande” può fare eccezione.

In questo caso per grande intendo proprio grande… circa 1.665 campi da calcio. Un record assoluto per l’organismo vivente più grande del mondo (conosciuto finora, ma come ormai sapete sono praticamente certo del potere di sorpresa della natura).

La bellezza di 8.900.000 metri quadrati per un gigante che ha ben 2.400 anni di età (stimati).

Antico, enorme, pesantissimo (almeno 7.500 tonnellate), strano, misterioso, ma di che stiamo parlando? Un fungo.

Esatto. Un Armillaria Ostoyae più precisamente. Praticamente un’unico sistema di radici che si estende nelle foreste delle Blue Mountains nell’Oregon.

Back in 1988, Greg Whipple was the first forest service employee to realize they had “something different” on their hands. Back then, it seemed to cover 400 acres. Today, it’s footprint covers more than 3 square miles.

Ed, ovviamente, letale (anche perché per sopravvivere così a lungo…). Uccide lentamente quasi tutto ciò che trova sul suo cammino.

Il fungo si estende per la maggior parte sotto terra come uno sconfinato intreccio di miceli, bianchi e tentacolati. Si conforma come un sottile stato biancastro che ricopre il terreno e si insinua nelle radici e sotto le cortecce degli alberi facendoli marcire dall’interno (e cibandosi anche dei loro resti), mentre per pochi mesi all’anno esplode in una serie di funghetti giallastri difficilmente riconducibili ad un unico organismo.

Armillaria ostoyae.png

“It’s girdled by the fungus,” Filip said. “The fungus will grow all the way around the base of the tree and then kills all the tissues. […] It could be 20, 30, 50 years maybe before it finally dies,”

La ragione del gigantismo di questo fungo potrebbe essere (ma siamo assolutamente nel campo delle ipotesi nel laboratorio che madre natura porta avanti da millenni) il clima secco dell’Oregon. Tale clima non è esattamente l’ideale per la riproduzione del fungo (che di solito lo fa per via sporigena) che ha cercato partner per mezzo dei suoi miceli. Inoltre il clima (e di certo il fungo stesso) non ha di certo favorito la nascita di organismi concorrenti.

Ed ovviamente un “bestio” del genere da non poco fastidio alla locale industria del legno. Sono stati fatti, infatti, vari tentativi di debellarlo: tagliare tutti gli alberi in una certa zona, scavare profondi fossi, rimuovere ogni singolo filamento che si trovava in una certa zona. Si è dimostrato tutto inutile, oltre che enormemente dispendioso. Tentativi “più green”, ma comunque di distruzione, stanno provando a piantare diversi tipi di alberi nella zona infestata per vedere se qualcuno sviluppa capacità di resistere all’invasore.

Per ora il vecchietto ha avuto la meglio.

WU

PS. E la specie in questione è un campione in termini di estensione e longevità. Il secondo organismo più grande al mondo è ancora un fungo, ed è ancora un Armillaria Ostoyae… Luogo: Svizzera; età: 1.000 anni (stimati). Non male.

Blue Monday

E’ inequivocabilmente una cazzata.

Oggi è il giorno più triste dell’anno (e già il fatto che io ne parli per tempo da una misura della stupidità della cosa)… ma non secondo il mio umore, bensì in base ad una sofisticatissima, accuratissima a fumosissima formula matematica.

Benissimo!

Allora, dati i dediti di ciascuno (parametro facilmente generalizzabile, no?), i giorni che separano dal Natale (… fondamentale per me che sono induista 😀 ), il salario mensile (sempre troppo basso per definizione), il meteo (di una regione a caso da scegliere in base alle correnti dell’est), la scarsa motivazione (che oggi secondo una congiunzione astrale che dura da millenni raggiunge il suo apice) e la consapevolezza che bisogna rimboccarsi le maniche, otteniamo che il terzo lunedì di Gennaio è il giorno più triste di tutto l’anno.

Per l’equazione (che mi vedo bene dal riportare) basta chiedere a Google (ed evito anche ogni link), ma a parte la difficile quantificazione di uno qualunque dei parametri soggettivi sopra, non riuscirei neanche ad identificare unità di misura quanto meno comparabile per le grandezze in oggetto!

Razionalizziamo che abbiamo speso troppi soldi (…) durante le feste ormai alle spalle, che ci aspetta un anno lungo e faticoso, che non prevediamo ponti e ferie a breve, che non è periodo di viaggi (attenzione…) e quindi ci facciamo opprimere dalla tristezza. Detto così ha quasi più senso di una qualunque equazione matematica.

L’origine “dell’equazione” e da essa tra tradizione anti-scientifica che ne deriva, è di uno psicologo inglese (nome volutamente omissis), data 2005, è stato divulgato e se ne è fatta assumere la paternità, a suo tempo, dietro compenso ed è, sostanzialmente, una grandissima trovata pubblicitaria (ed il mio parlarne contribuisce a tutta l’operazione)… o una grandissima cazzata.

Che tristezza (parola quanto mail calzante).

WU

PS. E come non citare, almeno, l’alter ego della data odierna? Il Mr Hide del Blue Monday è il giorno più felice dell’anno: data prevista (dalla solita mitica equazione) fra il 21 ed il 24 Giugno… il solo saperlo mi ha già fatto passare un po’ di tristezza.

LAGEOS, the time capsule

Laser Geodynamics Satellites (LAGEOS) is a couple of (artificial… of course) satellites orbiting around our Earth. Their original aim was to provide an orbiting laser ranging benchmark for Earth geodynamical studies. It was back in the 1976 when LAGEOS-1 was launched by NASA followed in 1992 by LAGEOS-2 (NASA and ASI…). Two launches without too much claim and advertising for one of the most long-lasting missions ever conceived.

Both satellites are actually two balls (looking like golf balls) made of high-density passive laser reflectors. More in detail, they are brass spheres covered with aluminium of 60 cm diameter and 400-410 kg mass. Spread over they surfaces there are 426 reflectors made of glass and germanium. Measurements can be made by transmitting from Earth ground stations pulsed lasers toward the satellites that reflect the pulses and measuring the travel times. In addition the shape, attitude-independent measurements and the orbit allows for using the satellites also for determine the geoid shape, the tectonic plate movements, and the distortion predicted by the general relativity caused by a rotating mass.

In the end the two satellites are completely passive, without any attitude control means and without any electronic on board. In order to provide a stable reference for geodynamical studies (which means an extremely high accuracy in determining the positions of points on the Earth), the golf balls have been placed in very stable medium altitude orbits at about 5900 km altitude.

As a consequence of the orbital altitude, shape and mass of the satellites, LAGEOS-1 (LAGEOS-2 has very similar features…) is doomed to reentry on Earth in … 8.400.000 years! At some point in more than 8 millions years some of our descendant (…or any other species enough intelligent to survive to us) will see a ball coming from the past.

A real time capsule.

This was luckily clear already at the time of launch. LAGEOS-1 indeed carries a plaque, made by C. Sagan (of course…) indicating the future of the humanity expected at the time of satellite launch.

LAGEOS1.png

The plaque includes the numbers 1 to 10 in binary. In the upper right is the earth with an arrow pointing to the right, indicating the future. It shows a #1 indicating 1 revolution, equaling 1 year. It then shows 268435456 (in binary; 228) years in the past, indicated by a left arrow and the arrangement of the Earth’s continents at that time. The present is indicated with a 0 and both forward and backward arrows. Then the estimated arrangement of the continents in 8.4 million years with a right facing arrow and 8388608 in binary (223). LAGEOS itself is shown at launch on the 0 year, and falling to the Earth in the 8.4 million year diagram.

I’ll never see the satellites with my own eyes (well… I guess), and I can imagine the astonishment of anyone seeing that plate in millions of years (it si much more than a fossil we can discover nowadays!) .

My hope, as per today, is that the satellites will be still checked (even form time to time) for the millenniums to come, to avoid that far from eyes the satellites will be forget while they can still be considered as alive.

WU

L’albero penta millenario

Per sua natura un albero non vive (…a meno di “delicati” interventi umani) settimane, ne mesi, ne qualche anno. Se questo sia un bene o un male non sono in grado di dirlo e comunque non è affar mio. Non ho mai sentito, se posso essere sincero e leggermente prolisso, “augurio” peggiore di “per cento anni” rivolto ad un essere umano. L’equivalente alberesco sarebbe? “Per un migliaio di anni”?

Ad ogni modo, è stato recentemente scoperto un esemplare californiano di Pinus Longaeva (e già il nome tradisce una certa propensione…) che vanta la bellezza di ben 5067 anni!

5067! L’albero singolo più vecchio al mondo (si, esiste un esemplare di abete rosso svedese di ben 9550 anni, ma è uno sporco clone).

Ha visto praticamente tutto ciò che è successo da prima delle piramidi egizie ad oggi. E direi che è molto fortunato, lui e noi, a non poter parlare e non potersi muovere.

Per motivi di sicurezza (come siamo ridotti…) l’effettiva location del pino millenario è tenuta ben segreta. Si sa solo che si trova in California, oltre i 3000 m, da qualche parte sulle White Mountains, con le radici piantate in una terra dura ed arida e a debita distanza dai suoi simili (scaltrissimo adattamento evolutivo che garantisce una resistenza agli incendi quasi innaturale).

PinusLongaeva.png

Ovviamente non il posto migliore per nascere, ma in virtù di “ciò che non ammazza fortifica” sono state probabilmente proprio le avverse condizioni naturali a far si che il pino abbia dovuto adattarsi (è praticamente un tronco con pochi ramoscelli e pochissime foglie) e tirar fuori i denti per sopravvivere così a lungo.

WU

PS. Ad onor di cronaca va detto che i suoi fratelli più giovani, diciamo di qualche centinaio di anni, sono anch’essi americani.

Di Pinus Longaeva plurimillenari in america ve ne sono almeno 3 (ovvero Matusalemme, il fu Prometeo ed il vecchietto in questione). Gli altri si nascondono molto meglio…

Ebdomadario

dal latino hebdomada: settimana, che a sua volta viene dal greco hebdomàs: gruppo di sette. E mi sono intrippato più che altro cercando di pronunciarla. Ora se ci provate vedete che il più moderno “settimanale” è decisamente più semplice.

Mi vengono in mente pochissimi contesti (che riassumerei nel binomio tecnicismi aulici) ancora calzanti per l’ancestrale suono del gruppo di sette. Anzi, si “usa” specialmente a rafforzamento di sostantivi ecclesiastici (un censimento del livello di comprensione del termine anche dagli “addetti ai lavori” potrebbe lasciarmi senza parole).

E sapete un’altra cosa? Pare che il “tragicamente famoso” Charlie Hebdo sia proprio (o quantomeno richiami foneticamente) l’abbreviazione di hebdomadaire, ovvero dell’omologo francese del termine in questione.

Un caso non di certo ed una (ulteriore) testimonianza che le tradizioni e la storia dei popoli va ben oltre i confini ed i muri che vogliamo (o diciamo di voler) ergere.

E la cosa che in fondo mi rattrista di più è che non mi pare di vedere nessuna possibilità di riesumarla dal suo stato di esilio dalla lingua italiana.

WU

PS. A parte dover notare (dopo che mi sono fatto sfuggire il 12.12.16) che oggi è il 16.12.16, direi che è il post giusto da scrivere di venerdì.

PPSS. E se volete cimentarvi ulteriormente potete anche provare a pronunciare settimanalmente: ebdomadariaménte. Facilissimo, no?!