42

(-80538738812075974)^3 + (80435758145817515)^3 +(12602123297335631)^3 = 42

Per risolvere questa equazione ci sono voluti circa 65 anni.

Ok, ok, diciamo le cose come stanno.

Quali sono i tre numeri interi (quindi non decimali, quindi senza le virgole) che elevati al cubo e sommati fra loro danno come risultato un numero preciso? Ovvero, matematicamente quali sono x, y e z tali che

x^3 + y^3 + z^3 = k

con K un numero noto?

Quella sopra è una particolare forma dell’equazione diofantea. Nel caso x^n + y^n = z^n (n è un parametro) sappiamo (il che vuol dire abbiamo dimostrato matematicamente e non trovato solamente soluzioni numeriche) che ha infinite soluzioni per n=2 mentre non ne ha nessuna per n>2. Nella sua versione esponenziale x^a – y^b = 1, in cui le variabili sono agli esponenti, sappiamo che esiste un’unica soluzione per x=b=3 e y=a=2 (mi affascina sempre vedere che in fondo le soluzioni “misurabili” per queste equazioni vedano tutti numeri piccoli, semplici, quotidiani, come attori…).

Ad ogni modo, tornando a noi, la domanda di cui sopra può sembrare banale (e quindi fa incaponire ancora di più appassionati, esperti e professionisti) ed in effetti per alcuni valori di k lo è.

La “sfida” fu posta in tale forma nel 1954 e furono trovate “velocemente” (diciamo nel giro di una trentina di anni) le risposte per tutti i valori di k fra 0 e 100 con due notevoli eccezioni: 33 e 42.

Per la soluzione dell’equazione per questi due valori (ma che avranno poi di così strano?) abbiamo dovuto aspettare il 2019. Ad inizio anno il 33 è capitolato ed a settembre dello stesso anno è stata la volta del 42.

Il metodo utilizzato per la soluzione è più che altro numerico (… diciamo pure che il “vero problema” è che equazioni in questa forma sono difficilmente invertibili ed è facile incappare in soluzioni decimali…): si butta l’equazione in pasto ad un super-mega-computer e gli si fanno provare tutte le combinazioni possibili (beh… più o meno) fino ad avere come risultato… 42.

Il computer utilizzato per risolvere l’equazione ha sfruttato il calcolo parallelo avvalendosi dei processori di un equivalente di 500.000 pc domestici (una sorta di pc-globale direi…) e dopo qualche milioncino di ore di lavoro… ecco la risposta. Ed è stata anche una botta di fortuna! In fondo il risultato è arrivato in “breve tempo”; il programma avrebbe potuto girare per centinaia di anni…

Ah, e non è tutto. Ci siamo limitati per ora a completare le soluzioni fino a k=100. Considerando k che va da 100 a 1000, mancano ancora molte soluzioni: 114, 165, 390, 579, 627, 633, 732, 906, 921 e 975

La sfida è ancora aperta (calcolatrice alla mano vi posso assicurare che per quanto semplice sia la domanda è sostanzialmente impossibile rispondere…)

WU

PS. Ovviamente come non pensare immediatamente (ed anche prima) a questo:

Ci aveva sicuramente preso!

PPSS. Nella smorfia, per la cronaca (non so perché mi sia venuta in mente questa domanda non appena ho letto la notizia e non sono certo solito consultare la smorfia…), il 42 è il numero del caffè. Pensateci, domattina.

Annunci

Ecco a voi… i Raggi N

René Blondlot era un professore all’Università di Nancy (oltre che membro di una serie di Academie, tipo l’Académie des Sciences). Era il 1903 quando a suo nome uscì su una rinomata rivista scientifica un articolo in cui illustrava la sua ultima scoperta. Un nuovo tipo di radiazioni, i raggi N.

Blondlot.png

Parliamo di un periodo, l’inizio dello scorso secolo, in cui la radioattività la faceva da padrona: i raggi X erano stati scoperti meno di un decennio prima ed evidenza di radiazioni alfa, beta, gamma saltavano fuori da ogni dove. Si viveva, quindi, in un periodo in cui il nervo su nuovi possibili tipi di radiazioni era più che scoperto.

Blondlot, studiando i raggi X (più precisamente utilizzando la macchina di Röntgen al fine di scoprirne il funzionamento) notò delle anomalie luminose, per lui spiegabili solo attribuendole ad un nuovo tipo di radiazioni, i Raggi N (molto più potenti dei Raggi X!). In men che non si dica, l’osservazione divenne scoperta, la scoperta articolo e l’articolo pubblicazione.

Blondlot, di certo non l’ultimo pellegrino in tema di radiazioni, perfezionò i sistemi per rilevare ed addirittura produrre i “suoi” Raggi N. Eliminò accuratamente possibili fonti di interazioni e disturbi esterni per essere sicuro di vedere solo i raggi cercati. Blondlot scoprì che i Raggi N sono emessi da metalli riscaldati e da parecchie fonti naturali, fra cui il nostro sole.

I Raggi N potevano attraversare spesse lastre di metallo e corpi in generale opachi alla luce visibile (che a sua volta pareva interagire con i Raggi N). Acqua e cristalli di salgemma, al contrario, li assorbivano.

A partire dalle pubblicazioni e dagli esperimenti di Blondlot, la scoperta (ed il giusto entusiasmo per essa) di diffuse velocemente a tutto il mondo scientifico fino a raggiungere Charpentier, fisico-medico anch’esso di rinomata credibilità, che scoprì l’emissione di Raggi N anche da parte di nervi e muscoli, umani. Ah, l’emissione permaneva anche post-mortem. La scoperta poteva dunque essere usata per scopi medico-legali e diagnostici.

Perché fermarsi: i Raggi N potevano essere immagazzinati. Ed in maniera piuttosto semplice, bastava un semplice mattone avvolto in un foglio di carta nera ed esposto al sole. I Raggi N emessi dal sole, riemessi da mattone rimaneva intrappolati dalla superficie nera della carta.

Nel 1905 arrivò quel guastafeste di Robert W. Wood, professore di fisica alla John Hopkins University. Indovinate cosa voleva fare il signor Wood? Beh, riprodurre gli esperimenti di Blondlot & Co. Indovinate l’esito? Non ci riuscì. Consolato, si fa per dire, dall’insuccesso dei suoi colleghi d’oltreoceano, decise quindi di recarsi a Nancy per vedere i laboratori che avevano dato la luce ai Raggi N… ed imparare qualcosa (si, nella Academia vera, non ci si approccia con scetticismo/arroganza ma con Umiltà).

Blondlot ripropose al collega l’esperimento originario in cui Wood, tuttavia, non notò alcuna variazione di luminosità (le famose anomalie luminose) che avevano fatto gridare Blondlot alla scoperta. La campagna sperimentale proseguì; Blondlot intendeva misurare e far vedere al collega la deviazione subita da un fascio di Raggi N incidenti su un prisma di alluminio. L’apparato sperimentale prevedeva un prisma di alluminio (ovviamente), un sistema di focalizzazione ed uno schermo fluorescente che fungeva da rivelatore dei raggi N (quelli deflessi). Il team di Blondlot voleva dimostrare quattro differenti posizioni nella deflessione, ovvero quattro differenti lunghezze d’onda dei Raggi N. Anche in questo caso, tuttavia, Wood, non notò i risultati che Blondlot ed il suo team volevano fargli vedere.

A questo punto Wood chiese semplicemente di ripetere l’esperimento. Non visto rimosse il prisma di alluminio dall’apparato sperimentale. Inutile dire che i suoi colleghi non fecero altro che notare le stesse cose e confermare i risultati del precedente esperimento.

Wood lasciò Nancy.

Rientrato in patria pubblicò un resoconto circa ciò che aveva visto durante il suo soggiorno a Nancy, e soprattutto ciò che NON aveva visto. I Raggi N, sostenne, esistevano solo nella mente dei suoi scopritori i quali, certamente in buona fede, si erano fatti forse trascinare troppo dall’entusiasmo del periodo per le emissioni radioattive fino a voler vedere ad occhio nudo tenui (se esistenti) variazioni di luminosità che avevano evidentemente una natura assolutamente casuale. Si erano autoconviti di una grande scoperta in preda all’entusiasmo ed avevano voluto vedere (e trasmesso!) una ripetibilità delle osservazioni che non aveva attecchito in una mente “esterna”.

I sostenitori dei Raggi N, anche dopo lo smacco, giocarono le loro ultime carte. Per osservarli serviva parecchia sensibilità (tipica, sostennero, soprattutto delle razze latine). E questo è evidentemente indice che il castello era crollato.

Blondlot rifiutò di sottoporsi ad un esperimento pubblico e decisivo per provare l’esistenza o meno dei Raggi N (ulteriore indicatore che qualcosa che anche a lui non tornasse… ma evidentemente preferiva non subire “pubblica gogna”). Blondlot morì nella sua Nancy nel 1930.

Non è una storia di frodi o menzogne, è una storia di forti convinzioni che portano a distorcere le evidenze del metodo scientifico. Non erano gli anni in cui con scoperte del genere di odorava un business milionario; oggi si. All’autoconvinzione tende ad aggiungersi la truffa (io dell’E-Cat, pro cause, non ho mai parlato).

WU

PS. Ah, Raggi N, da Nancy, ovviamente.

Lo sbiadimento periferico

Continuando con la serie illusioni ottiche (vulg. giochi per flipparsi la mente mentre si cerca di non pensare o si è coscienti che si dovrebbe pensare ad altro).

La nostra mente, e tutte le “periferiche” ad essa connesse funziona in un modo geniale e sopraffino e spesso e volentieri facciamo fatica noi stessi ad accorgercene.

Se fissiamo una scena, ad esempio, la mente è in grado di concentrarsi su ogni minimo dettaglio con dei micro movimenti dell’occhio che, fra una battuta di ciglia e l’altra, ci consentono di percepire l’ambiente circostante in ogni dettaglio. Ma la mente va oltre: i dettagli immutabili vengono “scannerizzati” sono una (o poche) volte. La mente non si concentra più di tanto sulle cose statiche preferendo focalizzare la propria attenzione sulla realtà in movimento.

Benissimo. Cosa succede se forziamo la mente a concentrarsi su una scena assolutamente statica? Beh… proviamo. L’immagine sotto è esattamente questa scena fissa, statica e (diciamoci la verità) neanche troppo entusiasmante.

TroxlerImg
Forzare ma mente significa, nel caso particolare, costringersi a guardare il puntino nero nel centro evitando di sbattere le palpebre. Nel giro di qualche secondo (beh, forse qualche decina si secondi) l’immagine inizierà a dissolversi e le tenui sfumature lasceranno posto ad un bel riquadro, uniformemente ed insipidamente… grigio. Provare per credere.

Era il 1804 quando Ignaz Paul Vital Troxler, medico e filoso svizzero (l’epoca in cui la commistione delle mansioni scientifiche ed umanistiche era un altro modo per aprire la propria mente), fece notare (peripheral fading) che fissare qualcosa con scarsa attenzione ed intensamente porta a far sparire, dalla nostra mente, l’immagine di ciò che stiamo guardando. Il cervello gestendo migliaia di stimoli contemporaneamente tende infatti a scartare immagini statiche ed insignificanti. Finché anche guardandole non le vediamo più.

I nostri sensi, più in generale, si abituano a sensazioni persistenti nel tempo (da cui: l’omo è quella bestia che si abitua, no?!); non ci accorgiamo del peso dei nostri vestiti, degli occhiali che abbiamo in volto oppure del profumo che ci siamo messi la mattina. Ci abituiamo, ed i sensi prima di noi. Il cervello risparmia risorse sorvolando sulle cose meno interessanti e concentrandosi sugli stimoli più salienti.

Non preoccupiamoci, è difficile che ci metteremo mai, nella vita reale, a fissare una immagine tenua e sfocata con sguardo perso e fisso. I micromovimenti dell’occhio ed il trambusto della quotidianità almeno in questo ci aiutano. Un buon modo, tuttavia, per sondare meccanismi di noi stessi a cui siamo inconsciamente abituati dalla nascita.

WU

PS. Funziona (stranamente) anche con me. Se avete qualche “problema” cambiare angolazione o la luminosità dello schermo dovrebbe risolvere…

Turritopsis dohrnii, un ossimoro vivente

C’è che dice di voler vivere per sempre, chi non ci pensa neanche (il sottoscritto) e chi lo fa e non lo pubblicizza più di tanto.

Sto farneticando sulla Turritopsis dohrnii, un piccolo bestio marino (Hydrozoa, per i puristi) che non misura più di pochi cm eppure è in grado di fare qualcosa che fa gola a tanti, tantissimi (che di Hydrozoa non hanno nulla): ringiovanire.

Turritopsis dohrnii.png

Sono tecnicamente una sorta di meduse in grado di ringiovanire riportandosi ad uno stato di maturità sessuale antecedente al loro stato attuale. Il che biologicamente vuol dire… ringiovanire. La medusa, inoltre, è anche l’unico essere vivente (noto finora) che è in grado di invertire il proprio sviluppo anche allo stadio maturo adulto… eccezione più unica che rara dato che anche altri medusini sono in grado di invertire la propria maturità sessuale ma solo fintanto che le gonadi non sono pienamente sviluppate (ovvero fintanto che non sono proprio completamente sessualmente maturi).

Alla base del meccanismo di inversione sembra possa esserci quella che si chiama “in gergo” transdifferenziazione cellulare; ovvero un fenomeno in cui le cellule, sottoposte a determinati stimoli ambientali (stress nel caso della Turritopsis dohrnii), riacquistano una sorta di totipotenza (tipo staminali) propria dell’età giovanile. La medusina inizia a non esser più trasparente, a riassorbire i tentacoli e ad assumere una forma a quadrifoglio tornando a sembrare, comportarsi, essere biologicamente in tutto e per tutto simile ad un polipo di quelli presenti in un uovo appena fecondato. Magia.

La storia di questa “scoperta” è un chiaro esempio di serendipity. Un giovane biologo marino in una sorta di routinaria esplorazione (delle acque antistanti Rapallo, per la cronaca) stava catalogando Hydrozoa. La medusa fu trasportata, come tanti altri campioni della sua specie, in un acquario per studiarla. Le condizioni dell’acquario non erano, però, ottimali. La medusina fu sottoposta ad un inaspettato stress che la fece “invecchiare” precocemente, tant’è che il giorno successivo quando il biologo l’andò a prelevare per studiarla vi trovò un piccolo polipo (stadio procedente del suo sviluppo sessuale).

Il ciclo di ringiovanimento potrebbe essere effettivamente infinito (ma davvero allora la morte non tocca a tutti?). Il fatto che le medusa tenda a ringiovanire non significa, ovviamente, che è immortale. In particolare in cattività sopravvive poco e male (il record è qualcosa attorno ai due anni) ed è vittima di parecchi predatori. La troviamo un po’ ovunque, e soprattutto, nel mediterraneo e la ignoriamo regolarmente… almeno in questo la medusa non ci smentisce. Chissà se ci comporteremmo, e come percepiremmo il futuro, se ci fosse data questa possibilità. Questo parallelismo è fin troppo facile…

WU

Il destino dei disattenti

… è la disoccupazione.

Per quel che mi concerne queste sono semplicemente cazzate. E quasi mi vergogno a dargli ulteriore rilevanza parlandone (anche se passa sotto il cappello di “ricerca” con tanto di fondi, ne sono certo, e pubblicazioni associate…). Oltre al fatto che mi pare anche una conseguenza abbastanza banale che in qualche modo potevamo anche immaginarci.

In this large population-based sample of kindergarten children, behavioral ratings at 5-6 years were associated with employment earnings 3 decades later, independent of a person’s IQ and family background. Inattention and aggression-opposition were associated with lower annual employment earnings, and prosociality with higher earnings but only among male participants; inattention was the only behavioral predictor of income among girls. Early monitoring and support for children demonstrating high inattention and for boys exhibiting high aggression-opposition and low prosocial behaviors could have long-term advantages for those individuals and society.

I bambini di meno di sei anni hanno già il loro destino segnato. Se a quella età sono disattenti ed irrequieti hanno un’alta probabilità di restare disoccupati e fancazzisti, se invece sono attenti, socialmente integrati (praticamente bimbi da manuale) allora per loro la strada è tutta in discesa.

Ora, a parte le correlazioni, che tanto si potranno sempre trovare, fra il comportamento di un bimbo in età prescolare ed il suo destino da adulto, vi pare una cosa sensata ignorare tutto quello che sarà poi l’effettiva crescita del “giovane adulto” dai sei ai trentacinque anni?

Bimbi “pro-sociali”, interessati agli altri, integrati nel contesto in cui vivono, proattivi nelle attività, etc etc, hanno più probabilità di avere uno sfolgorante futuro, fare carriera e guadagnare tanti bei soldoni. Per tutti gli altri è meglio saltare dalla rupe.

La ricerca di per se vuole mettere in correlazione l’approccio comportamentale dei bimbi a livello scolastico/sociale/didattico con i possibili risvolti, positivi o negativi, nella vita professionale che poi avranno da adulti. Lo studio ha analizzato 2850 bambini che hanno frequentato l’asilo a partire dal 1985 e li ha “seguiti” fino al 2015… anno in cui avrebbero dovuto ormai essere nel pieno delle loro occupazioni lavorative. Il legame che la ricerca ha (voluto) evidenziare è quello fra la disattenzione nell’età dell’infanzia con esiti lavorativi avversi a lungo termine. Boh… per me poteva anche correlare il colore dei capelli con le inclinazioni sessuali, sarebbe stato altrettanto valido…

Mi rendo conto di stare un po’ estremizzando una analisi statistica che può anche avere un fondamento, ma la cosa su cui vorrei portare l’attenzione è che è (anche e soprattutto) come il bimbo cresce a determinare il suo futuro. Le inclinazioni personali, che di certo dominano fino a sei anni, contribuiscono si ad un futuro sfavillante o meno, ma non direi che la strada è segnata. Ne in un verso, ne nell’altro.

L’unica cosa che apprezzo di tale “ricerca” è che non si è tirato in ballo il quoziente intellettivo dei giovani virgulti, lasciando il destino della disoccupazione solo al non aver condiviso la merenda con il compagno di banco 🙂 .

WU

Anomalia metallica lunare

Una astronave aliena sepolta sul nato nascosto della luna. Un enorme giacimento di adamantio celato da secoli di polveri. Un indizio della civiltà che ci sta osservando come fossimo pesci rossi in un acquario. O quello che vi viene in mente… in fondo una delle più belle ed intriganti ripercussioni dell’esplorazione spaziale è proprio quella di alimentare la fantasia. Che poi sia poco (o nulla) attinente con la realtà poco importa, basta che non diventa pseudo-scienza o alimenti qualche bufala on line… d’altra parte la fantascienza è sempre esistita, no?

Tornando a noi, la notizia di questi giorni è che è stato rilevato da ben due missioni Nasa in orbita attorno alla Luna una strana massa. Li, sul nato nascosto del nostro satellite c’è un immenso cratere, ad occhio simile a tanti altri, ma che “visto bene” (in realtà osservato diversamente) cela uno strano segreto.

Il Bacino Polo Sud-Aitken è un enorme cratere da impatto del diametro di circa 2.500 chilometri che copre circa un quarto della superficie lunare. Li, sia le due sonde Grail (Gravity Recovery and Interior Laboratory) che la sonda Lro (Lunar Reconnaissance Orbiter), hanno misurato (quella che tecnicamente si chiama anomalia gravitazionale, tipo questa…) qualcosa di decisamente anomalo. Le informazioni ricavate hanno infatti indicato che il bacino ha una densità nettamente superiore alla media della superficie lunare non giustificabile anche assumendo che in quel punto la superficie sia ricca di materiali ferrosi.

MoonMetallicBulge.png

Si è dunque, forzosamente, dovuti giungere alla conclusione che una grande (qui l’articolo Deep Structure of the Lunar South Pole-Aitken Basin), grandissima, enorme massa metallica si estende per circa 300 chilometri sotto la superficie di quel cratere. Se la volessimo paragonare a qualcosa stiamo parlando di una massa che è cinque volte più grande ella Big Island delle Hawaii (ovvero circa cinque volte più grande del piemonte…).

Fantascienza a parte potrebbe trattarsi di un oceano di magma solidificato, verosimilmente ricco di ossidi di titanio; oppure proprio del nucleo dell’asteroide impattato che è ancora incorporato nel mantello della luna. Secondo alcune simulazioni, infatti, se il nucleo della Luna non è abbastanza fuso, la massa di ferro-nichel di un asteroide caduto addirittura 4 miliardi di anni fa può rimanere sospesa fino ai giorni nostri nel mantello superiore (tra crosta e nucleo) invece che piombare diretta versa il nucleo del satellite.

Il mistero permane, ma i dati che stiamo acquisendo aumentano (e non mi aspetto che ci saranno buone sorprese per i complottisti/ufologi). Il rover Yutu2 della missione cinese Chang’e 4, infatti, sta attualmente attraversando il cratere, raccogliendo dati mirati per trarre una conclusione definitiva sull’anomalia.

Credere è bello, scoprire, almeno in teoria, di più.

WU

Il vagito dei grandi terremoti

Non significa esattamente prevedere i terremoti, ma avere una specie di indizio sull’entità degli stessi nei primissimi momenti è comunque un passo avanti… poi, considerando che è a costo quasi zero tanto meglio, no?

Quando comincia la rottura di una faglia quelli che sono detti “i grandi terremoti”, da magnitudo da 7 in su, hanno una specie di suono distintivo. E la cosa ancora più affascinante è che tracce di questa nascita sono “facilmente” (ora che lo abbiamo scoperto, ovviamente) desumibili dai dati del Gps. In particolare da quei dati che misurano il movimento del terreno a soli 10-15 secondi dall’inizio del fenomeno.

La ricerca, portata avanti dall’università’ dell’Oregon (dove sono ben allertati su un grande terremoto distruttivo…), analizza oltre 3000 terremoti accaduti a partire dai primi anni Novanta in Cina e negli Stati Uniti ed identifica una accelerazione nello spostamento del terreno entro i primi secondi di 12 grandi terremoti avvenuti tra il 2003 e il 2016. In pratica, se l’accelerazione del terreno, che manifesta precocemente le proprietà meccaniche del sisma, assume certe frequenze caratteristiche (rilevabili, appunto, dal segnale Gps), vi sono ottime probabilità che il terremoto sia particolarmente distruttivo.

We show through analysis of a database of source time functions and near-source displacement records that, after an initiation phase, ruptures of M7 to M9 earthquakes organize into a slip pulse, the kinematic properties of which scale with magnitude. Hence, early in the rupture process—after about 10 s—large and very large earthquakes can be distinguished.

I risultati della ricerca indicano che nei primi secondi dell’evento vi sono differenze identificabili nella frequenza delle oscillazioni delle onde sismiche, il che permette di fare una previsione su come evolverà l’evento. Lo scopo è, ovviamente, quello di migliorare l’accuratezza dei sistemi di allerta precoce (…tutti in attesa del temutissimo “Big One”…), anche se non vi sono applicazioni immediate della tecnologia a sistemi di allerta dato che da informazioni rilevabili solo ad evento già iniziato, ma la scoperta fornisce comunque una risposta fondamentale circa la differenza nell’origine di terremoti piccoli e grandi. Non è nell’evoluzione del processo di rottura la differenza, ma i mega terremoti sono proprio radicalmente diversi, dalla nascita, rispetto a quelli più piccoli.

EarthquakesCharacterization.png

Anche in questo caso, il suono che accompagna la nascita di questi eventi racchiude più informazioni di quante finora ne cogliessimo. Basta restare in ascolto della natura per capire cosa ci accade attorno. Se solo ci fermassimo ad ascoltare…

WU

PS. Ovviamente un cauto ottimismo è d’obbligo:

The challenge is that we’ve found average patterns. Individual earthquakes have their own personality. There can be variability. A magnitude 9 can accelerate at different rates. We have to wait longer to be super sure about what we are seeing.

La visione periferica serve sempre

… o per vedere fuori dal centro del nostro campo visivo oppure per darci una scusa…

Ok, metto le mani avanti: sto scrivendo questo post più che altro per auto-giustificarmi, non tanto perché credo nella spiegazione scientifica che viene presentata. Non metto in dubbio che vi siano alcune differenze biologiche (ovviamente), evolutive (meno male) e chissà quante altre fra uomo e donna, ma arrivare a dire che non riesco spesso a trovare quello che mi serve a causa di ciò ammetto mi serva più come giustificativo con me stesso piuttosto che come base scientifica di cui farmi forte.

In breve, uomini e donne sono diversi, ma mi serve una benedetta scusa quando ho le cose davanti agli occhi e devo chiedere “l’aiuto da casa”… Ah, non sono certo sia questione di pigrizia quanto di effettiva, inconscia disattenzione.

Comunque, mettendo la cosa su un piano semi-scientifico la colpa la possiamo dare alla diversa visione periferica nei due sessi. La visione periferica è quella parte del nostro sistema visivo che ci consente di percepire colori, forme e (soprattutto) movimenti che non sono esattamente davanti i nostri occhi. Piuttosto comoda durante la nostra evoluzione per percepire movimenti di possibili predatori che avvenivano fuori dal nostro campo visivo e metterci di conseguenza sull’allerta (e sperabilmente in salvo), ma anche per vedere cosa c’era attorno a noi che potevamo raccogliere e portare a casa.

Le donne hanno una visione periferica eccellente, sono in grado di vedere con buona precisione fino a circa 45° dal centro del loro campo visivo e riescono anche a raggiungere casi eccezionali di 180°. Gli uomini si fermano nettamente prima, attorno ai 20°, pare.

Il motivo evolutivo di questa differenza (di cui sono certo ce ne siamo accorti…) è da ricercarsi nelle abitudini (preistoriche, ovviamente) dei due sessi. Le donne che erano principalmente raccoglitrici, si occupavano di frutta, erbe e radici, ed avrebbero quindi sviluppato una capacità visiva più ampia per veder meglio cosa avrebbero potuto raccogliere attorno a loro. Gli uomini, invece, erano cacciatori ed avevano quindi bisogno di puntare la preda frontalmente e con precisione per cui concentravano la propria attenzione su un oggetto alla volta ed era sufficiente percepire ombre e sagome come visone periferica per mettergli di mettersi in salvo.

Oggi la differenza sta fra il cercare i pantaloni e trovarli oppure essere ricoperto di improperi quando “il gentil sesso” ce li indica docilmente. Continuo a pensare che concentrarsi un attimo risolverebbe la questione, ma è più facile che mi giustifichi dicendo (a me stesso, dato che se lo dovessi dire ad una donna non farei che peggiorare la mia situazione) che è colpa della mia visione periferica…

WU

PS. Mi viene anche da astrarre un pochino e dire che una visione periferica in senso lato che ci consenta anche di percepire quello che succede attorno a noi fuori dal nostro “cono d’attenzione” è di certo aiuto nella vita. Confermo, la visione periferica serve sempre…

Dickinsonia, cosa sei tu?

Potrebbe trattarsi del primo animale mai comparso sulla terra, ma a parte avergli dato un nome abbastanza poco evocativo ed aver trovato qualche incomprensibile e misterioso fossile non ne sappiamo effettivamente un granché.

Stiamo parlando di qualcosa come 600 milioni di anni fa, quando la terra di certo non si aspettava di vederci passeggiare come ne fossimo i padroni. La Dickinsonia, invece, era già comparsa. In realtà, dato che resti dell’organismo sono stati effettivamente rinvenuti (principalmente in Australia, ma non mancano tracce italiane), il punto non è tanto il quando, ma il cosa.

Stiamo effettivamente parlando di un animale estinto o di qualcos’altro (no, gli alieni non centrano… ancora)? Pare che all’interno dei fossili di Dickinsonia siano state trovate tracce di colesterolo il che lo renderebbe (assieme ad altre prove e tante supposizioni) a tutti gli effetti un membro del regno animale, ma i dati sono ancora pochi e frammentari e molti sono ancora orientati a considerare l’organismo un rappresentate (l’ultimo?) di un regno ormai estinto ben diverso da quello animale.

Un bestio (?) che poteva andare da qualche millimetro ad un metro e quaranta (!). Una specie di vermone piatto composto da una serie di segmenti tipo costole che emanavano da una sorta di cresta centrale. Una membrana univa le costole dando poi la forma all’organismo. Non aveva una chiara distinzione fra testa e coda e molto probabilmente all’interno della membrana si trovava una specie di liquido in pressione che rendeva la Dickinsonia una specie di cuscinetto (organismi “a trapunta”).

Dickinsonia.png

Il regno a cui la Dickinsonia potrebbe appartenere è quello dei Vendozoa (fauna di Ediacara) che sono organismi pluricellulari comparsi prima dei “moderni” phyla da cui poi noi tutti discendiamo. Senza entrare (per ovvia mancanza di competenze e non di interesse) nei dettagli della classificazione, la cosa che mi colpisce è che siamo davanti ad un organismo che potrebbe rappresentare il padre di noi tutti oppure l’ultimo rappresentate di un gruppo estintosi poco prima della fine del Proterozoico (beh, non esattamente ieri…).

Il modello “pneumatico” del Dickinsonia (e di molti Vendozoa) potrebbe essere una specie di prova evolutiva fallita, dato che non sembra molto adeguato ad un mondo in cui avrebbero poi dominato i predatori. Eppure vi sono effettivamente alcune affinità fra questo genere di organismi e gli antenati di molti degli organismi che troviamo dopo nella scala evolutiva; la simmetria bilaterale (che condividiamo anche noi, oggi) potrebbe effettivamente essersi evoluta da primitive simmetrie radiale attraverso forme intermedie come, appunto, la Dickinsonia. Le tracce di colesterolo, inoltre, aprono un’ulteriore spiraglio al fatto di avere davanti un nostro progenitore.

Insomma, più che altro siamo nel campo della ricerca, prove, ritrovamenti e soprattutto supposizioni. Che sia un nostro avo o l’ultimo rappresentate di una prova della natura, siamo davanti ad un organismo che a modo suo a fatto la storia, molto più di tante prove evolutive (mi piace chiamarle così) che vediamo ancora oggi attorno a noi (si, alludo a nostri simili) che lasceranno pure più tracce e meglio documentate, ma in un modo o nell’altro sono meno utili alla nostra evoluzione.

WU

PS. Ammetto, mi piace anche l’idea che ci sia gente che ancora studia questo genere di organismi. Studi e classificazioni che potrebbero sembrare di “lana caprina”, ma che evidentemente sono la motivazione di brillanti menti. Ed il tutto con buona pace del Dickinsonia es assoluta indifferenza di gran parte di noi.

Speedgate

Questo lo vedo bene per la serie: chissà come sarebbe se fosse fatto da un’Intelligenza Artificiale? (ve lo ricordate questo?).

In genere uno sport con le sue regole (ed i suoi sponsor…) per come lo conosciamo oggi è più che altro il frutto di una lenta e continua evoluzione partendo da tradizioni locali e giochi festosi o goliardici. Ovviamente non è che possiamo (perché?) attendere qualche altro secolo per vedere un nuovo sport (ma poi, ne sentiamo veramente il bisogno? Non mi ci sono mai soffermato, ma forse la risposta è si…) affacciarsi all’orizzonte. Quindi quale metodo migliore se non che chiedere ad un qualche software: “ma tu, che gioco faresti?”.

Diciamo che questa è più o meno la domanda fatta dall’agenzia AKQA che ci ha recentemente presentato Speedgate, il primo gioco “pensato” da una intelligenza artificiale (affascinante). Il processo è partito dando in pasta ad una rete neurale (la smetto con i paroloni, ma non è nulla di trascendente) circa 400 sport esistenti e chiedendogli di “migliorarli” (concetto molto lato) in un’unico sport, con tanto di regole e punteggi.

La gran parte degli sport concepiti da questo codice sono sostanzialmente irrealistici (tipo frisbee che esplodono…), ma con un po’ di iterazioni (che durano nettamente meno di secoli!) sono stati identificati tre possibili candidati dai quali Speedgate è emerso vincitore a seguito di un “play testing” reale (che lavoro figo…).

In soldoni il gioco (mi pare personalmente un gran mischione fra rugby, basket, calcio e pallamano) prevede due squadre di sei atleti (tre attaccanti, due difensori e un “portiere”) che si fronteggiano su un campo composto da tre cerchi uguali posti uno accanto all’altro. Al centro di ciascuna circonferenza si trova una porta senza rete composta due pali. Lo strumento di gioco è una palla ovale stile rugby (da calciare o prendere con le mani). Per fare un punto bisogna calciare la palla attraverso la porta centrale (che però non può però essere attraversata dai giocatori) ed a quel punto la squadra ha diritto a tirare verso una delle porte esterne. PEr ogni “attraversamento” di palla si ottengono due punti, ma visto che non c’è una rete nelle porte, si può guadagnare un punto extra se la palla passata attraverso la porta, un compagno di squadra la raccoglie e la fa passare nuovamente attraverso il portiere. Il tutto considerando che i giocatori non possono stare fermi e la palla non può essere trattenuta per più di tre secondi…

Mi pare più facile a farsi (forse) che a dirsi…

The event has six-player teams competing on a field with three open-ended gates. Once you’ve kicked the ball through a center gate (which you can’t step through), your team can score on one of the end gates — complete with an extra point if you ricochet the ball through the gate. You can’t stay still, either, as the ball has to move every three seconds.

Da cui il motto, anch’esso rigorosamente scritto dalla solita intelligente intelligenza: Speedgate: “face the ball to be the ball to be above the ball”.

Speedgate.png

Il gioco è stato “inventato” quasi per gioco dall’agenzia, ma AKQA sta discutendo con l’Oregon Sports Authority al fine di farlo ufficialmente riconoscere… e promette addirittura la possibilità di fare un torneo questa estate!

Diciamo che non mi aspetto (ed in fondo neanche gli stessi “ideatori”) che il gioco diventi la nuova fissa dell’umanità, ma di certo è un’altra fulgida dimostrazione di come oggi un codice è in grado di prendere “decisioni” o fare “scelte” anche in campi molto umani, come quello dello sport.

Le regole di Speedgate, in fondo, non sono particolarmente complesse e ci le poteva concepire anche una “vecchia intelligenza umana” (quindi non è che avevamo assolutamente bisogno di un codice per integrare equazioni differenziali altrimenti irrisolvibili…), ,a dubito che qualcuno ci avrebbe mai pensato. Ora il gioco può piacere o meno (io personalmente almeno lo vorrei provare), ma sicuramente è un’opzione in più sul tavolo che non avremmo avuto altrimenti. Lascio a voi elucubrazioni e divagazioni sul futuro che potrebbe attenderci.

WU