Tag: life

La nostra lotta quotidiana

Lloyd120118.png

Questa per la serie “la vita è una lotta” o per quella “bisogna arrendesi all’evidenza”? Fatto sta che il conflitto, dalla mattina quando ci alziamo alla sera quandoci abbandoniamo a Morfeo, c’è. Ce lo creiamo noi stessi con la realtà che ci circonda e con le nostre aspettative.

Lo combattiamo (non tutti, fortunatamente, con baionetta ed elmetto) con i nostri gesti, le nostre azioni, i nostri contatti, il nostro lavoro, la nostra routine e via dicendo.

C’è chi si arrende prima, chi più tardi. Quasi nessuno molla a priori. Mollare, in qualunque senso questo termine lo vogliamo intendere, non è una sconfitta. Il “limitare le perdite” di questo Lloyd altro non è che accettare il punto in cui siamo arrivati.

In base all’interesse di una data situazione ai nostri occhi tale “resa” potrebbe non essere affatto facile e ci verrebbe molto più naturale continuare strenuamente a perseguire un’obiettivo palesamene irrealizzabile.

Non voglio (io?!) inneggiare alla resa (… ma neanche alla cieca speranza e lungi da me usare la parola “realismo”… praticamente oscillo a caso fra i vari estremismi) e confesso che sulle prime il Lloyd in questione mi ha quasi urtato, ma pensandoci con un po’ (quel po’ di cui sono capace) di razionalità in fondo ci sta dicendo: combatti finché puoi la tua lotta, la vittoria finale passa anche della resa in qualche battaglia.

WU

PS. E come non pensare (praticamente inevitabile) a:

“o forse non c’incontreremo mai
ognuno a rincorrere i suoi guai
ognuno col suo viaggio
ognuno diverso
e ognuno in fondo perso
dentro i fatti suoi”

[Vita Spericolata, V. Rossi]

Annunci

Di pungolature e di cavalcate

Lloyd201217.png

Si, possiamo anche fare i conti, ma pungolare un po’ la vita è una di quelle (pochissime) cose che ti consentono di non piangerti addosso quando sei con te stesso a tirare le somme della vita.

Credo che a “cavalcare” si impari solo quando ci si provi e stare sul divano delle nostre certezze di certo non ci porterà a montare in sella.

Credo che, in base al livello “di pungolatura” ci voglia una buona dose di coraggio, irrazionalità, paura, frustrazione, e cose del genere per farlo deliberatamente.
Credo che farlo se non si ha altra scelta o si hanno le spalle coperte non sia sinonimo di “pungolatura”.

Credo che un vero amico, un familiare, chiunque ti voglia veramente bene dovrebbe farlo se ti vede “in difficoltà”, senza paura di metterti in ulteriore difficoltà dato che è il cambiamento che poi porta alla soddisfazione, se non altro per averci provato. Chiunque avalli il tuo/mio/nostro crogiolarsi nello status quo non può definirsi come un vero amico.

Credo che finire a terra faccia parte del gioco. Invoco “l’aiuto da casa” per spingermi a cadere; a rialzarmi ci posso pensare io, a decidere di cadere è molto più difficile.

WU

PS. Detto molto meglio qui da Lloyd

 

Life is very hard

CB181217.png

Un bel casco, nella vita, non farebbe male. Non è detto che se ne trovino, non è detto che siano sufficienti, non è detto praticamente nulla. Con tutti questi dubbi potrebbe essere anche meglio non trovarne.

Tanto un casco ti mette al riparo per quel che può, non risolve di certo i problemi. Credo sia l’antitesi della strategia “la miglior difesa è l’attacco” (a meno di non pensare di usarlo come oggetto contundente per l’aggressione delle problematiche).

E l’idea di Lucy (o meglio, del Dottore) non è poi così balzana. Il casco è uno di quei suggerimenti che ti vengono dati de default; una semplificazione di tutte quelle cautele che siamo portati (e ci viene caldamente suggerito) a prenderci quando abbiamo a che fare con … la vita.

Non ci aiuta più di tanto, non abbiamo niente di meglio. Anzi, per avere qualcosa di meglio dobbiamo essere molto più lungimiranti di quanto sia facile fare oppure rischiare molto di più. Teniamoci il nostro casco.

WU

Scadenze

In questo rush di fine anno (partito con indegno anticipo) mi viene in mente questo Lloyd datato (come da tradizione).

“Lloyd, allora per l’appuntamento con le scadenze…”
“Sì, sir?”
“Io mi farei venire a prendere dal panico come al solito”
“Sir, le ricordo che tutte le volte il panico arriva sempre all’ultimo minuto”
“Dici che mi conviene partire prima con l’ansia da prestazione?”
“Buona scelta, sir”
“Ma non è che il panico poi si offende?”
“Non si preoccupi, sir. Sono sicuro farete l’ultimo tratto di viaggio insieme”
“Grazie del consiglio, Lloyd”
“Non c’è di che, sir”

Di scadenze sono (e siamo) oberato, non solo in chiusura d’anno. Molte sono scadenze perché ce le auto-imponiamo, molte perché non vediamo l’ora di togliercele d’avanti, altre ancora sono solo doveri o promesse, poche sono obiettivi ed ancor meno sono soddisfazioni.

Ciò nonostante con la scadenza ci dobbiamo convivere (e tanta invidia per chi può non essere a conoscenza di questa parola): dalla bolletta, all’appuntamento con il dentista.
Che l’ansia non aiuti non sarò certo il primo a dirlo e che una buona dose di organizzazione (quella sana, non usiamo parole tipo “management” per favore) sia pura utopia è altra cosa ben nota.

Un approccio “alla giornata” ha i suoi pro (soprattutto nel breve periodo), ma porta altri grattacapi. Fulgido esempio di come una via di mezzo gioverebbe ad evitare inutili panici ed inutili affanni. Arrivare in ritardo è un’altra lecita (e spesso non completamente deliberata) soluzione; personalmente mi da solo l’idea di spostare una scadenza, così da una te ne ritrovi due.

WU (fuori tempo massimo)

PS. Non è che se le chiamiamo deadline la pillola mi pare troppo addolcita…

Problemi formato excel

XKCD261017.png

L’unico punto fermo è che inizio la giornata “with lots of problems”. Frase che si applica benissimo praticamente a tutte le mie mattine, fine settimana inclusi. Possiamo dire che io mi fascio la testa inutilmente (potenzialmente vero), possiamo dire che è una fase della vita (potenzialmente vero), ma dobbiamo dire che un modo per risolversi, a maggior ragione “in blocco”, non l’ho ancora trovato.

Non mi sto lamentando, sto constatando, grazie a questo XKCD, che non sono un patologico caso isolato.

Che siano problemi logistici, familiari, lavorativi, organizzarli e catalogarli è una cosa che aiuta. Lo capisco, non lo faccio (… men che meno con uno spreadsheet con cui già devo combattere quotidianamente). Diciamo che non so farlo. Non sono in grado di fare una scaletta “di priorità dei problemi”, diciamo che mi limito a (cercare di) risolvere o i più facili o i più urgenti.

Praticamente quando sono di spalle al muro (uno spreadsheet mi aiuterebbe a rendermene conto?) mi rimbocco le maniche; tanto quotidianamente uno scoglio da superare lo trovo (tutto sommato credo mi potrebbe mancare se non lo trovassi), che poi ci riesca o che ci riesca bene è tutto da vedere. Direi che qui è più una questione statistica: dati n problemi, provate n soluzioni, una decente potrebbe anche venir fuori.

Uno spreadsheet te lo farebbe vedere sicuramente meglio…

WU

PS. E notevolissimo anche l’alt-text: “I started off with countless problems. But now I know, thanks to COUNT(), that I have “#REF!ERROR: Circular dependency detected” problem“.

Praticamente l’apoteosi dello strumento sul contenuto.

L’albero penta millenario

Per sua natura un albero non vive (…a meno di “delicati” interventi umani) settimane, ne mesi, ne qualche anno. Se questo sia un bene o un male non sono in grado di dirlo e comunque non è affar mio. Non ho mai sentito, se posso essere sincero e leggermente prolisso, “augurio” peggiore di “per cento anni” rivolto ad un essere umano. L’equivalente alberesco sarebbe? “Per un migliaio di anni”?

Ad ogni modo, è stato recentemente scoperto un esemplare californiano di Pinus Longaeva (e già il nome tradisce una certa propensione…) che vanta la bellezza di ben 5067 anni!

5067! L’albero singolo più vecchio al mondo (si, esiste un esemplare di abete rosso svedese di ben 9550 anni, ma è uno sporco clone).

Ha visto praticamente tutto ciò che è successo da prima delle piramidi egizie ad oggi. E direi che è molto fortunato, lui e noi, a non poter parlare e non potersi muovere.

Per motivi di sicurezza (come siamo ridotti…) l’effettiva location del pino millenario è tenuta ben segreta. Si sa solo che si trova in California, oltre i 3000 m, da qualche parte sulle White Mountains, con le radici piantate in una terra dura ed arida e a debita distanza dai suoi simili (scaltrissimo adattamento evolutivo che garantisce una resistenza agli incendi quasi innaturale).

PinusLongaeva.png

Ovviamente non il posto migliore per nascere, ma in virtù di “ciò che non ammazza fortifica” sono state probabilmente proprio le avverse condizioni naturali a far si che il pino abbia dovuto adattarsi (è praticamente un tronco con pochi ramoscelli e pochissime foglie) e tirar fuori i denti per sopravvivere così a lungo.

WU

PS. Ad onor di cronaca va detto che i suoi fratelli più giovani, diciamo di qualche centinaio di anni, sono anch’essi americani.

Di Pinus Longaeva plurimillenari in america ve ne sono almeno 3 (ovvero Matusalemme, il fu Prometeo ed il vecchietto in questione). Gli altri si nascondono molto meglio…

A good leader

Di certo lo avrò già detto (e qui Dilbert lo fa a mestiere, molto meglio di me). Per quanto mi riguarda esistono due tipi di leadership: quella etero-imposta e quella naturale. Sono cosciente (anzi… credo) che il vero leader sia quello che ha naturalmente il dono della motivazione, mentre è il “boss”, o qualunque equivalente vogliate usare, è quello che la pretende (anzi, che pretenderebbe devozione).

Dilbert010817.png

Ovviamente imbattersi in leader nati è cosa rara ed alquanto piacevole, mentre nella maggior parte dei casi quello che possiamo fare è provare a digerire ciò che la sorte ci ha messo di fronte.

Una strada è fargli la guerra senza troppi giri di parole (… carriera assicurata…), un’altra è una accettazione passiva del suo ruolo e dei suoi ordini(… carriera assicurata… e questa volta non in senso ironico). La maggior parte dei casi è un grigiolino che sta nel mezzo di questi due estremi che condisce di ulcere e sparlottate al caffè le nostre giornate. Nulla di nuovo.

L’unica cosa che sconsiglio vivamente (per esperienza personale, qualora ve lo stesse chiedendo) di fare è quella di far notare i limiti e le inefficienze direttamente a chi si arroga (quindi non ai leader naturali, anche se con questi confesso di non averci mai provato) il diritto di “comandare”. Non guadagnerete nulla dicendo “… ed allora perché tu non fai questo o quello?” oppure “… ma perché non lo fai tu?!”. Anche il boss non avrà molti altri strumenti per non sentirsi attaccato frontalmente ed uscire dall’impasse se non che dire “I’ll fire you” (o equivalenti più o meno polite).

WU