Pinocchio a crepapelle

mangiare a crepapelle
ridere a crepapelle
lavorare a crepapelle (beh, questo non l’ho ancora sentito)

Sono detti che ascoltiamo ed usiamo un po’ tutti quotidianamente. Ieri, per puro caso, mi ha colpito la parola crepapelle. Dal suono non particolarmente piacevole (pronunciata poi da chi ha la r moscia suona anche peggio…), un po’ stereotipata, quasi involuta. Parola che difficilmente (mai?) si ascolta isolata, ma praticamente sempre in una locuzione fatta.

L’etimologia è abbastanza semplice; composta da crepare e pelle mette insieme la rottura di un organo a seguito della smodatezza dell’azione. Magiare/ridere/parlare/quellochevolete moltissimo, smodatamente, fino a scoppiarne, fino a rompersi la pelle.

Pare che storicamente fu Collodi (si, quello di Pinocchi, al secolo Carlo Lorenzini) a farla nascere dalla sua penna. Nelle avventure di Pinocchio leggiamo, infatti:

[…] Aveva veduto un grosso serpente, disteso attraverso alla strada, che aveva la pelle verde, gli occhi di fuoco e la coda appuntuta, che gli fumava come una cappa di camino.

Impossibile immaginarsi la paura del burattino: il quale, allontanatosi più di mezzo chilometro, si mise a sedere sopra un monticello di sassi, aspettando che il serpente se ne andasse [p. 124 modifica]una buona volta per i fatti suoi e lasciasse libero il passo della strada.

Aspettò un’ora; due ore: tre ore: ma il serpente era sempre là, e anche di lontano, si vedeva il rosseggiare de’ suoi occhi di fuoco e la colonna di fumo che gli usciva dalla punta della coda.

Allora Pinocchio, figurandosi di aver coraggio, si avvicinò a pochi passi di distanza, e facendo una vocina dolce, insinuante e sottile, disse al serpente:

— Scusi, signor Serpente, che mi farebbe il piacere di tirarsi un pochino da una parte, tanto da lasciarmi passare? —

Fu lo stesso che dire al muro. Nessuno si mosse.

Allora riprese colla solita vocina:

— Deve sapere, signor Serpente, che io vado a casa, dove c’è il mio babbo che mi aspetta e che è tanto tempo che non lo vedo più!… Si contenta dunque, che io seguiti per la mia strada? —

Aspettò un segno di risposta a quella domanda: ma la risposta non venne: anzi il serpente, che fin allora pareva arzillo e pieno di vita, diventò immobile e quasi irrigidito. Gli occhi gli si chiusero e la coda gli smesse di fumare.

— Che sia morto davvero? — disse Pinocchio, dandosi una fregatina di mani dalla gran contentezza; e senza mettere tempo in mezzo, fece l’atto di scavalcarlo, per passare dall’altra parte della strada. Ma non aveva ancora finito di alzare la gamba, che il Serpente si rizzò all’improvviso come una molla scattata: e il burattino, nel tirarsi indietro spaventato, inciampò e cadde per terra.

E per l’appunto cadde così male, che restò col capo conficcato nel fango della strada e colle gambe ritte su in aria.

Alla vista di quel burattino, che sgambettava a capofitto con una velocità incredibile il serpente fu preso da una tal convulsione di risa, che ridi, ridi, ridi, alla fine, dallo sforzo del troppo ridere, gli si strappò una vena sul petto: e quella volta morì davvero.

[Le avventure di Pinocchio, cap 20]

L’episodio ebbe una diffusione così vasta che in breve “ridere a crepapelle” divenne l’espressione proverbiale di “ridere fino a scoppiarne” definendo la genesi del termine crepapelle.

Un modo come un altro per ricordarmi di ridere più spesso.

WU

PS. Chissà poi perché proprio la pelle (beh, di certo organo coinvolto nelle varie azioni che ne prevedono la cepatura, specialmente per un serpente), ma sarebbe potuto essere crepatesta, crepamani, crepapolmoni, crepacuore (no… questo esiste… anche se con accezione leggermente diversa…).

Annunci

Joe

Eccoli li che mi fissano. Loro che hanno già preso le distanze da questa gente tutta luccicante che si illude in questa domenica di celebrare qualcosa e di inventarsi la felicità, magari guardano quelle amabili anatre. Li guardo dall’altro, loro e gli altri, capisco chi maledice la mia diversità; io che sono l’oscurità in questa assolata domenica mattina.

Li, nel parco, io ci abito. E’ un po’ la mia vita. Gli alberi mi consolano e mi proteggono. So di essere simbolo di paura, di morte; di certo per via delle tenebre che mi fanno da abiti. Lo capisco, non mi ci rivedo, ma lo capisco. Che tenerezza questi bimbi che, ancora ignari, mi additano come una bestiaccia, ma a loro non faccio paura (ancora), loro mi sorridono. Non le loro mamme.

Apro le ali e resto immobile.

Gli studenti li evito, più che altro per rispetto. Mi fanno gola le vecchie vedove con i loro anelli di platino. Mi definisco un ladro gentiluomo, ma più che altro faccio spavento. E mi crogiolo in questo. State attenti. Lasciatemi stare.

Solo certi Poeti del Male mi sanno cantare.

Continuo ad osservare questa umanità varia nel mio parco. I barboni che aspettano che finisca la messa, i borghesi che non hanno nulla di meglio da fare che leggere il giornale, i ragazzi che passano la loro gioventù fra i primi baci. Li osservo ma mi sento distante; mi avvicino senza grazia, di proposito, gracchiando. Ah, se fossi libero di parlare gli farei capire velocemente chi fa paura a chi.

Solo sassi sapete lanciare. Meritate di andare per me nell’eterno dolore.

Ma vi perdono, non sapete quel che fate. Portate in fondo nel vostro cuore solo un po’ di sangue destinato a seccare. Vivete finché siete vivi.

Io sono il Corvo Joe. Faccio paura

WU

PS. Questa è per me una poesia (come tante di quelle a cui si rifà; il richiamo a l’ albatross di Baudelaire mi pare quasi scontato).

La currea

La cintura, in genere di cuoio (ricavata da pelle e scarti di lavorazione), quella che regge i calzoni, ma che all’uopo può esser usata per minacciare (più che colpire) i figli monelli o disobbedienti: la correa.

Curreja, o correja, nelle lingue latine ed in spagnolo: lo correa.

I lavoranti dei pellami per conto terzi son soliti usare gli scarti delle lavorazioni per fabbricarsi piccoli oggetti, come la cintura. Il proverbio sottolinea che ad amministrare il patrimonio degli altri, prima o poi qualcosa si guadagna

La currèa, curreja, o correja, cintura, deriva da latino corrigĕre, molto simile (direi la stessa radice…) a correggere e non è appunto un caso che la curreia fosse adoperata come strumento (più che altro deterrente) per correggere i figli disobbediente.

Un paio di detti (napoletani, neanche ci fosse il bisogno di dirlo) che la vedono protagonista:

  • Nun saccio chi è cchiu scemo, se a volpe o chi a currèa. (Non so se è più stupida la volpe o chi la rincorre). Currea in accezione di rincorrere. E’ più stupida l’utopia o chi la rincorre? A volte affrontare situazioni troppo al di là delle nostre possibilità, ci rende agli occhi degli altri dei perfetti imbecilli.
  • A copp’ ô ccuorio, esce ‘a currea. (La cintura si ricava dalla pelle). I lavoranti di pellami usavano riutilizzare gli scarti di lavorazione (materia prima non loro, ovviamente) per fabbricarsi piccoli oggetti per uso personale, come ad esempio la cintura. Ad amministrare il patrimonio degli altri prima o poi qualcosa si guadagna.

WU

PS. La genesi, quasi ovvia, dello spettacolo odierno è da ricercarsi nei seguenti versi che mi canticchio in mente in questi giorni in cui la mia soglia di pazienza si mostra irrispettosamente (nei miei confronti, intendiamoci) bassa.

Siente fa’ accussì nun da’ retta a nisciuno
fatte ‘e fatte tuoie
ma si haje suffri’ caccia ‘a currea
siente fa’ accussì
miette ‘e creature ‘o sole
pecché hanno sape’ addo’ fa friddo
e addo’ fa cchiù calore.

Turritopsis dohrnii, un ossimoro vivente

C’è che dice di voler vivere per sempre, chi non ci pensa neanche (il sottoscritto) e chi lo fa e non lo pubblicizza più di tanto.

Sto farneticando sulla Turritopsis dohrnii, un piccolo bestio marino (Hydrozoa, per i puristi) che non misura più di pochi cm eppure è in grado di fare qualcosa che fa gola a tanti, tantissimi (che di Hydrozoa non hanno nulla): ringiovanire.

Turritopsis dohrnii.png

Sono tecnicamente una sorta di meduse in grado di ringiovanire riportandosi ad uno stato di maturità sessuale antecedente al loro stato attuale. Il che biologicamente vuol dire… ringiovanire. La medusa, inoltre, è anche l’unico essere vivente (noto finora) che è in grado di invertire il proprio sviluppo anche allo stadio maturo adulto… eccezione più unica che rara dato che anche altri medusini sono in grado di invertire la propria maturità sessuale ma solo fintanto che le gonadi non sono pienamente sviluppate (ovvero fintanto che non sono proprio completamente sessualmente maturi).

Alla base del meccanismo di inversione sembra possa esserci quella che si chiama “in gergo” transdifferenziazione cellulare; ovvero un fenomeno in cui le cellule, sottoposte a determinati stimoli ambientali (stress nel caso della Turritopsis dohrnii), riacquistano una sorta di totipotenza (tipo staminali) propria dell’età giovanile. La medusina inizia a non esser più trasparente, a riassorbire i tentacoli e ad assumere una forma a quadrifoglio tornando a sembrare, comportarsi, essere biologicamente in tutto e per tutto simile ad un polipo di quelli presenti in un uovo appena fecondato. Magia.

La storia di questa “scoperta” è un chiaro esempio di serendipity. Un giovane biologo marino in una sorta di routinaria esplorazione (delle acque antistanti Rapallo, per la cronaca) stava catalogando Hydrozoa. La medusa fu trasportata, come tanti altri campioni della sua specie, in un acquario per studiarla. Le condizioni dell’acquario non erano, però, ottimali. La medusina fu sottoposta ad un inaspettato stress che la fece “invecchiare” precocemente, tant’è che il giorno successivo quando il biologo l’andò a prelevare per studiarla vi trovò un piccolo polipo (stadio procedente del suo sviluppo sessuale).

Il ciclo di ringiovanimento potrebbe essere effettivamente infinito (ma davvero allora la morte non tocca a tutti?). Il fatto che le medusa tenda a ringiovanire non significa, ovviamente, che è immortale. In particolare in cattività sopravvive poco e male (il record è qualcosa attorno ai due anni) ed è vittima di parecchi predatori. La troviamo un po’ ovunque, e soprattutto, nel mediterraneo e la ignoriamo regolarmente… almeno in questo la medusa non ci smentisce. Chissà se ci comporteremmo, e come percepiremmo il futuro, se ci fosse data questa possibilità. Questo parallelismo è fin troppo facile…

WU

Scemo di guerra

Un modo di dire che è più che altro una specie di eredità della Prima Guerra mondiale; un regalo fatto alla gran parte delle famiglie che inviavano qualche caro al fronte… La demenza con cui spesso tornavano è poi diventata un modo di dire, almeno per noi che la guerra (quella guerra) non l’abbiamo fatta.

Tremori irrefrenabili, ipersensibilità al rumore, assoluta inespressività facciale, roba un po’ da “Qualcuno volò sul nido del cuculo”… Soggetti che camminano con le mani penzoloni, che piangono in silenzio (beh, ad essere sincero questa non mi pare una cosa poi tanto patologica), che mangiano quello che capita che sia edibile o meno, che camminano come automi, che hanno tutti i muscoli irrigiditi e così via.

Insomma una descrizione clinica abbastanza patologica, ma non riconducile a traumi specifici se non quello di … essere stati “semplicemente” in guerra. Oggi questa “assenza di traumi specifici”, è passata dall’esser definita shell shock (shock da bombardamento) a “disturbo da stress post-traumatico” (disagio clinicamente riconosciuto che non ci sogneremmo, oggi, di chiamare “scemità da guerra”).

A lungo si sono cercate cause fisiche di questo disturbo (il frastuono dei bombardamenti? il monossido di carbonio?), ma non sono state mai univocamente identificate. E’ stata poi la volta dell’ipnosi per curare questa specie di isteria (disturbo che un tempo si associava solo al gentil sesso), anche senza capirne bene il motivo. Ipnosi che effettivamente funzionava (?), ma che al contempo ha accesso un po’ la lampadina sulla possibilità che gli “scemi di guerra” potessero essere semplicemente abili simulatori che volevano evitare di tornare al fronte.

Con il dubbio che si trattasse di simulazioni iniziarono anche campagne di semi-tortura per questi soggetti con scosse elettriche, aggressioni verbali e metodi di questo tipo che volevano avere l’effetto di “svegliare” il paziente da quella specie di catalessi che esibiva mentre non facevano altro che affossarlo sempre più.

La guerra, inoltre, in qualche modo serviva al paese e non poteva quindi essere tacciata di far diventare stupidi i soldati che vi partecipavano. Il fenomeno fu dunque trattato con relativa superficialità e quindi insabbiato. Circa 40.000 persone furono richiuse nei manicomi di stato, ma un numero che possiamo solo stimare esser stato decisamente maggiore fece ritorno nelle loro case (… contribuendo alla diffusione del modo di dire, evidentemente).

Gli scemi di guerra erano un tempo quindi effettivamente vittime di traumi di guerra che avevano lasciato profonde ed indelebili ferite nella loro psiche, e che per giunta venivano anche additati come stupidi e come tali trattati. Oggi “scemo di guerra” è un modo di dire abbastanza scherzoso, non troppo feroce, ma che affonda le origini in mali profondi e tutt’ora difficili da debellare mentre ci stiamo facilmente dimenticando pian piano per cosa abbiamo veramente combattuto e per cosa siamo (sono, e dovremmo essergliene grati) diventati stupidi.

WU

Sangue blu

… io non ce l’ho, sia ben chiaro. Ma devo confessare che l’espressione mi ha fatto sempre sorridere prima di arrivare (oggi, per puro caso) a chiedermi l’origine di questa espressione.

Sono certo che tutti sappiamo a cosa si riferisce il modo di dire, ma “spulciare” riguardo alla motivazione è certamente meno ovvio. Gooogle propone almeno tre possibili origini dell’espressione, tutte, IMHO abbastanza dubbie; ma infondo lo scopo qui e sentire più campane, non trovare quella “giusta” (ammesso che ci sia).

I nobili erano (sono) ovviamente sollevati dall’obbligo del lavoro (farlo poi per passione o per diletto lo rende intrinsecamente più simile ad un hobby), specialmente quello manuale all’aria aperta. Motivo per cui la colorazione della loro pelle era spesso e volentieri molto chiaro, quasi diafano. In tale situazione le vene, specialmente quelle più superficiali tipo quelle della gola o dei polsi, assumono una colorazione bluastra, da cui, pare, il modo di dire. Mi fa ridere come oggi (beh, da anni in vero) siamo alla ricerca della “tintarella” o dell’abbronzatura che un tempo denotava le classi meno abbienti, costrette, appunto, a lavorare nei campi non potendo esibire delle belle vene blu…

Altra possibile etimologia dell’espressione è da ricercarsi nella argiria, malattia della pelle che induce colorazione (indovina un po…) bluastra. Un’alterazione cutanea causata (come il nome stesso) suggerisce da contatto prolungato, ingestione o comunque ingestione di argento e suoi composti. Il metallo tende a depositarsi sotto pelle e se esposto alla luce solare forma un insolubile e perenne… solfuro di argento. I noBBili dovevano mangiare abbondantemente e per lo più con posate/piatti/calici di argento. Sarebbe da ricercarsi quindi proprio nella loro argenteria la causa del loro epiteto di … sangue blu (evidentemente pelle blu suonava troppo di puffo…). In questo caso sarebbe stata, in qualche modo, proprio la ricchezza di queste persone a diventare un indelebile marchio sulla loro pelle. Letteralmente.

E come non pensare all’emofilia? Malattia molto diffusa fra la nobiltà europea degli scorsi secoli. L’emofilia è una patologia che consiste sostanzialmente in un difetto di coagulazione sanguigna favorendo emorragie e lividi. La colorazione bluastra di queste persone vien da se. I noBBili, ovviamente, tendono ad incrociarsi fra loro (come fosse una strana razza) e ciò favorisce il tramandarsi dell’emofilia, malattia ereditaria recessiva. Gli incroci fra consanguinei favorivano quindi una prole debole, malaticcia e blu… sia nel senso di nobile che di emofiliaca.

Qual che sia l’origine, più o meno certa, ormai celata dalla polvere del tempo, l’espressione “sangue blu” mi continua far sorridere e mi rimanda inconsciamente ad un lignaggio elitario, educato nei modi più che ricco nelle tasche.

WU

PS. Ovviamente:

Scatti assassini

Qui la sfida è rimanere obiettivi evitando di costellare tutto il post di parolacce e bestemmie :). Ah, il titolo è impostato dando la colpa agli scatti (selfie) per deviare, volutamente, il focus dai diretti interessati; segno che cerco di essere un po’ obiettivo o no?

Allora, il Rapporto Italia 2019 dell’Eurispes ci informa che ben 259 persone sono rimaste vittima, fra il 2011 ed il 2017 di selfie estremi, nel mondo (ah, beh, meno male…). Se ho difficoltà con la prima parola figuriamoci con il binomio…

Scendendo più in dettaglio scopriamo che, la prima causa di morte (in questo contesto, sia chiaro…) sono agli annegamenti. Un autoscatto a tema acquatico è merce molto rara, evidentemente. Al secondo gradino del podio troviamo “incidenti” legati a mezzi di trasporto, è chiaro che farsi una foto davanti al treno che sta arrivando può essere un po’ pericoloso, ma solo un po…

Al terzo posto, con un indiscusse 48 vittime, troviamo il fuoco (beh, d’altra parte si sa che acqua, macchine e fuco sono pericolosi, eh si… anche in foto) pari merito con le cadute dai palazzi/muri/scogliere/etc. Il brivido di un autoscatto con il nulla sotto e tutt’attorno è costato la vita (si, la vita!) ad altre 48 persone.

Scariche elettriche hanno mietuto circa 16 vittime (anche se non mi è molto chiaro cosa sia un selfie legato ad una folgorazione, ma è evidentemente un limite della mia immaginazione)

Circa una decina sono rimasti vittima di aggressioni da parte di animali feroci, che evidentemente stavano bene nell’inquadratura della foto solo secondo gli occhi (ormai chiusi) del fotografo, ma che non erano sostanzialmente d’accordo ad essere immortalati.

Il rapporto ci indica, inoltre, la fascia di età più decimata dai selfie estremi (lo ripeto per capacitarmi) che è quella compresa fra i 20 ed i 26 anni (109 vittime) seguita dalla fascia 10-19 anni (76 vittime) e quindi dalla fascia 30-39 anni (20 vittime) e quindi dalla fascia 40-69 anni (9 vittime). Beh, almeno direi che la propensione al rischio (ripeto, lo chiamo rischio anche se mi è chiaro che su un piatto della bilancia ci sia la vita -!- non mi è chiaro -e forse non voglio saperlo- cosa ci sia sull’altra) si conferma scemare con l’età.

Ogni commento sarebbe inutile.

WU

PS. Se proprio morite (fotograficamente) dalla curiosità, geograficamente è l’India quella messa peggio (sono arrivati ad indire no-selfie zone nella metropolitana…).

Sciagura del treno 8017

Ricordiamo.

correva l’anno 1944; il 3 Marzo per la precisione (e ti pareva che non arrivo almeno con un giorno di ritardo…).

Nel pomeriggio del giorno precedente il treno merci speciale 8017 parte da Napoli con destinazione Potenza. Il suo carico è composto da legname da utilizzare nella ricostruzione dei ponti distrutti dalla guerra.

Il lunghissimo convoglio, alla stazione di Salerno, fu dotato di due locomotive a vapore al fine di percorrere l’ultimo tratto, fra Battipaglia e Potenza, che all’epoca non era elettrificato. Le 540 tonnellate di treno, composto da 47 vagoni merci (un mostro per l’epoca!) erano in origine previste esser mosse solo da una singola locomotiva a vapore, ma la necessità di dover trasferire la seconda a Potenza e per agevolare il duro valico fra Baraggiano e Tito spinsero il personale ad includere anche la seconda locomotiva. Siamo nel 1944, le locomotive a vapore erano essenzialmente a cabina aperta con un macchinista che pilotava la locomotiva ed un fuochista che spalava carbone.

Il treno merci era nascondiglio sicuro per centinaia di viaggiatori clandestini provenienti soprattutto dai grandi centri del napoletano. Siamo alla fine della guerra per cui si cercavano scambi fortuiti di derrate alimentari nei piccoli centri lucani (paesi di montagna in parte risparmiati dalla guerra). non stiamo parlando di poche persone, ma di parecchi clandestini che portarono (si stima) a superare le 600 tonnellate come massa complessiva del convoglio. Ad Eboli una parte dei clandestini fu fatta scendere, ma quasi senza successo dato che molti di loro salirono nelle stazioni successive fino a raggiungere (si stima) almeno i 600 clandestini a bordo.

Attorno alla mezzanotte il convoglio era fermo alla stazione di Balvano per manutenzione alle due locomotive prima di affrontare un impervio tratto fatto di parecchie gallerie strette e caratterizzato da una ripida pendenza. Fra queste gallerie c’era la (oggi tristemente nota) galleria delle Armi. Proprio qui, a causa dell’eccessivo peso, l’elevata pendenza e la forte umidità le ruote del convoglio iniziarono a slittare facendo così perdere aderenza al treno fino a farlo fermare in galleria. La galleria delle Armi misura (tutt’oggi) circa 2 km, ha una pendenza fino al 13%; il treno si fermo a circa 800 metri dall’ingresso, lasciando solo due vagoni fuori dalla galleria.

Gli sforzi della locomotiva per far riprendere la marcia al treno, il passaggio poco prima di un altro convoglio nella galleria, la scarsa areazione del luogo, il tipo di carbone molto solforoso (e di scadente qualità), furono tutte concause che fecero aumentare velocemente la concentrazione di monossido di carbonio nell’aria. La maggior parte dei passeggeri a quell’ora dormiva, il personale delle locomotive perse velocemente i sensi senza poter dare l’allarme e senza poter coordinare gli sforzi. Il dramma si stava consumando.

Il personale delle due locomotive, allo stremo delle forze e senza aver avuto modo di interagire agì istintivamente in maniera opposta. Mentre una locomotiva diede massima potenza per cerca di superare lo stallo e ripartire, quello dell’altra invertì la marcia a tutta potenza per cercare di retrocedere. Gli sforzi furono dunque inutili ed ebbero come unico risultato quello di contribuire all’aumento di monossido di carbonio nell’aria. Inoltre, ad aggiungere beffa alla tragedia, quando l’operatore dell’ultimo vagone (… che era appunto rimasto fuori dalla galleria) vide che il treno stava retrocedendo applico, come da procedura, il freno manuale proprio per evitare che il treno indietreggiasse.

I superstiti degli ultimi vagoni raggiunsero quindi a piedi la stazione di Balvano per dare l’allarme, ma era evidentemente troppo tardi. Ci volle molto tempo a far giungere sul luogo più squadre di soccorso e solo i passeggeri degli ultimi vagono, pesantemente intossicati, furono recuperati vivi.

Il disastro costò la vita almeno a 517 persone confermate, ma alcune stime parlano anche di decine di vittime in più. La sciagura del treno 8017 rimane ad oggi il più grave incidente ferroviario in Italia per numero di vittime. Molte delle vittime, clandestini, non vennero mai riconosciute e furono sommariamente seppelliti in quattro fosse comuni nel piccolo cimitero di Balvano

Ad aggravare il tutto c’era un precedente. Un mese prima nella galleria successiva a quella delle Armi (con pendenze fino al 22%) un altro convoglio era rimasto bloccato con gravi segni di intossicamento per tutto l’equipaggio che però si salvò. Per ridurre l’eventualità di questi incidenti era stato disposto il limite di 350 tonnellate per questa tratta e l’utilizzo di locomotori diesel-elettrici (con eventualmente una locomotiva a vapore in coda).

L’indicente si chiuse senza colpevoli, ma imputato a “cause di forza maggiore”.

Nel 1966 la tratta Battipaglia-Metaponto fu completamente elettrificata.

Amen

WU

PS. Una storia che mi mette tristezza… per tantissimi motivi e se non altro per il fatto che non è diventata la trama di un kolossal.

Il mondo come lo vorrei

Non moriremo più. L’ha scritto il giornale, vuoi che non sia vero? Pare che la scienza abbia finalmente risolto l’enigma è ci ha donato una (felicissima) vita eterna. Interessante, no? Beviamoci un caffè. I vecchi ubriaconi festeggiano nei bar sul lungomare, tu mi racconti dei tuoi problemi e di tua madre che da lassù ti giudica ancora come fosse qui. Io guardo un po’ tutto questo come uno sceneggiato televisivo.

Oggi mi sento sostanzialmente allineato a voi, e per questo quasi alienato, ma quando avevo vent’anni tutto era diverso. Mi sentivo diverso. Non sarei mai stato come voi… dicevo. Facciamo che do la colpa al vino, alla droga o a stronzate del genere. Sono sopravvissuto agli anni ottanta, novanta, duemila e duemiladieci; sono sopravvissuto a Cernobyl, ai Nirvana, Playmobil, Bin Laden e la Serie B

Una notizia, buona anche se falsa, fa il giro del mondo e riecheggia in ogni dove. E’ grazie ad internet, i social, i grandi grand, la new economy. Abbiamo fatto diventare realtà i nostri sogni, o ci illudiamo di averlo fatto. Il per sempre diventa reale e i bugiardi ringraziano.

Hai un minuto? Ti canterei il mondo come lo vorrei.

La mia giovane madre non lavora, l’ha sostituita un’amica. Anche mio padre è una donna, ma poco mi importa; in fondo ho altri nove fratelli e sette sorelle a cui badare o dai quali esser badato. E’ innamorata, mi chiama per dirmi che si è sposata. La democrazia è stata abolita, la libertà di stampa già da tanto. Tant’è che il mio amico scrittore, incrociati fogli e penne, mi chiama per andarci a bere un mojito, ma non è impazzito.

E poi il mondo è cambiato fin nelle sua ossa. A natale fa caldo e guardiamo le stelle. Suoniamo concerti fino a cent’anni. Compriamo case tutte in contanti (e non voglio dire come li ho racimolati, meglio togliermeli dai piedi). Fumo almeno tre pacchetti al giorno. Le mie ex mi invitano quando fanno l’amore. Mangio solo frittura e non verdura. Parlo più lingue di quelle che uso ed un fantastico cellulare che non mi serve a nulla.

Ed il tutto… senza rimpianti, senza rimpianti

Hai un minuto? Ti canterei il mondo come lo vorrei.

Bevo e mi sveglio tranquillamente

WU

PS. Balzati ora alle ribalte della cronaca (in fondo Sanremo è questo più che altro) sono un gruppo attivo su piazza da anni ed hanno prodotto pezzi, come quello qui liberamente storpiato, degni di essere ascoltati. Nel caso particolare correva l’anno 2018.

I lupercalia

ricorrono oggi. Il 15 Febbraio era, infatti, il giorno dedicato agli antichi riti pagani in onore del dio della fertilità, Luperco. Come si confà ad un dio della fertilità, i festeggiamenti odierni erano sfrenati ed in netto contrasto con la morale cristiana. L’apice di tali baccanali si raggiungeva quando matrone romane, none per strada, subivano le frustrate di giovani, ovviamente altrettanto nudi (beh… ma anche spalmati di grasso e con maschere di fango…), che rappresentavano i seguaci del fauno Lupercolo.

Storicamente (ovvero, secondo la leggenda) i Lupercalia venivano celebrati proprio nella grotta Lupercale, sul Palatino, dove Romolo e Remo sarebbero cresciuti allattati da una lupa. Il culmine dei Lupercalia era proprio oggi, ed il motivo (andando ancora più a ritroso nelle radici storiche della leggenda) era che era il culmine del periodo invernale quando lupi, affamati, si avvicinavano agli ovili e minacciano le greggi.

Lupercalia.png

Tutto ciò non poteva andar giù alla cristianissima chiesa romanica. La festa andava arginata. E quale modo migliore per farlo se non che indire il giorno precedente una festa in qualche modo antitetica? Papa Gelasio I decise infatti di indire il 14 Febbraio la festa… degli innamorati. Si celebrava “l’amore puro” e non “l’impura fertilità”.

Caso volle che il 14 Febbraio era San Valentino (mi sono ben guardato ieri di scriverne qualcosa a riguardo, ma oggi…). Che questa sia la vera verità sull’origine della festa non vi sono, ovviamente, certezze. La stessa figura di San Valentino è abbastanza misteriosa… anzi, non si sa neanche di preciso a quale San Valentino si fa riferimento (ve ne sono almeno un paio ed a parte il fatto che morirono come martiri non si sa molto di loro).

La consacrazione del 14 Febbraio come festa degli innamorati deriva (pare, pare, pare) dallo scrittore Geoffrey Chaucer che verso la fine del ‘300 scrisse The Parliament of Fowls (Il Parlamento degli Uccelli) un poema che associa Cupido a San Valentino, in onore delle nozze tra Riccardo II e Anna di Boemia.

Da allora la festa ha preso “sempre più piede”, qualunque cosa significhi, fino ad assumere l’aspetto “economico” dei nostri giorni. Il giorno successivo, ovvero oggi, non è più ricordato come il giorno “dell’amore sfrenato”, ma sta prendendo piede come “San Faustino” (non voglio neanche indagare se San Faustino sia in qualche modo legato a tutto questo…); altra operazione commerciale per tutti coloro che sono scapati a ieri.

Intendiamoci, non sono contro ne San Valentino ne San Faustino. Non sono festività che festeggio con grande trasporto, ma riconosco il bisogno di qualche ricorrenza per svegliare un po’ gli animi. Mi affascina sicuramente di più la genesi e l’evoluzione di questi fenomeni sociali, troppo spesso velocemente dimenticata in favore degli aspetti più commerciali delle ricorrenze.

Auguri, in ogni caso, per ieri e per oggi.

WU