Tag: spacecraft

La misteriosa Zuma

Cosa sappiamo (praticamente niente):

– partita da Cape Canaveral alle 10.15 pm ET lo scorso 07.01.18 dopo un ritardo di circa un mese legato ad un problema del lanciatore e non al satellite.
– lanciata con un vettore SpaceX, il Falcon 9. Quello con il primo stadio riutilizzabile, per intenderci, che è prontamente tornato a terra, con successo.
– che tutta la fase di lancio è andata per il meglio ed il satellite si è separato dal primo stadio del lanciatore diretto verso l’orbita (bassa) richiesta.

That would have placed Zuma, which appears headed for a similar orbit inclined about 50 degrees relative to the equator, according to publicly available information, close to USA 276 once in orbit. Observations post-launch will attempt to confirm if Zuma performs an orbital dance with USA 276, the ISS, or both.

– il committente è il governo americano (più precisamente la difesa) e il satellite è stato realizzata dalla Northrop Grumman (NG).

Il tutto fantasticamente riassunto in un vuoto presskit, qui.

Cosa NON sappiamo (praticamente tutto):

– il carico a bordo del satellite
– lo scopo della missione
– la vita operativa ed i dettagli dell’orbita
– come sono stati usati i soldi dei contribuenti e se in qualche modo la sonda è interessata anche alle “attività d’oltre oceano”
– chi sarà incaricato di gestire (e deorbitare?) il satellite
– cosa ci vola sopra la testa… praticamente tutto.

L’alea di mistero aumenta, come nella natura umana, l’idea di complottismo che la missione ci da. Il fatto che ci sia dietro la Difesa US sembra un setting prefetto per qualche X-files versione 2018, ma a parte la nostra innata propensione al mistero rimane il fatto che di Zuma sapremo (forse) le gesta solo a posteriori.

PS. E, a dirla tutta, non è (ovviamente) la prima volta. La terza per Space X, anche se in questo caso il livello di segretezza è decisamente superiore ai precedenti…

SpaceX has two national-security launches under its belt, and in both cases basic details about the mission were announced. One flight, in May 2017, lofted a satellite for the National Reconnaissance Office, which builds and operates the nation’s fleet of spy satellites. The other, which launched in September, launched the robotic X-37B space plane for the U.S. Air Force

PPSS @ 09.01.18. Ed il mistero continua… Sembra infatti che il satellite non abbia mai raggiunto l’orbita obiettivo. Anzi, il satellite pare, come nelle migliori spy story, essere letteralmente scomparso nel nulla. Nessun cenno, nessun rilevamento.

E’ probabile che il satellite non si sia mai separato dall’ultimo stadio del lanciatore e sia rientrato nell’atmosfera bruciandosi. Anzi, questa sarebbe la spiegazioni più semplice alla scomparsa del satellite, poi tutto in questo caso, fino al rapimento alieno ed alla congiura governativa va bene.

Ora, se le cose stessero veramente così ci sono due possibili “colpevoli”. Se è il satellite a non essersi mai separato, la NG dovrà corrispondere molte risposte, scuse e penali alla Difesa american. Se invece è stato l’ultimo stadio del Falcon 9 a non separarsi correttamente, invece, sarebbe una bella battuta d’arresto per Space X (… che punta a breve a portare uomini a bordo) ed anche in questo caso parecchie giustificazioni dovranno esser messe sul tavolo, se non altro per non perdere i lanci super-segreti per conto dei militari. Come complottismo vuole ne NG ne Space X rilasciano dichiarazioni… a noi mortali.

PPSS @ 10.01.18. A quanto pare un po’ di luce si sta facendo. E non di certo per merito delle dichiarazioni ufficiali, bensì grazie a tutti i curiosi che a vario titolo si sono messi a studiare la traiettoria e le stranezze di Zuma.

Beh, pare che Space X possa a ragione continuare a dichiarare che tutta la sequenza di lancio a suo carico sia stata assolutamente nominale. Zuma pare infatti non essersi mai separato dall’ultimo stadio del lanciatore, che ha correttamente completato la sua traiettoria rientrando e bruciando nell’atmosfera. Zuma è rimasto semplicemente li seguendo le sorti del suo compagno.

A questo punto è chiaro che “la colpa” dell’ingloriosa fine del misterioso satellite è legata al sistema di separazione. Tipicamente tale sistema di separazione si compra o è a carico del lanciatore. Ovviamente se si tratta della segretezza di Zuma le cose non sono così semplici. Pare infatti che il sistema incriminato, forse per non divulgare assolutamente a nessuno le specifiche dell’interfaccia del satellite, sia stato progetto e realizzato direttamente dalla NG.

… A questo punto parrebbe che le responsabilità siano ben definite, con buona pace dei complottisti e delle assicurazioni della NG.

Annunci

Juno – artista planetario

Quel limite sottile che divide la scienza dall’arte è spesso valicato involontariamente dalla natura e delle osservazioni che facciamo di essa. Il fascino di ciò che ci circonda non ha tempo e non chiede di esser visto. Esiste e se noi volgiamo coglierlo (o, meglio, osservarlo senza disturbarlo o rovinarlo) è li pronto a riempirci il cuore e la mente. Se poi siamo distratti/frettolosi/ingenui osservatori, poveri noi. Al creato poco importa.

Tutto questo cappello un po’ fintamente poetico, un po’ fintamente religioso per sottolineare l’aspetto artistico di uno degli apici dei derivati della “sterile” tecnologia. La sonda Juno è un ammasso di acciaio, cavi, sondi, telecamere, pannelli solari, motori e propellente che vaga nelle profondità del nostro sistema solare dal 2011. E’ poco più di un anno che ha raggiunto la sua destinazione, Giove, e da allora si è messa a fare l’ennesimo osservatore silenzioso. Il nostro occhio remoto in un affascinante e maestoso angolo del sistema solare.

JunoPics.png

Le ultime immagini che ci ha spedito questo ammasso di tecnologia sono si dati e bit da “decifrare”, ma sono anche arte. Ciò che una tempesta, si gioviana in questo caso, può dire sono tante sull’atmosfera ed il clima del pianeta, ma sono tante anche su come la natura può creare (e sa creare) il bello.

La cosa che mi intriga di più è che non credo avremo mai l’obiettività e l’ingenuità necessaria per valutare il fascino di ciò che vediamo attorno a noi quotidianamente e certe cose ci folgorano solo perché extra qualcosa.

WU

PS. Queste sono solo le ultime in ordine cronologico, ma la missione ci sta effettivamente regalando una galleria d’arte (e la rete ne è effettivamente piena, e.g.), per me uno di quei risultati che allargano la mente anche per i “non addetti ai lavori”.

Asgardia: la nascita della nazione?

Mi ci ero già imbattuto qui. Ma la cosa mi continua ad affascinare molto più di qualunque nazione “con i piedi a terra” (dicitura la cui interpretazione può dipendere molto dalla nazione in questione). Ad ogni modo l’idea della prima nazione spaziale è andata avanti (il che conferma, qualora ce ne fosse bisogno, la potenza dei soldi; non dimentichiamo che l’idea parte dalla mente dello scienziato e miliardario russo Igor Ashurbeyli…).

In data astrale 12.11.17 è stato lanciato il primo satellite della nazione spaziale. E questo, già di per se, è un indubbio successo. Praticamente un cubotto di meno di 3 kg che rappresenta il 100% del territorio asgardiano e la stessa percentuale dei suoi sogni.

media-26197-w600-q80.jpg

Fuori da qualunque vincolo (e questo è potenzialmente un bene ed un male) con le nazioni terrestri, Asgardia è la terra di tutti (open, libera, pacifica, etc. etc.), ma per il momento, di nessuno.

Il satellite è partito dalla base Nasa, Wallops Flight Facility come compagno della (estremamente più grande e… quella che pagava sostanzialmente il lancio) Cygnus destinata a rifornire la ISS; Asgardia-1 sarà rilasciato prima dell’attracco alla ISS.

Il satellitino contiene praticamente solo dati, circa mezzo tera dato che i primi 100000 abitanti della fanta-spazio-nazione avevano la possibilità di caricare fino a 500 kB ciascuno di foto, testi, immagini, e cose del genere (ai successsivi 400000 lo spazio era ridotto a 200 kB).

Praticamente una bandiera virtuale per mettere un segnaposto, piccolo ma pur sempre spaziale, al nostro sogno di liberà.

 

WU

LAGEOS, the time capsule

Laser Geodynamics Satellites (LAGEOS) is a couple of (artificial… of course) satellites orbiting around our Earth. Their original aim was to provide an orbiting laser ranging benchmark for Earth geodynamical studies. It was back in the 1976 when LAGEOS-1 was launched by NASA followed in 1992 by LAGEOS-2 (NASA and ASI…). Two launches without too much claim and advertising for one of the most long-lasting missions ever conceived.

Both satellites are actually two balls (looking like golf balls) made of high-density passive laser reflectors. More in detail, they are brass spheres covered with aluminium of 60 cm diameter and 400-410 kg mass. Spread over they surfaces there are 426 reflectors made of glass and germanium. Measurements can be made by transmitting from Earth ground stations pulsed lasers toward the satellites that reflect the pulses and measuring the travel times. In addition the shape, attitude-independent measurements and the orbit allows for using the satellites also for determine the geoid shape, the tectonic plate movements, and the distortion predicted by the general relativity caused by a rotating mass.

In the end the two satellites are completely passive, without any attitude control means and without any electronic on board. In order to provide a stable reference for geodynamical studies (which means an extremely high accuracy in determining the positions of points on the Earth), the golf balls have been placed in very stable medium altitude orbits at about 5900 km altitude.

As a consequence of the orbital altitude, shape and mass of the satellites, LAGEOS-1 (LAGEOS-2 has very similar features…) is doomed to reentry on Earth in … 8.400.000 years! At some point in more than 8 millions years some of our descendant (…or any other species enough intelligent to survive to us) will see a ball coming from the past.

A real time capsule.

This was luckily clear already at the time of launch. LAGEOS-1 indeed carries a plaque, made by C. Sagan (of course…) indicating the future of the humanity expected at the time of satellite launch.

LAGEOS1.png

The plaque includes the numbers 1 to 10 in binary. In the upper right is the earth with an arrow pointing to the right, indicating the future. It shows a #1 indicating 1 revolution, equaling 1 year. It then shows 268435456 (in binary; 228) years in the past, indicated by a left arrow and the arrangement of the Earth’s continents at that time. The present is indicated with a 0 and both forward and backward arrows. Then the estimated arrangement of the continents in 8.4 million years with a right facing arrow and 8388608 in binary (223). LAGEOS itself is shown at launch on the 0 year, and falling to the Earth in the 8.4 million year diagram.

I’ll never see the satellites with my own eyes (well… I guess), and I can imagine the astonishment of anyone seeing that plate in millions of years (it si much more than a fossil we can discover nowadays!) .

My hope, as per today, is that the satellites will be still checked (even form time to time) for the millenniums to come, to avoid that far from eyes the satellites will be forget while they can still be considered as alive.

WU

AAA: 2014 MU69 cercasi nome

Sappiamo solo che li c’è qualcosa. Nascosto nelle profondità del cosmo, ghiacciato, piccolo, inesplorato (finora) si trova un bel sassone che ha avuto la sola (s)fortuna di trovarsi sul cammino di New Horizon (… proprio lei!)

Scoperto nel 2014, si tratta di un asteroide della fascia di Kupier, a 6.5 miliardi di km da noi. Per puro caso, il masso ha occultato lievissimamente una stella proprio mente una rete terreste di 24 telescopi la stava osservando. Tanto (e parecchia fortuna per quanto riguarda la traiettoria) è bastato per mettere l’asteroide nella tabella di marcia della sonda.

2014 MU69, non decisamente un nome accattivante per il corpo celeste più lontano mai esplorato. Ma in attesa di arrivarci la NASA ha lanciato un sondaggio/concorso: come chiamereste il mondo di ghiaccio?

Nominations can be serious or whimsical, or anything in between.
[…] It’s a good idea to propose two or more names that go together. The reason is that we don’t know how many bodies to name! Some observations suggest that MU69 might be a binary—two objects tied together by their mutual gravity. If the two bodies are touching, a “contact binary”, then we will only need one name. However, if they are separated by empty space, we will need two names. Of course, there may be more bodies—perhaps small moons—orbiting out there as well. That’s what exploration is all about—after all, New Horizons is flying into the unknown.

Ecco sotto lo stato dei nomi proposti e più votati ad oggi.

2014 MU69vote

Ho appena votato per “Tangotango & Tawhaki“; dio della creazione Maori e sua moglie, così se New Horizon trova anche qualche altra piccola luna gli diamo il nome dei figlioletti (se non ne avevano mi lascio la porta aperta sostenendo che qualunque entità del creato possa essere loro figlio).

Data di scadenza 01.12.17; nome “ufficiale” comunicato il 30.01.18.

WU

PS. Tutto bellissimo, ma, spulciando nelle Rules, mi cade l’occhio su:

  • The SETI Institute and NASA’s New Horizons project have the sole right to determine which nominations are added to the ballot.

  • The New Horizons Team and NASA will take into consideration the results of the voting, but those results are not binding.

Fidget Spinner: spaziale

Ovviamente ci siamo già soffermati a sproloquiare sulle trottoline 4.0 (… sono figlie dell’industria 4.0, no?). E non ditemi che non vi siete ancora chiesti: “si, ma in assenza di gravità come funzionerebbero?”. Come se la prima cosa che venisse in mente quando facciamo un giochino è come questo possa reagire ad una situazione in cui difficilmente (mai?) ci troveremo.

Ad ogni modo, se me lo chiedo io, sono un cretino come tanti (anche se non a questi livelli…), se a chiederselo è la NASA, allora le cose stanno diversamente. E soprattutto i fondi per scoprirlo: vai dai cinesi, ne compri una decina, ci metti il logo NASA e le dai ad u po’ di astronauti giocherelloni sulla ISS. Il risultato (quale?) è assicurato.

 

Sostanzialmente girano molto più a lungo, per via dell’attrito ridotto (e lo sarebbe ancor di più se la trottolina fosse usata fuori dalla ISS ove anche “l’atmosfera” è assente. Il moto viene trasmesso anche al “povero” astronauta che si mettere a far parte esso stesso del fidget spinner (sulla tessa l’attrito, figlio della gravità, vi salva dal vorticoso moto) ed al centro della trottolina che dopo un po’ pare ruotare assieme a tutto il resto.

WU

PS. Video perfetto, specialmente se decontestualizzato, per gli avversatori della ricerca spaziale: “tanto li paghiamo per andare a giocare nello spazio!”. … parzialmente, ma solo parzialmente, vero.

Itsy bitsy spacecraft

Your smartphone is something like one third of what you had only ten years ago (… yes, mobile phones are around for more than a decade now). A laptop nowadays has much more computing power of a computer of some thirty years ago taking up one room.

I’m not the first one (and I’m not a magician) to underline that we live, since years, in the era of miniaturization. Just a few stuffs make exception. The most remarkable ones, belonging to the class “the larger the better”: yachts, optical lens, televisions, forsurealotofotherstuffs, spacecraft.

Well, the last category… maybe and may be not. Of course (Actually, this holds in general), it depends of the mission goal. And mission budget.

In any case an idea like this one seems to me definitely disruptive.

We are not talking about reducing sizes, we are now talking about making an entire spacecraft over a single PCB. Practically no more “mass” and all issues related to it: costs, launch constraints, shock and vibration problems, mechanical structures, interfaces, etc.

Sprites.png

Bit-sized spacecraft. Yet working.

Thousand and thousand smaller than any spacecraft known, cubesat including, still maintaining the basic functionalities (of course we are looking at small and functional aspects, not performances…).

A Sprite is only 3.5 centimeters square and weighs four grams, but packs a solar panel, radio, thermometer, magnetometer for compass capabilities and gyroscope for sensing rotation.

And in future the spacecraft will be completed by cameras (…yes, the one of your smartphone might be sufficient) and MEMS sized thrusters.

In principle each Sprite is independent, but for the first demo flight these spacecraft will hitch a ride into a low Earth orbit on Max Valier and Venta-1 satellites (… yes some radio contact with the main probes are undergoing…)

Now we are definitely on the way of sending something to another star, in the STARSHOT fashion.

In the last decade and a half, rapid technological advances have opened up the possibility of light-powered space travel at a significant fraction of light speed. This involves a ground-based light beamer pushing ultra-light nanocrafts – miniature space probes attached to lightsails – to speeds of up to 100 million miles an hour.

Yes, IMHO, the very only chance that we have to send something really far from us, without thinking of using wormholes or teletransport, is to make is small and small and provide enough energy sufficient to reach some tens percent of the speed light.

WU

PS. A sort of evolution of the past space needles of the West Ford (here).

PPSS. And, in between the “attached chip satellite” version and the interstellar trip, the Sprite satellites are planned to the part of the KickSat project. A NASA project (started with Kick Starter and now part of the ELaNa program) planned to be a technology demonstration mission

It is a 3U CubeSat that will house a 1U avionics bus and a 2U Sprite deployer. KickSat […] will carry over 100 Sprites into an orbit with an altitude between 300 and 350 kilometers where they will be released as free-flying spacecraft.