Tag: information

Decidere

xkcd200217.png

Una eccelsa interpretazione (qui) del vuoto decisionale che si crea grazie alla tecnologia. L’epoca delle decisioni pancia o dell’istinto è ormai prossima alla fine (almeno per noi mortali e per le decisioni che interessano solo il nostro piccolo giardino).

Googlare (a proposito di alienismi) è uno dei passaggi fondamentali in ormai qualunque processo decisionale. Ed il numero di recensioni/like, se disponibili, si colloca al secondo posto fra i criteri di scelta. Il tempo per la scelta passa in secondo piano dinanzi all’accuratezza della stessa.

Che sia giusto o sbagliato non lo so, è di sicuro meno romantico ed in casi estremi (ma in fondo neanche tanto estremi) da benzina a sufficienza per non decidere. Ma su solide basi!
Il concetto di pro e contro è decisamente valido, ma a meno di non trovarsi di fronte “il bene ed il male” o “il bianco ed il nero” difficilmente sufficiente per dire “ok, facciamo così!”.

E, giustamente, assumendo che anche la non-scelta sia di per se una scelta, allora dobbiamo ringraziare l’era digitale per aver creato una soluzione in più ai nostri problemi.

WU

Divagazioni quantistiche

La seguente idea caratterizza l’indipendenza relativa di oggetti molto lontani nello spazio (A e B): un’influenza esterna su A non ha un’influenza diretta su B; ciò è noto come il Principio di Azione Locale, che è usato regolarmente solo nella teoria di campo. Se questo assioma venisse ad essere completamente abolito, l’idea dell’esistenza di sistemi quasi-chiusi, e perciò la postulazione delle leggi che possono essere verificate empiricamente nel senso accettato, diverrebbe impossibile.
[A. Einstein, Quanten-Mechanik und Wirklichkeit, 1948]

E’ un modo alquanto complesso di dire che se picchiano il tuo vicino tu non ti fai male.

E’ una della basi di tutta la fisica classica, anche se viola leggermente il nostro concetto di empatia (e forse ci farebbe bene che lo violasse ulteriormente). Ma ad ogni modo, rimanendo in ambito fisico, è la prima cosa che la meccanica quantistica infrange (possiamo metterci a parlare del teorema di Bell).

La complicata dicitura (che è solo l’inizio) di entanglement quantistici non asserisce altro che lo stato quantico di un sistema può essere descritto solamente come sovrapposizione di più sistemi. Ovvero: la misura di una variabile determina, istantaneamente il valore anche per altri stati. E questo è un casino (si, proprio il gioco a dadi a cui si riferiva Einstein e la base del paradosso di EPR).

In due parole, se il mondo quantistico fosse macroscopico, il passaggio di informazioni non richiederebbe iterazioni spazio temporali fra due entità, ma assisteremmo ad un intreccio (entanglment) di connessione causa-effetto istantanee e non causali. A volte penso di vivere in questo tipo di realtà.

WU

Black hole information

How to say… I’m a profane studious of anything that catches my attention (… and actually is not that difficult, at least for a short time over the weekend…). I already said here some bullshit about gravitational waves. Their experimental discovery made some rumours a few months ago (and now some of the players are smelling Nobel), but the game is not at an end.

The deeper question about gravitational waves is related to their capacity of storing or not the information (ah, you know that it is another of my seeds?), thus “solving” the information paradox that torture (theoretical) cosmologist, the serious ones.

Conventional view of black holes says that their gravity is so strong that nothing can escape, not even light (someone said black?). The limit, the border past which no return is possible is the so called “event horizon”.

But this is not sufficient… This view, indeed, suggests, that all information contained in whatever crosses the event horizon is destroyed. Simply destroyed, but … quantum physics is not that happy about that. At subatomic level, indeed, all that we know is that information can never be destroyed.

So?!?!

So we can play with the “black hole information paradox”.

Steven Hawking and friends proposed a possible answer to this enigma: gravitational waves can store the memory of the information contained in the matter fell down into the hole. This means that black holes store zero-energy forms of electromagnetic and gravitational radiation and the information is released as black holes evaporate.

It is like to say that the black holes actually are not “holes”, they are “simply” regions where matter, time and energy are stored and behave in a way completely different from our common and uncommon point of view.

WU

PS. The video below explains the back hole information paradox very well (clear even for a dummy like me).

TLNR

The Information Age offers much to mankind, and I would like to think that we will rise to the challenges it presents. But it is vital to remember that information — in the sense of raw data — is not knowledge, that knowledge is not wisdom, and that wisdom is not foresight. But information is the first essential step to all of these.

[Humanity will survive information deluge, Sir Arthur C. Clarke]

E’ il solito discorso sull’informazione (qui, qui, qui … e basta WU!). Ce ne abbuffiamo, credendo che il nozionismo googlato sia conoscenza. Non è così, potremmo anche rassegnarci. Ci sono una serie di passi ulteriori da fare per passare dal sapere qualcosa (ovvero averla sentita e/o letta di sfuggita) a sapere qualcosa (ovvero farla propria e, magia delle magie, saperla anche spiegare).

WU

PS. TLNR: Too Long, No Read. Acronimo di largo uso “nei social” per citare fonti ammettendo (e nascondendolo dietro quattro lettere) di non averle effettivamente lette e consultate (figuriamoci capite) ma magari trovate by google. Possiamo dire che è nato con le migliori intenzioni, ma l’uso che ne vedo fare mi fa rabbrividire. Ottimo, la mia fiducia aumenta (ma tanto poi facciamo le statistiche in cui vediamo che i giovani, magari solo loro, fanno fatica a concentrarsi e passa tutto…).

Long live Moore’s Law

Does the Moore’s law still apply? Probably yes, probably not, probably such law never existed, probably we are only the result of some code. Probably, but wait…

We all know the Moore’s microchip law: the density of transistors on a microchip doubles every two years.

moorelaw.png

This is more or less the trend we have seen so far and what allows us to have much more computing power in our smartphone than a room-size pc of the ‘seventies. But probably (again) we are at an end.

The 2015 International Technology Roadmap for Semiconductors report predicts that we have time until 2021. Afterwords transistors will stop shrinking in size. Forever (?).

I’m usually skeptic, but let’s have a closer look at the matter.

In the previous report it was claimed that transistor would have continued shrinking at least until 2028. Well, this significant difference in future forecast after just one year leaves me even more suspicious…

The point is not that the Moore’s law is no more effective but that, if we intend the law how “the number of transistors doubles every two years”, it applies regardless form the microprocessor arrangement.

ITRSreport.png

In general transistor redesigns and chip stacking (3D memory) will make memory smaller and faster. And this might be enough. Instead of keeping shrinking and shrinking transistor size, a vertical chip staking might be sufficient to increase the computing capacity in reduced dimensions.

It will be no longer economically desirable to continue to shrink the microprocessors dimensions after 2021. Chip manufacturers will boost density, via a proper disposition, i.e. by turning the transistor from a horizontal to a vertical geometry. Multiple chip layers, one on top of another, will be sufficient.

Let’s see what is foreseen in the next report, we have to do something waiting for 2021.

WU

Bias di conferma

Possiamo dargli il nome che preferiamo. Possiamo usare inglesismi, ricerche, o versi da pastore, ma il punto è abbastanza semplice.

Tipicamente non tendiamo a cercare informazioni con il puro e sano scopo di documentarci per formarci un’opinione. Di solito cerchiamo informazioni con lo scopo di supportare o smentire un’idea che abbiamo già. Selezioniamo (non sempre inconsciamente) le informazioni in base alle idee che abbiamo già ritenendo solo quelle che ci sembrano coerenti con il nostro “scenario mentale”.

Questo è di per se un problema, nonché una (forse la principale) causa che consente alle bufale di propagarsi a macchia d’olio (anche grazie all’aiuto della rete).

Ciò è tanto più vero in alcuni casi nei quali “avere un’idea” fa la differenza: la politica, l’economia, il paranormale, etc. Vogliamo parlare di un referendum (la Brexit e le bufale ad essa associate che hanno portato all’attuale scenario sociopolitico solo se volgiamo essere attuali, ma ne va bene uno qualunque).

E’ come se ormai le nostre opinioni (che solo i più illusi credono ancora esser personali) fossero assolutamente polarizzate in base “all’autorità” della fonte. Una rivisitazione 3.0 del “quarto potere”.

Se vogliamo andare ancora più a fondo: siamo pigri. Tremendamente, profondamente, incredibilmente pigri. Costa molto meno sforzo cercare una conferma che cambiare un’idea che ci siamo fatti. Anzi, forse fra le cose più dispendiose c’è proprio la formazione di una nuova idea e la documentazione necessaria a tal fine.

Ed in questo la rete è un validissimo aiuto: qual che sia la tua idea, Mr. Internet ti da la possibilità di supportarla. L’eccesso di informazione tende ormai a coincidere con la sua totale assenza (cercare un link a caso in rete o asserire qualche cavolata al bar… che differenza fa?).

WU

PS. “È possibile effettuare molte misure lineari, per esempio, della Piramide di Cheope e vi sono molti modi per combinarle e manipolarle. È quindi quasi inevitabile che delle persone che studiano queste cifre in maniera selettiva troveranno delle corrispondenze apparentemente impressionanti, per esempio con le dimensioni della Terra o con quelle di qualsiasi altra sciocchezza”.

Il mio confirmation bias si rifiuta di accettare che la piramidologia numerologica sia casuale 😀 .

Binary digit(s)

Una volta per tutte (ah ah ah):

  • byte e bit NON sono sinonimi
  • kilo è un prefisso che NON si riferisce solo al vostro peso

Prendiamo 8 bit (diciamo otto cifre, che possono essere solo 0 oppure 1) e facciamo un pacco regalo. Questo pacco regalo lo possiamo modificare per far felice la bellezza di 256 (2^8) bambini. Il più sfigato prenderà il pacco fatto di tutti 0, mentre il più fortunato (o il raccomandato di turno) quello fatto da tutti 1. Gli altri stanno nel mezzo.

Benissimo, abbiamo fatto un byte. Ma in fondo è un po poco come regalo. Allora ne mettiamo insieme 1024 per fare più bella figura. Perfetto, possiamo regalare un kilobyte.
Ora si da il caso che 1024=2^10. Quindi kilo identifica che l’esponente del 2 (… e dai, non mi fate fare lo sproloquione sul sistema binario…) è il 10. E se vi dico Mega? Beh, allora l’esponente del 2 è 20 (1.048.576 byte). E quindi Gigabyte e Terabyte? 2^30 (1.073.741.824 byte), 2^40 (1.099.511.627.776 byte), ovvio.

Ma. Ma. Ma.

Per comodità di calcolo ci facciamo un po’ di sconto. Abbiamo detto che un kilobyte è 1024 byte, giusto?! Ma 1024 è paurosamente vicino a 1000, che è 10^3 (ed infatti nel sistema decimale kilo è il prefisso che indica esattamente 1000) quindi ci confondiamo ben bene dicendo che in fondo un kilo/mega/giga byte è un po meno di quanto dovrebbe essere.

E via al marketing, dato che per la gioia dei produttori di hardware informatico quando ci convincono che stiamo comprando qualcosa che dovrebbe poter ospitare la bellezza di 1.099.511.627.776 byte, ne può ospitare solo 1.000.000.000.000 byte, ovvero circa il 9% meno.

E comunque se la cosa non fosse ancora chiara basta (oltre che vedere errori, orrori e cose ben fatte su Internet) fare riferimento qui ad XKCD.

XKCD160616.png

WU

PS. Se il vostro pc non lo sponsorizza in nessun modo (ed ha qualche anno) allora elabora un byte alla volta. Se, invece, lo scrive in lungo ed in largo che è a 64 bit allora vuol dire che può elaborare pacchetti da 8 bytes alla volta.