Tag: politica

Il silenzio al 38° parallelo

Dovete e dobbiamo immaginarci un posto che è un non-posto. Una terra di confine, demilitarizzata, area cuscinetto, arido nulla senza padrone. Un posto che ha un solo scopo (il che è già un lusso se confrontato con i tanti posti senza alcun significato): dividere altri territori.

Al 38° parallelo giace il confine fra le due Coree. E Seul, se non può essere presente li fisicamente, ne militarmente, non ha di certo rinunciato ad esserci vocalmente. La terra di nessuno è infatti quotidianamente, interrottamente, rumorosamente sferzata dalla propaganda di confine. Megafoni perennemente accesi che ci raccontano da che parte stare in una “guerra” che non ha ormai origine ne futuro.

I 4 km di questa zona cuscinetto sono infatti delimitati da un lato e dall’altro da solide ed impenetrabili recinzioni di filo spinato corredate da centinaia di altoparlanti che trasmettono musichette e slogan politici ostili all’altra metà.

Ma ora, da qualche giorno, un po’ di silenzio. Seul ha infatti deciso di zittire per un po’ i suoi megafoni per ridurre le tensioni alla vigilia del vertice tra Seul e Pyongyang previsto in questi giorni in un altro villaggio limitrofo a questa terra senza padrone, ove forse legalmente esiste un’autorità la cui percezione deve essere per forza di cose molto blanda.

Gli altoparlanti sono stati messi a tacere per la prima volta da tre anni a questa parte, a sottolineare come il clima di colloqui pacifici che si dice di voler instaurare questa volta forse potrebbe essere reale. A supporto di questa “distensione” vi è anche la non trascurabile notizia della sospensione dei test missilistici e nucleari e lo smantellamento del sito nucleare di Punggye-ri della corea del Nord (anche se la notizia non vuol dire dimenticarsi in un sol corpo di questo armamento…). Addirittura qualche mese fa Pyongyang aveva abbassato (… beh, ora non esageriamo…) il volume dei suoi slogan di confine in occasione delle recenti olimpiadi invernali.

Questo sarebbe il terzo vertice fra le due coree dal 2000 e ci si aspetta sia preparatorio a quello tanto atteso (e giustamente ancora misterioso) tra Kim e Donald.

Chissà se questo “silenzio stampa” in questa terra di mezzo ha in qualche modo alleviato realmente il peso delle giornate di chi ascolta(va) questa propaganda ogni giorno o se è solo la “notizia da pubblicizzare”, l’emblema (e ritorna il concetto di propaganda politica…) di un disgelo cercato, per ovvia comodità del frangente, dai vertici in uno (anzi due) paese martoriato nello spirito.

Guardo sempre con scetticismo la pubblicizzazione dell’anti-propaganda; mi ricorda la propaganda stessa… in stile orwelliano 1984…

WU

Annunci

Cecilia Mangini

Due compagni di vita: una fotocamera Zeiss Super Ikonta 6×6 ed il marito Lino Del Fra.

CeciliaM#1.png

Regista documentarista, fotografa e (scopriamo con tutta la calma del nostro secolo affrettato solo da internet e notizie social) anche una finissima intellettuale. Una delle prime donne che hanno raccontato la nostra Italia nel dopo guerra con una cinepresa. Ha subito la censura ed ha visto premi; ha vissuto profondamente il nostro paese nell’ultimo secolo ed ha visto e documentato storie, personaggio (fanta)politici della nostra storia contemporanea.

Ha lavorato con Pasolini per documentare periferie degradate e classi subalterne. Ha realizzato lungometraggi, cortometraggi, mostre fotografiche ed oggi la riscopriamo con interviste “alla vecchia nonnina”. Ha documentato il disagio sociale legato al boom economico e la vita delle classi operaie. Ha coperto i temi della sessualità, dell’aborto, dell’inquinamento, del capitalismo ed un po’ tutti gli aspetti che hanno caratterizzato l’Italia del secolo scorso.

CeciliaM#2.png

Oggi è colei che bacchetta (e può farlo a bun diritto) i politichelli (pentastellati in questo caso) di sbagliare congiuntivi e condizionali. Oggi è colei che può temporeggiare sul rispondere la propria opinione circa questo o quel politichello (renziani, in questo caso) per poi affondare con frasi tipo “quello che lui vuole si capisca di se stesso non è quello che lui è effettivamente” (notevole, cruda e verissima frase); “l’ambizione non riesce a nasconderla”… E non risparmi ne i piccoli borghesi “che sanno di non valere”, ne coloro che cavalcano quest’onda (leghisti, pour couse) e che “hanno bisogno di qualcuno che sia disprezzabile per sentirsi grandi”.

Ci taccia tutti di essere confusi, di mancare di obiettivo e mancare di guide.
Ho purtroppo l’impressione che la consideriamo (lei, come tante/i come lei) solo una simpatica vecchietta ancora lucida con un po’ di memoria/e storica/che del nostro paese e nulla di più. Personalmente vedo molto più un leader in lei ora che in tanti che si arrogano di esserlo.

Vorrei essere guidato anche da questa gente, che non ne ha, ad assoluta ragione, alcuna voglia. Affianchiamo ai giovani rampanti ed innovativi che cavalcano la nostra indecisione qualcuno che sia un leader e si ricordi da dove veniamo? Per non ripetere gli stessi errori, se volete, o per continuare sulla strade, se preferite, o infine, semplicemente per non cadere.

WU

Ne quid nimis

La secca legge dell’arte è questa: ‘Ne quid nimis’, niente più del necessario. Tutto ciò che è superfluo, tutto quello che possiamo sopprimere senza che la sostanza ne risenta, è contrario all’esistenza della bellezza. [José Ortega Y Gasset]

In questa lunga-lunghissima settimana di preparazione al giorno X delle elezioni politiche italiane, io, che non sono un politofago ed un talk-show compulsivo, ne ho sentite di cotte e di crude. E’ proprio il caso di dirlo.

Ho sentito parlare a sproloquio, promettere con la coscienza di mentire (e magari con la speranza di non essere scoperti) e promettere convinti di poter realizzare almeno una parte delle parole che areavano bocche di questa o quella fazione.

Ho visto facce giovani e vecchi tromboni; ripescati, volta-bandiera, fedelissimi (pochi). Ho visto correnti, fazioni, coalizioni, grandi coalizioni e iper-mega-inciuci (e come odio questa parola).

Una cosa non ho visto e men che meno sentito: il minimo. Non ho sentito frasi brevi e concise, magari non pronunciate a voce alta per imporre la propria idea sull’interlocutore o per ergersi a trainatore di folle. Non ho sentito concetti chiari e concisi. Non ho sentito programmi elettorali con pochi e chiari punti. Non ho sentito il necessario, ma tutto il soverchio.

Sono, come l’Italiano medio, un disilluso della politica, ma il semplice fatto che ne parlo tradisce questa corazza che mi vorrei mettere addosso. Sono ancora qui, con un voto (che non vorrei arrendermi a lasciare nel purgatorio dei voti inespressi) in bilico, cercando il necessario fra montagne di chiacchiere.

Parafrasando Bobbio, “Nulla rischia di uccidere la democrazia più che l’eccesso di democrazia” (per me una frase che dovremmo tutti stamparci a chiare lettere ed inquadrettarci sul comodino), direi che “Nulla uccide di più la politica che l’eccesso di politica”. E senza “rischia”.

E’ solo una conferma che la politica non è un’arte.

WU

PS- E non parlerò, giurin-giuretto, più di politica per queste elezioni, indipendentemente dall’esito post-elettorale.

La famiglia tradizionale

Ma dico io, siamo nel 2018 neanche fossimo nel 1820 (anno a caso durante il quale erano sicuramente più open mind di quanto ci vantiamo di esserlo oggi) … Mi date una definizione che mi convinca (cosa non facile), che non suoni come bigotta, catto-comunista, qualunquista, buonista, demagogica, stupida di “famiglia tradizionale”.

Si può essere d’accordo o meno sulle unioni civili, coppie di fatto, famiglie allargate e qualunque altro “abominio” secondo una morale che ormai sono felice di non capire più, ma bisogna proprio avere queste uscite per fare campagna elettorale?!

E poi, da quale pulpito… Ammesso che tradizionale=matrimonio, ed ammesso che tradizionale=figli dopo il matrimonio, La proponente di tale slogan non ha nulla di tradizionale. Oppure il suo concetto di tradizionale è diverso, di certo cosa possibilissima.
Praticamente vale tutto, basta chiamarlo “tradizionale” e far indignare qualcuno. Non mi piace sparlare, non mi piace trattare di temi pseudo-politici qui, non mi piace dare l’impressione di giudicare gli altri, ma proprio servito su un piatto d’argento non posso esimermi…

Allora, viva la famiglia quanto meno tradizionale possibile purché la sera te ne vai a letto stanco e contento.

WU

PS. Ed internet, ovviamente, non perdona (e non deve farlo):

FamigliaTradizionale.png

Asgardia: la nascita della nazione?

Mi ci ero già imbattuto qui. Ma la cosa mi continua ad affascinare molto più di qualunque nazione “con i piedi a terra” (dicitura la cui interpretazione può dipendere molto dalla nazione in questione). Ad ogni modo l’idea della prima nazione spaziale è andata avanti (il che conferma, qualora ce ne fosse bisogno, la potenza dei soldi; non dimentichiamo che l’idea parte dalla mente dello scienziato e miliardario russo Igor Ashurbeyli…).

In data astrale 12.11.17 è stato lanciato il primo satellite della nazione spaziale. E questo, già di per se, è un indubbio successo. Praticamente un cubotto di meno di 3 kg che rappresenta il 100% del territorio asgardiano e la stessa percentuale dei suoi sogni.

media-26197-w600-q80.jpg

Fuori da qualunque vincolo (e questo è potenzialmente un bene ed un male) con le nazioni terrestri, Asgardia è la terra di tutti (open, libera, pacifica, etc. etc.), ma per il momento, di nessuno.

Il satellite è partito dalla base Nasa, Wallops Flight Facility come compagno della (estremamente più grande e… quella che pagava sostanzialmente il lancio) Cygnus destinata a rifornire la ISS; Asgardia-1 sarà rilasciato prima dell’attracco alla ISS.

Il satellitino contiene praticamente solo dati, circa mezzo tera dato che i primi 100000 abitanti della fanta-spazio-nazione avevano la possibilità di caricare fino a 500 kB ciascuno di foto, testi, immagini, e cose del genere (ai successsivi 400000 lo spazio era ridotto a 200 kB).

Praticamente una bandiera virtuale per mettere un segnaposto, piccolo ma pur sempre spaziale, al nostro sogno di liberà.

 

WU

La morte di un poeta

A. D. 1973, il 23 Settembre a Santiago del Cile si spegneva un poeta che chiameremo, nome di fantasia, Pablo Neruda.

A. D. 1973, il 11 Settembre il Cile era caduto sotto la dittatura fascista di un dittatore che chiameremo, nome di fantasia, Augusto Pinochet.

Si da il caso che il nostro poeta era anche un attivo avversatore del suddetto dittatore. Che poi essere un avversatore nel suo ruolo di senatore, era praticamente come essere un accusatore (ora la smetto con queste rime di bassa lega). Al dittatore cileno (ma direi che il “dove” non è molto influente) le accuse non piacevano particolarmente tanto che il poeta risultava alquanto inviso agli occhi del potere (che in quegli anni ed in quei posti significava anche agli occhi della polizia di stato).

Neruda era notoriamente, o piuttosto ufficialmente, malato di cancro alla prostata. Con tale motivazione si ricoverò (?), forse per accertamenti, clinica Santa Maria in Cile durante un breve periodo in patria fra un esilio e l’altro. E qui subì una misteriosa, e potenzialmente letale, iniezione allo stomaco che avrebbe dovuto “alleviare il dolore” (chissà di chi ed in che senso…).

Benché malato al momento il poeta non era in fin di vita ed il fatto di avere un oppositore di istanza all’estero, sotto tiro in patria è effettivamente una ghiotta occasione. I sanitari della clinica in combutta con un un sicario (ed agente segreto CIA) al soldo del dittatore hanno (almeno in teoria diciamo che avrebbero potuto) orchestrato un sacrificale siparietto per far si che chi parlava bene, ma nella direzione sbagliata, la smettesse di blaterare.

Chiameremo il sicario Michael Townley, ovviamente altro nome di fantasia. Ed il soggetto in questione è anche sicuramente (nel senso che non si parla di illazioni, ma di prove) implicato nella morte di Salvador Allende (nome di fantasia), politico cileno socialista fermo avversatore del regime del dittatore. Quini prontamente eliminato.

Tornando al nostro racconto, comunque, pare che il poeta stesso si fosse accorto che l’iniezione aveva qualcosa di strano, a partire dal “dottore” che l’aveva praticata, proseguendo per gli strani arrossamenti dove gli era stata praticata per arrivare quindi alla inaspettata e repentina febbre conseguente ad essa. Invece che alleviare il dolore, il misterioso intruglio portò il poeta alla morte, nel letto della clinica nella quale era entrato da qualche giorno per accertamenti.

Il suo funerale divenne praticamente il primo momento di opposizione alla dittatura cilena.

I documenti “ufficiali” dell’epoca riportano tre diverse cause della morte (tumore, cachessia, insufficienza cardiaca) in altrettante copie del certificato. E le cartelle cliniche della struttura risultarono (praticamente dal momento stesso dell’accaduto) ovviamente sparite.

Il quadro è già sufficiente a dare un contorno noir al racconto, ma se si vuole ulteriormente completarlo si potrebbe anche dire che la salma del poeta è stata riesumata nel 2013 (40 anni dopo la morte!) proprio con lo scopo di identificare potenziali tossine letali o comunque cause della morte diverse dal tumore (beh, almeno per fugare possibili dubbi). Tale analisi non ha trovato nulla di eclatante, anche se è stato identificato un batterio di dubbia origine.

Spazio per continuare a elucubrare ce n’è a sufficienza, almeno fino a quando le origini naturali o artificiali, benigne o maligne del batterio non saranno accertate. Se da un lato l’eterno riposo del poeta non sta certo procedendo nel migliore dei modi, dall’altro il suo ergersi ad effige del regime dittatoriale lo ha reso altrettanto immortale almeno quanto la sua poesia.

WU

PS. Evito volutamente qualunque link; la rete è invasa di articoli semi-seri, titoli acchiappa clik ed immancabili bufale da complottisti incalliti.

Si, ma quant’è alto?

… e la cosa che mi stuzzica di più è che stiamo parlando di qualcosa che è sostanzialmente noto per la sua altezza…

Le misurazioni ufficiali (e Google) sostengono 8.848 m sul livello del mare per la vetta più alta del mondo. Ma le cosa sono (potrebbero) esser cambiate, anche e soprattutto a causa delle forti scosse di terremoto del Maggio 2015 (se non ve le ricordate sono quelle che hanno fatto qualcosa come 8000 vittime in Nepal, ma dato che stiamo parlando di qualcosa sufficientemente lontano da noi ci sta benissimo che il nostro cordoglio abbia avuto un veloce decorso… come natura, ahimè, vuole). Si erosione costante, il subcontinente indiano che preme verso la Cina, e piccoli assestamenti potrebbero aver contribuito, ma a seguito delle scosse di cui sopra si stima (per il momento mediante misurazioni satellitari) che la zona della vetta, a monte della faglia, si sia abbassata di circa 1 metro.

Quindi: altezza stimata Everest 8.847 m. Ma tocca rimisurarlo (e non è proprio come prendere la rullina).

EverestComparison.png

E poi ci si mettono gli aspetti politici. Il monte in questione ha un versante nepalese ed uno cinese. La spedizione del 1954 (l’ultima ufficiale) era di matrice indiana (Survey of India) e la Cina sostiene da decenni che la cima dell’Everest sia “solo” 8.844 m , quindi 4 metri in meno del valore ufficiale. Il Nepal, d’altro canto, vuole dimostrare anche di avere la capacità e la forza di organizzare una spedizione ufficiale a tali quote (cosa non banalissima, con mesi di preparazione e due finestre l’anno “sicure” per avventurarsi in cima).

Ed inoltre, quando siamo su ed iniziamo le misurazioni, lo strato di ghiaccio sotto i nostri piedi e da considerarsi o meno? Beh, allora l’altezza dipenderebbe dal luogo esatto della misurazione, dalla stagione ed anche dall’annata!

Diciamo che il numero preciso potrebbe arrivare, dubito che le controversie a riguardo si potranno placare e comunque la fama della montagna è più che altro legato al suo fascino (ad a tutti i suoi tragici morti); non è un caso che sia chiamata dai tibetani “santa madre dell’universo”.

WU

PS. E le cose si possono ulteriormente complicare. Se misuriamo il tutto dal livello del mare, è questione di metri, ma il primato dell’Everst è ancora ben saldo (in attesa dei futuri sconvolgimenti tellurici), ma se iniziamo a misurare dal centro della Terra?
Beh, il nostro pianeta assomigli ad una sfera, ma non è perfettamente rotondo. Il che pone alcune zone più vicine al centro di altre. L’Equador, in particolare, è significativamente più lontano dal centro della terra del Nepal.
Il che vuol dire che un bel montagnone equadoregno potrebbe essere, dal centro della terra, addirittura più alto dell’Everest. E si da il caso che il monte Chimborazo, montagna a sud di Quinto, misura “solo” 6.248 metri sul livello del mare.

Quindi, il punto più lontano dal centro della Terra è la vetta del monte Chimborazo, 6.384 metri. Everest secondo classificato, con 2 km in meno, 6.382 metri.

Dal fondo dell’oceano, invece, la cosa è ancora diversa ed il primato va al Mauna Kea che misura (pare) ben 10.200 m dal fondale marino…