Tag: ignobel

Guida che ti passa

Parliamo di incidenti stradali.

Tema non facile (e forse neanche alla mia portata), ma un po’ come nelle corde di questo vomitatoio lo facciamo da una prospettiva… ignobile.
Diciamo subito che essere alla guida è una di quelle situazioni che mette a nudo la parte più animale di noi. Non so il perché. Non so se sia una cosa più maschile che femminile. Ma so che è così.

Beh, questo studio (perché per queste cose ci vuole sempre uno studio) ci dice che che i conducenti che usano per esprimere comportamenti più aggressivi tendono ad avere tassi più alti di incidenti stradali. Avevate dubbi?

Urlare o agitarsi alla guida, prendersi la propria “vendetta” o insultare un tipo a caso (di certo non scevro dalle sue colpe) rientrano fra i comportamenti aggressivi analizzati… senza dover far cenno a situazioni (ancor più) patologiche. Praticamente non parliamo di guida in stato di ebbrezza ma di un’innata tendenza a sfanculare l’altro conducente.

Ma ora viene “il bello”; pare che la maggior parte delle situazioni che suscitino questa aggressività da animale gudidante siano tipiche di normali condizioni di traffico quotidiano. Non parliamo quindi dello sgarro dell’autista sfacciato o inesperto, ma di traffico da mercoledì mattina. E questo, effettivamente, è un problema: un mercoledì mattina lo affronteremo tutti, un discolo autista (per non dire parolacce) potremmo (davvero?) non incrociarlo.

Il “campione” di questo “studio” è stato di ben 1100 individui (effettivamente non pochi come campione statistico) automuniti di almeno 18 anni spagnoli. Il loro grado di aggressività alla guida e la loro tolleranza nei confronti di altri guidatori e pedoni è stata analizzata. Nel migliore dei casi sono considerati come una sorta di male inevitabile e vengono ignorati; fino ad arrivare appunto ad insofferenza palesemente espressa nei confronti dell’altro ominide guidante.

Urla ed imprecazioni, IMHO, sono forse una reazione anche normale alla giungla quotidiana, ma non fanno altro che aumentare il nostro livello di stress. Non mi paiono una buona valvola di sfogo… anche se forse difficile da controllare è uno di quei casi in cui mi pare legittimo un po’ di lavoro su se stessi. Inutile poi dire che da questo “studio” traspare una chiara ed assoluta mancanza di educazione stradale. Devo dire chi secondo me dovrebbe farla (seriamente)?

WU

PS. Ignobel per la Pace 2018. Forse un po’ scontato come studio, ma non mi pare sia il caso di abbassare i riflettori su questo fenomeno sociale, anche da diversi punti di vista.

Annunci

Cravatte assassine

… ma che c##**# di notizia è?! Non abbiamo davvero di meglio da “studiare” e “proporre” in tema di salute e benessere?

Molti di noi hanno per obbligo o per abitudine (che è poi un obbligo da pigrizia) la cravatta. Me ne guardo bene, ma a volte mi tocca… Ora, la grande scoperta è che se la cravatta è troppo stretta può far diminuire l’afflusso di sangue al cervello.

Lo rileva addirittura uno studio (con tanto di pubblicazione su Neuroradiology)! E la cosa è acuita dal caldo di questo periodo; urlerei nuovamente alla scoperta! Suggerisco una candidatura ad-honorem per gli IgNobel…

Anche per questo “studio” abbiamo preso un campione di 30 ragazzi di età media 24 anni e li abbiamo divisi in quelli con la cravatta e quelli senza. Sottoposti a risonanza magnetica è risultato evidente che chi aveva indosso la cravatta, con nodo ben stretto e colletto abbottonato, aveva un flusso ematico celebrale più basso del 7.5% dopo che le cravatte sono state strette e che ha continuato a rimanere diminuito in media del 5,7% anche dopo che la cravatta è stata allentata…

A parte i dubbi su come è condotto lo studio (poche persone, solo 3 risonanze, dimensioni del collo ininfluenti, nessuna analisi di lungo periodo, etc.), nutro, per evidente naturale scetticismo, profondi dubbi proprio sul tema dello studio. La genialità che riconosco alla mente umana nel concentrarsi sui temi più disparati tende a confondersi con dubbie “scoperte” (che tra l’altro mi pare abbiano anche un inquietante andamento periodico-stagionale…).

Ah, ditemi anche che fa caldo e devo bere di più… non dimenticatevene!

WU

PS. Ci metterei questa colonna sonora qua.

PPSS. Che poi non era più simpatico questo “studio” qui?

Metodo Edge Hotel School

Diamo a Cesare quel che è di Cesare.

Questo potrebbe rientrare in molte categorie, dall’IgNobel al “Premio Sora Lella”, ma a me, come sempre, colpisce l’inventiva della mente umana nel porsi questo genere di problemi.

Soprattutto per l’abuso di temi/programmi/reality/quiz/etc a sfondo culinario che stiamo subendo, sentir parlare di approccio scientifico alla cucina (mia nonna non sapeva neanche cosa fossa il chilogrammo eppure cucinava a meraviglia) mi mette sulle difensive.

Ciononostante, sconfiggendo questo pregiudizio, l’idea di studiare come “sagomare” una patate per fare delle patate al forno perfette non è affatto malvagia.

Io rientro nella categoria “quattro parti e via”, posso arrivare ad otto nel caso di tuberi di ragguardevoli dimensioni. Ed ovviamente, non si fa così. Almeno secondo la formula matematica dei ragazzi (bravi, questa si che è passione in quel che si fa!) dell’università alberghiera Edge Hotel School. Il taglio è tutto per una buona patata al forno. Lo scopo è massimizzare la superficie esposta al calore per rendere la cottura più profonda, uniforme, ed il risultato più croccante.

Con un taglio ad angolo di 30° si aumenterà la superficie della patata esposta alla cottura del 65% e creiamo più angoli. Quindi, proviamo a tagliarle prima la malcapitata patata longitudinalmente e poi dividiamo ogni metà formando un angolo di circa 30° (auguri).

Ora sappiamo come fare; voglio vedere chi si mette in cucina con righello e compasso per “il taglio perfetto”, ma questo è il solito divario fra la teoria e la pratica…

WU

Fluidodinamica del caffè

Sul rapporto fra caffè ed essere umano, a parte nervosismo per abuso e fissazioni per sciccheria, abbiamo già discusso qui. Ovviamente la discussione può essere portato anche ad un livello fanta-scientifico e qui la menzione per IgNobel è garantita.

La domanda, quindi (come se fosse una conseguenza) è: come evitare di rovesciare il caffè?

Se sei italiano, o se sei banalmente un italiano come me la risposta è abbastanza facile, ovvero stai seduto e non ti agitare. Un sorso di caffè, il vento nei capelli, la sigaretta e la filosofia che ci ha reso famosi nel mondo (ed oggi stiamo perdendo anche questo). Se sei invece un maniaco dello stress (si, sono convinto che questo sia nella maggior parte dei casi un male autoindotto), un fissato delle mode d’oltre oceano, un fan del caffè nei bicchieri di carta (e secondo me è una specie di bestemmia) allora la domande è d’obbligo.

E’ tutta una questione di fluidodinamica (cioè le stesse equazioni che evitano che un bolide di F1 decolli o che un aereo precipiti). Ed è tutta una questione di avere una mente orientata ad un singolo obiettivo. Esattamente come il ricercatore SUDcoreano Jiwon Han.

L’orientale in questione si è guadagnato l’IgNobel per la fisica studiando il modo migliore di camminare per evitare di rovesciarsi il caffè addosso: “A Study on the Coffee Spilling Phenomena in the Low Impulse Regime“.

Modelli e modelli matematici che si trasformano in altrettanti modelli numerici che simulano diversi modi di impugnare la tazza e camminare per evitare di buttarsi addosso la preziosa (e spesso caldissima) bevanda.

Il paper è un inno all’ufficio complicazione affari semplici che con paginate di grafici “dimostra” che il modo migliore per non incorrere in incidenti è camminare all’indietro. Secondo classificato, la presa ad artiglio (ovvero con le cinque dita dall’alto).

Entrambe soluzioni comodissime che aumentano il piacere di sorseggiare la bevanda. IgNobel per la fluidodinamica meritatissimo.

WU

PS. Per i più curiosi, e sono certo pululano, ecco sotto l’abstract completo del paper:

When a half-full Bordeaux glass is oscillated sideways at 4 Hz, calm waves of wine gently ripple upon the surface. However, when a cylindrical mug is subject to the same motion, it does not take long for the liquid to splash aggressively against the cup and ultimately spill. This is a manifestation of the same principles that also make us spill coffee when we walk. In this study, we first investigate the physical properties of the fluid-structure interaction of the coffee cup; in particular, the frequency spectrum of each oscillating component is examined methodically. It is revealed that the cup’s oscillation is not monochromatic: harmonic modes exist, and their proportions are significant. As a result, although the base frequency of the cup is considerably displaced from the resonance region, maximum spillage is initiated by the second harmonic mode of driving force that the cup exerts on its contents. Thus, we spill coffee. As an application of these experimental findings, a number of methods to reduce liquid spillage are investigated. Most notably, an alternative method to hold the cup is suggested; in essence, by altering the mechanical structure of the cup-holding posture, we can effectively suppress the higher frequency components of the driving force and thus stabilize the liquid oscillation. In an attempt to rationalize all we have investigated above, a mechanical model is proposed. Due to practicalities, rather than to construct a dynamical system using Newton’s equation of motion, we choose to utilize the Euler-Lagrangian equations. Extensive simulation studies reveal that our model, crude in its form, successfully embodies the essential facets of reality. This liberates us to make two predictions that were beyond our experimental limits: the change in magnitude of the driving force and the temporal stabilization process.

Didgeridoo

Se lo vedete è più facile che capiate di cosa sto parlando. Ed è anche più facile che pronunciarne il nome (onomatopeico, l’avreste mai detto?). Si tratta praticamente di quella specie di lungo tubo che è uno strumento musicale australiano. Gli aborigeni dell’isola, infatti, da qualche migliaio di anni sono capaci di prendere un tubo di forma più o meno regolare, da perfettamente cilindrico a svasato, cavarlo e renderlo uno strumento a fiato (più precisamente della categoria degli aerofoni ad ancia labiale).

Si va da un metro e mezzo a più di due metri e mezzo, tipicamente di eucalipto e tradizionalmente partendo da quei rami già internamente scavati dalle termiti. Decorazioni ed incisioni a piacere, ovviamente.

Ma il vero motivo per cui mi ci sono imbattuto è che è stato di recente oggetto di studio. Studio musicale? Archeologico? Etnologo? Beh, non proprio.

Pare che il Didgeridoo abbia un particolare effetto benefico sul sonno. Si, avete capito bene. Soffrite di una di quelle sindromi da apnee notturne ostruttive o in generale disturbi respiratori del sonno (e lo dico dopo una notte completamente in bianco, e non per via della respirazione)?

Basta, “semplicemente” suonare per una mezz’ora il lungo tubone per una media di 5,9 giorni a settimana (praticamente ogni sera!) per risolvere la questione. Respirerete meglio e russerete meno (voi…) oltre che ridurrete anche la sonnolenza diurna (e certo, dormirete meglio!)

AS, a didgeridoo instructor, reported that he and some of his students experienced reduced daytime sleepiness and snoring after practising with this instrument for several months. In one person, the apnoea-hypopnoea index decreased from 17 to 2. This might be due to training of the muscles of the upper airways, which control airway dilation and wall stiffening

E lo studio, neanche a dirlo degno vincitore dell’IgNobel per la Pace del 2017, sottolinea il fatto che russare meno ed essere più svegli durante il giorno diminuisce sostanzialmente il disturbo e lo stress di chi vive, ed in particolare dorme con voi.

Regular playing of a didgeridoo reduces daytime sleepiness and snoring in people with moderate obstructive sleep apnoea syndrome and also improves the sleep quality of partners. Severity of disease, expressed by the apnoea-hypopnoea index, is also substantially reduced after four months of didgeridoo playing.

IgNobel per la Pace (almeno quella domestica) assicurato!

WU

PS. Studio a molte mani (e continenti) condotto su 25 volontari australiani (e di dove senno?) che data ben 2005!

L’età della menzogna

1005 “volontari”, fra in 6 ed i 77 anni. Denominatore comune: bugiardi.

We present the first study to map deception across the entire lifespan. Specifically, we investigated age-related difference in lying proficiency and lying frequency.

Allora gli aspetti che “i ricercatori” (University of Amsterdam come capofila) si sono proposti di sbugiardare sono l’abilità e le frequenza dei mentitori. Ovviamente siamo assolutamente coerenti con il paradosso del cretese che asserisce “Tutti i cretesi sono bugiardi”. Non credo che vi siano molte alternative per questa “investigazione sociale” per cui direi che il più grande merito di questi ricercatori è aver selezionato a chi credere ed a chi no. Nella stessa cernita anche la verosimiglianza della ricerca…

Consistent with the inverted U-shaped pattern of age-related changes in inhibitory control that we observed in a stop signal task, we found that lying proficiency improved during childhood (in accuracy, not RTs), excelled in young adulthood (in accuracy and RTs), and worsened throughout adulthood (in accuracy and RTs). Likewise, lying frequency increased in childhood, peaked in adolescence, and decreased during adulthood. [RT = reaction time]

In partica, anche per i più portati la dote della menzogna è età-dipendente. Ed in particolare ha un “andamento ad U”, più che altro associato alla modifica dei controlli inibitori con la crescita.

Quando si dice: beatà gioventù (e vecchiaia).

WU

PS. IgNobel per la psicologia, immancabile, allo studio in questione: From junior to senior Pinocchio: A cross-sectional lifespan investigation of deception.

Una volta a settimana

La frequenza del rapporto sessuale in una coppia è sempre stata sbandierata come emblema di solidità e felicità del rapporto. Ora, senza puntare agli estremi (tipo rapporti una volta al mese, o peggio, magari discutendo della spesa o del menù 😀 ) la domanda sorge spontanea (in base al livello di perversione del singolo): ma veramente esiste una relazione fra frequenza dei rapporti sessuali e felicità?

Beh, attraverso una bella analisi statistico-sociale (…il genere di “studi” che adoro) su ben 30645 cavie l’articolo Sexual Frequency Predicts Greater Well-Being, But More is Not Always Better ci da la risposta.

[…] we demonstrate that the association between sexual frequency and well-being is best described by a curvilinear (as opposed to a linear) association where sex is no longer associated with well-being at a frequency of more than once a week […]

Avete capito bene. Una volta a settimana è una specie di limite, con buona pace di molte “pubblicità progresso”. Una frequenza maggiore di una volta a settimana serve solo per i rapporti interpersonali, ma non per la felicità (e voglio vedere un indice numerico per misurarla!) del singolo.

Più in dettaglio. Se siete impegnati in una relazione, una volta a settimana è il limite della vostra felicità; se siete single non vi è alcun legame con la vostra felicità (e non provate a contraddire la Scienza). Parlando solo di coppie impegnate: la correlazione fra sesso e felicità va a saturazione e si “stabilizza” su una frequenza di una volta a settimana.

[…] sexual frequency had a curvilinear association with relationship satisfaction, and relationship satisfaction mediated the association between sexual frequency and well-being.

Attenzione! La ricerca, letta da un’altro punto di vista ci sta dicendo: meno di una volta a settimana rende infelici!

WU

PS. Non candidato, per quanto ne so, ad alcun IgNobel. Scandaloso!