Tag: Lloyd

Problemi di prospettiva

Dare la colpa a qualcosa, meglio se fuori dalla nostra giurisdizione, è lo strumento della natura umana per illudersi di mettersi al riparo dall’incertezza del futuro.

Le prospettive, ad esempio. E’ assolutamente certo (ne ho sproloquiato già a caso più e più volte, e.g. qui e qui) che le cose cambiano dal punto di vista dal quale si guardano. Cerchiamo di fare un passo ulteriore.

Lloyd081117.png

Una prospettiva “dal basso”, come stando stesi su questo pavimento di Lloyd, certamente esalta la difficoltà delle cose; altro che montagne di impegni, stando sufficientemente bassi è come non veder mai la fine neanche di uno spillo. Una prospettiva “dall’alto”, d’altro canto, sembra schiacciare tutte le basi e le fondamenta su cui una certa soluzione (ottimisticamente intesa come la cima “della montagna”) si erge.

In fin dei conti in entrambi i casi non si percepisce la vera “altezza” del problema, ed in assenza di questa mal si valuta il piano di azione; indipendentemente “dall’ampiezza dell’orizzonte delle possibilità”.

Guardare il cielo, ad esempio, lo si può fare da diverse prospettive, dal prato all’aereo, ma solo guardando le nuvole in faccia si capisce quanto sono pesanti/leggere (… e foriere di pioggia).

Forse stare in piedi (spalle dritte solo per i più coraggiosi) è la prospettiva migliore. Difficile.

WU

PS. “Guarda le cose da un’altra prospettiva”, “Cerca di cambiare prospettiva”, “Allarga le tue prospettive”, etc. etc. Tutto giustissimo, tutte parole. Non mi spiacerebbe alzarmi dal pavimento in cui Lloyd mi relega per dare una profondità alle cose e per cogliere gli aspetti nascosti delle situazioni. Provarci, in questo caso, è una magra consolazione che non da alcun risultato.

Annunci

Il mio autunno

Oggi tutto d’un tratto mi sono accorto che siamo in autunno.

Non lo avevo ancora realizzato (complice anche un clima più che altro primaverile…). Ad ogni modo, siamo in autunno, è un po’ una di quelle cose che ti colpiscono all’improvviso, il tempo di uno sguardo fuori, per poi tornare a nascondersi fra la routine di tutti i giorni.

Mi accorgo ora che i parchi sono pieni di foglie, mi accorgo ora che nelle vie del centro si vedono già le caldarroste e mi accorgo ora che vicino alle radici dei grandi alberi ci sono una pletora di funghi.

Non che sia una stagione che mi piaccia particolarmente, ma vedere le foglie che cadono fa sempre un certo effetto. Chissà che ci aspettiamo d’avvero, chissà se ci trasmette tristezza per la sua ineluttabilità o per il fatto che ci richiama la nostra caducità. Ingialliscono, cadono e, come ci sottolinea qui Snoopy, non ci salutano. Procedono, gialle ed indifferenti, verso il loro destino.

CB241017.png

Ma la cosa su cui forse prima non mi ero soffermato, e qui elegantemente Lloyd ci fa notare è come cambi la prospettiva a vederle cadere “dall’alto”. Nei panni di un albero, che è stato già privato (beh, diciamo che è in procinto di esserlo) del suo caldo sole estivo, il modo migliore per aspettare i nuovi germogli è lasciare libere le stanche foglie.

Lloyd241017.png

Ma tutta questa saggezza è intrinseca nella natura o in noi che vogliamo leggerla in essa? E poi il fatto che vogliamo vedere in una foglia che cade il sole che tornerà non è che solo un modo per consolarci di quanto stiamo/abbiamo perso? Non bruciamo le tappe, gustiamoci, per quanto difficile, anche il momento stesso della caducità.

WU

PS. Ed a corredo di questo vigoroso autunno, un altro paio di scatti che ho rubato per caso nel momento in cui ho realizzato che … siamo in autunno. E c’era davvero scritto da tutte le parti!

FotoAutunno.png

Polemiche

… ed io ne sono, in fondo (ma poi neanche troppo in fondo), un grande fautore. Non perché mi piacciono, perché mi viene praticamente naturale. Molto più facile essere polemico che obiettivo; molto più facile essere accomodante che polemico.
Ad ogni modo la visione di Lloyd (qui) è come sempre illuminante:

“Ho trovato questo strano oggetto sul fondo dell’animo. Sai cos’è, Lloyd?”
“Sembrerebbe una polemica, sir”
“Una polemica?”
“Esatto, sir. Funziona infiammando uno straccio di argomentazione imbevuto in un po’ di spirito di osservazione”
“Interessante. Ma non mi hai detto a che serve”
“Serve a far luce quanto basta a mettere in mostra chi la accende, sir”
“Insomma è una lampada, Lloyd…“
“Poco illuminante e quasi sempre senza genio, sir”
“Penso che ne potremmo fare a meno, Lloyd”
“Penso anche io, sir. Penso anche io”

Mi piace pensare che in fondo argomentazione ed osservazione della realtà ne sono alla base. E’ come dire che anche dalle migliori intenzioni può nascere una polemica, ovvero che viene quasi naturale rapportandosi con la vita.

Spegnerla sarebbe l’ideale, affievolirla più realistico. Che ci sia il genio o meno (… e vorrei vedere in quale lampada che possiamo accendere ogni giorno lo possiamo trovare…) e che la luce ci scaldi o ci infastidisca, credo che per quanto difficile possa essere una polemica da fare e/o da ricevere rimanga comunque uno degli spunti di cambiamento che ci toccano più nell’intimo.

Altro paradosso della natura umana.

WU

PS. E segnalo questo altrettanto lodevole commento al pezzo di cui sopra:

E se inserita in una bottiglia di discorsi incendiari può creare molti più danni di quanto si creda. Grazie Lloyd e Sir!

Soul-killing tasks

Assolutamente geniale (qui).

Dilbert010917

Altro che il lavoro nobilita l’uomo. Negli intenti certamente, nella pratica neanche per sogno (temo ciò, ahimè, in una spirale profondamente scettica della quale incolpo, di certo ingiustamente, la fine del periodo estivo).

Il punto è che il dipendente, razza evolutasi nelle società dedite ad inutili scalate sociali ed economiche come ci ricorda finemente il Lloyd nel PS) non si prevede faccia una cosa che gli piace. Se poi a qualcuno accade, buon per lui, ma per l’ipermegaditta non è una direttiva che rientra in nessun circuito di welfare (tanto per usare inglesismi tanto cari ad HR e tanto inutili per noi mortali).

Nel dubbio fra fare la cosa che per qualche arcano motivo è nella mente dei superiori (si, purtroppo anche di quei generaletti inutili che si arrogano, complice qualche (dis)organigramma abborracciato, capacità decisionali che in realtà non hanno ed ai quali nessuno ha il coraggio di dirglielo) e ciò che potrebbe, ovviamente sempre in un contesto lavorativo, motivarci un po’ di più, la scelta è semplice.

Non credo dipenda tanto da deliberate scelte negative, quanto dalla convinzione che il dipendente deve eseguire e che la capacità di comando possa essere anche semplicemente compromessa dal veder una faccia sorridente.

Ed il passo successivo l’abbiamo già fatto: noi stessi non siamo più in grado di rispondere (reagire…) al motivo per cui dovremmo avere il sorriso sulle labbra dopo aver timbrato. Auguri.

WU

PS.

“Lloyd, dove sta andando quella gente?”
“Credo che stia cercando di salire la scala sociale, sir”
“Ah, e dove porta?”
“A un’altra rampa di scale”
“E poi?”
“A un’altra rampa e a un’altra ancora, sir”
“Tutto qui?”
“Certo, sir. La gente continua a salire finché ce la fa, poi invecchia e alla fine si accampa dove è arrivata. Su un gradino, appoggiata alla ringhiera. I più fortunati riescono, a volte, a ritagliarsi un pianerottolo tutto per sé”
“E noi dove stiamo, Lloyd?”
“Noi, sir, siamo a livello del mare”
“Nel senso del basso, Lloyd?”
“Nel senso del bello, sir”

Voltare pagina per scrivere e per leggere

Scrivere il libro della nostra vita: più facile a dirsi che a farsi, ma comunque di certo più facile che leggerlo (qui detto alla Lloyd).

LLoyd210717.png

E non mi riferisco al fatto che ormai i libri sono una specie di oggetti del piacere, pezzi d’arredamento o orme fossili di una società che ormai non è più (altrimenti ci sarebbe davvero bisogno di campagne di sensibilizzazione alla lettura?).

E non mi riferisco alla libertà, alla crescita personale che la lettura ancora ingenera, per chi ne fruisce, ed al fatto che un libro rimane il principale mezzo di evasione (e vi includo a buon diritto anche i vari smartphone/laptop/tablet/etc) dalla routine quotidiana.

E non mi riferisco alla profondità di animo che ciascuno deve raggiungere per mettere insieme qualche pagina partendo da un foglio bianco; che sia un flusso di coscienza ininterrotto, che sia il guizzo di un momento, che sia una storia pensata e ripensata, di certo non può essere frutto di una corazza di superficialità appena scalfita.

Mi riferisco alla paura che abbiamo del cambiamento. Mi riferisco al tremore che ci ingenera le libertà. Tutte cose che evitiamo, se possiamo non girando pagina.

Ma la vita non aspetta. Va scritta. E se non siamo noi a girare spontaneamente la pagina, la gira lei per noi e ci prende (delicatamente?) la mano guidando i nostri tratti sul foglio intonso.

WU

PS. Per dirla alla De Andrè: “… continuerai a farti scegliere o finalmente sceglierai”.

Perdersi

… che è poi un po’ come entrare in galleria. Guardarsi attorno e vedere solo nero. Perdere l’orientamento e rimanere piacevolmente sorpresi (e rassicurati) all’uscita dal tunnel. La luce che ci fa sentire padroni di ciò che ci circonda, semplicemente perché non ci smarriamo in noi stessi.

Cappello un po’ finto-filosofico che trasposto nella routine del 2017 significa poi alienarsi in gesti/azioni/pensieri abbastanza ripetitivi che da un lato ci ingenerano panico da alienazione (“attraverso le nostre montagne di impegni”) e dall’altro ci salvano dal doverci confrontare con noi stessi. La calma sicuramente un mezzo per raggiungere l’uscita; un uscita forse non tanto luminosa come vorremmo.

Detto qui molto meglio, ovviamente, da Lloyd

“Lloyd, ma dove siamo finiti?”
“Credo che sia entrato nel panico, sir”
“A me sembra più una galleria, Lloyd”
“Per l’appunto, sir. Il panico è un passaggio che attraversa le montagne di impegni”
“E come ne usciamo?”
“Ritrovando la calma, sir”
“Intendi dire l’uscita, Lloyd?”
“Intendo il mezzo con cui raggiungerla, sir”
“Accendi i fanali, Lloyd”
“Con piacere, sir”

WU

PS.

Chiudo con una ctazione, forse solo parzialmente calzante

Quando una porta della felicità si chiude, se ne apre un’altra;
ma tante volte guardiamo così a lungo quella chiusa,
che non vediamo quella che è stata aperta per noi. [Paulo Coelho]

Strumenti per il futuro

Lloyd030517.png

Di certo non mi sento tranquillo. Non mi sento come la principessa sul pisello su materassi e materassi che mimetizzano quel sassolino (macigno) di incertezza che pende sul mio (e nostro) futuro.

Che poi affastellare materassi e cuscini non è altro che un espediente per non vedere, non certo una soluzione per affrontare in pace il futuro. E sarei anche disposto a rinunciare alla tranquillità e mantenere una certa preoccupazione quando penso a ciò che mi/ci aspetta, purché avessi di fronte oggi strumenti per gettare (o almeno provare a farlo) le basi per quella tranquillità.

Credo sia questo il punto. Il futuro, un travestimento del presente (e questo Lloyd ce lo ricorda), ci preoccupa nella misura in cui ci rendiamo conto di non avere poi tanti strumenti per decidere di che vestirlo.

A questo punto il “mestiere di vivere” diventa quello di trovare gli strumenti giusti per sagomare una (piccola, in ogni caso) parte del nostro futuro. E dobbiamo profondere tutte le nostre energie in questa ricerca senza avere neanche la certezza che gli strumenti che stiamo costruendo siano veramente efficaci ed utili per un obiettivo che in fin dei conti è, per sua natura, vago: un futuro migliore.

WU