Tag: nobel

Jocelyn Bell Burnell

Irlanda del Nord, 1943. La seconda guerra mondiale non era ancora conclusa e l’Irlanda del nord, oltre a non versare in ottime condizioni economiche, non aveva neanche un sistema sociale che agevolava le donne. Il sistema scolastico, in particolare, scoraggiava le ragazze a studiare materie scientifiche imponendo voti di ammissione nettamente più alti di quelli dei maschietti.

Ciò nonostante Jocelyn non era certo di quelle che si faceva scoraggiare. Dopo gli studi, rigorosamente scientifici, Jocelyn arrivò a Cambridge per un dottorato sotto la supervisione del radioastronomo britannico Hewish.

Non si sentiva all’altezza dell’opportunità offertagli e promise a se stessa di dedicarsi con tutte le sue forze alla costruzione del nuovo radiotelescopio che in quegli anni si stava progettando e poi a scoprire eventuali anomalie con esso.

E così fece.

Il Mullard Radio Astronomy Observatory fu terminato nel 1967. Subito Jocelyn si mise a lavoro ed in poche settimane trovò un segnale anomalo.

Le tabelle dei dati risultanti dal radiotelescopio erano all’epoca cartacei e lunghe centinaia di metri. Per qualcosa dell’ordine dei 5 mm ogni tanto, ma ad intervalli assolutamente regolari, compariva qualcosa che aveva catturato l’attenzione di Jocelyn.

Esclusa l’origine terrestre del segnale (… altro che qui) la prima idee fu (come natura vuole) che fossimo difronte al segnale di qualche omino verde che voleva parlare con noi (il primo acronimo dato all’anomalia era, infatti, LGM – Little Green Men).
L’idea si infranse contro la dura verità quando Jocelyn ne individuò altri tre con periodicità diverse e in tre differenti regioni di cielo (lontani parenti degli odierni FRB). Escludendo un assalto di alieni logorroici, la sorgente di quei segnali potevano essere solo stelle.

Jocelyn.png

Ma che stelle?

Beh, oggi sappiamo che stiamo parlando delle pulsar. Stelle di neutroni a rapidissima rotazione che concentrano in qualche decina di km una massa anche maggiore a quella del Sole. Roteando vorticosamente emettono ad intervalli assolutamente regolari fasci di radiazione elettromagnetica.

Jocelyn aveva scoperto le pulsar. Oggi usate come una specie di radiofaro astronomico; si usano per orientare sonde nello spazio profondo quando molti riferimenti mancano, per triangolare altri segnali radio ed eventuali ritardi nei loro segnali sono un’ulteriore conferma del passaggio di un’onda gravitazionale.

Per la scoperta delle pulsar nel 1974 fu assegnato il premio Nobel. Non a Jocelyn. Il premio andò congiuntamente ad Hewish (tutore di dottorato di Jocelyn) e a Ryle, un altro radioastronomo britannico. Jocelyn era “solo una dottoranda” (donna?), i Nobel non viene assegnato ai dottorandi (non fatemi bestemmiare).

Jocelyn dopo aver concluso il suo dottorato si sposò e dovette abbandonare la carriera accademica per seguire il marito nel suo lavoro in giro per il mondo (beh… non so in questo caso quanto sia migliorata la condizione della donna…).

Attraversò quindi un lungo periodo di discontinuità lavorativa e si dedicò a crescere suo figlio. Il tutto fino al 1993. Jocelyn non mollava.

Oramai con un figlio grande ed un divorzio alle spalle ritornò alla sua passione originaria per la radioastronomia. Divenne in breve il capo dipartimento alla facoltà di fisica della Open University (istituzione di studio e ricerca per studenti part-time e a distanza) ed in seguito presidente della Royal Astronomical Society. Divenne la prima donna a dirigere la Royal Society of Edinburgh e l’Institute of Physics del Regno Unito. Alla fine (?), nel 2018, si è aggiudicata lo Speciale Breakthrough prize per la Fisica Fondamentale.

Ammirazione profonda.

WU

PS. Ora (dopo il Breakthrough prize) ci siamo ricordati di lei e la rete e piena di link e news…

Annunci

75000$

Mi raccomando di non eccedere questa cifra. Non siate ingordi; è il limite della felicità. Attenzione, attenzione!

Cioè, se guadagnate anche solo un dollaro in più l’anno per voi non cambia nulla, anzi, è peggio! Ora sto semplificando, ma il limite esiste davvero e non l’ho di certo identificato io, bensì il signor Angus Deaton.

Chi è? Beh, premio Nobel per l’economia 2015, un minimo ci dovrà capire 😀 . Piccola precisazione: il Nobel per l’economia NON esiste, ma è compensato dal “il Premio della Banca di Svezia per le scienze economiche in memoria di Alfred Nobel“…

75000Allora sotto questa soglia voi, uomini medi (è molto probabile che il nostro economista guadagni di più poiché il solo premio gli renderà circa 950000$, quindi per essere felice non dovrebbe guadagnare nulla per più di 12 anni), avrete problemi a far quadrare i conti. Eppure sono certo che molti (di noi) riescono con molto meno…

Al di sopra di tale numero magico, invece, la vostra felicità decresce progressivamente (di certo non la mia che sono un cinico fautore de “i soldi non fanno la felicitá ma aiutano “) . Una specie di assuefazione o piuttosto assenza di ulteriori desideri. Ed anche qui sono certo che, almeno all’inizio, molti di noi ne avrebbero di modi per non essere tristi…

In ogni caso la ricerca del luminare non è una storiella. Lo scozzese trapiantato all’università di Princeton ha quotidianamente sondato quasi mille americani per due anni circa le loro aspettative sulla felicità. L’indagine ha portato alla mitica soglia di 75000$ ed al «paradosso di Deaton»: oltre una certa soglia di reddito l’ attitudine al consumo non cambia.

Deaton ha comunque un curriculum di tutto rispetto per studi di finanza comportamentale concentrandosi specialmente sulla distribuzione della spesa da parte dei consumatori, qual è il modo migliore per valutare e  quindi analizzare benessere e povertà e qual’è la percentuale fra spesa e risparmio di ciò che si guadagna.

Lo studioso è anche molto attento al tema della ineguaglianza economica nelle società ricche e, lungi dall’essere catastrofista (pare che la cosa sia ben evidente nel suo libro, che non ho ancora letto, La Grande Fuga) è convinto che il progresso tecnologico aiuterà a risolvere il problema.

Beh, di sicuro fissare un limite economico netto è una sfida che si presta a critiche, ma almeno allo scienziato è stato riconosciuto il suo impegno ed il pragmatico approccio alla disparità sociale che si crea nelle nostre “società evolute”.

WU

PS. Il riconoscimento gli è stato comunque assegnato per i suoi studi su un “modello di domanda quasi ideale”, i collegamenti fra consumi e reddito a livello micro e macro economico, e lo studio degli standard di vita e di povertà nei paesi in via di sviluppo.