Tag: dream

Sogno Matrioska

Ho analizzato altri tipi di sogni. Dopo il Trisogno ho studiato il Quadrisogno e il Polisogno. E’ stata una ricerca deludente. Se più di tre persone fanno lo stesso sogno, nasce un partito politico, o una setta satanica, o un’associazione di Psichiatri Canoisti, ma non ne deriva nulla di profetico.

Ho trovato molto più interessanti altri tipi di sogni, ad esempio il sogno erotico Pink e quello Blue. In quello Pink si hanno polluzioni notturne, respirazione affannosa, e rimpianto quando ci si sveglia. Invece nel sogno erotico Blue si resta per tutta la vita innamorati della persona sognata. La persona può anche essere un volto sconosciuto e che non incontreremo mai, ma spesso è una persona che non c’è più, che rivediamo e ribaciamo et cetera. Il risveglio è assai doloroso.

Ma ultimamente le mie ricerche sono rivolte al sogno Matrioska, in cui si incastrano una dentro l’altra diverse fasi oniriche. Cioè si sogna il risveglio poi ci si accorge che siamo ancora dentro al sogno poi ci si risveglia credendo di tornare alla realtà invece siamo ancora nel sogno et cetera.

Se questo meccanismo si ripete più di centouno volte, allora vuol dire che siamo morti.

[…]

Capita di svegliarsi e non sapere dove si è. La morte è tutta qui,

[Cornelius Noon, Libro dei labirinti onirici]

WU

PS. Sempre spulciando fra le pagine di Prendiluna e facendo seguito a notti insonni e labirinti onirici.

PPSS. Molto romantico un sogno Blue per “festeggiare San Valentino” (mi scuso in anticipo per questa locuzione). Chissà quali postumi lascerebbe.

PPPSSS. Fin troppo facile la trasposizione cinematografice del Sogno Matrioska in Inception e quella musicale (segnalataci qui) in Abate Cruento.

Quanti grattacapi che non merito ora. Quanti milioni di milardi di problemi in un sogno.

 

 

 

Annunci

Onirospi

Dopo lunghi studi, posso dire che esistono diversi tipi di sogni profetici.

Il primo, il Prosogno, è quando una persona cara ti viene in aiuto per darti i numeri del lotto, o consigliarti sulla tinta dei capelli, o per segnalarti il nome di qualcuno che è innamorato di te. Ma non sempre è infallibile, ci sono interferenze degli Onirospi, spiriti dispettosi che inquinano i sogni, e allora i numeri non escono, la tinta fa schifo e la persona che dovrebbe essere innammorata dice “Io e te insieme? Ma te lo sogni!”

Il secondo (Bis-ogno) è quando due persone si sognano l’un l’altra, ma con trame diverse. Ad esempio il marito sogna che la moglie lo tradisce col suo miglior amico, mentre la moglie sogna che il marito la tradisce col suo miglio amico. Non ha significato profetico, ma allarmistico, e genera quasi sempre litigi.

Poi c’è il Trisogno. Tre persone fanno un sogno al novanta per cento identico. In questi casi il sogno contiene senz’altro un’indicazione e una proefzia.

Poi esistono i Polisogni, i Pan-sogni Silberer e il sogno Matrioska. Ma ancora li sto studiando, e sogno di decifrarli appena sarò uscito dal manicomio.

[Cornelius Noon, Libro dei labirinti onirici]

WU

PS.

Di tutti i sogni che ho studiato, il più affascinante e misterioso è senz’altro il sogno Matrioska, attenti a voi se ci cascate dentro.

[Cornelius Noon, Libro dei labirinti onirici]

PPSS. Stanotte non ho chiuso occhio e stamente mi sono imbattuto in questo pezzo (citato in Prendiluna di Benni; tranquilli, ci ritorno). Chissà che sogno avrei potuto fare, la prossima volta starò più attento a tener lontani la peggior specie di Onirospi, quelli che il sogno te lo rovinano a monte, prima di fartelo fare; anzi prima proprio di farti addormentare.

PS.

Volare, oh oh

E chi ha detto che chi guida(va) limousine non può avere (grandi) sogni? A costo di essere definito pazzo (ed addirittura farne il proprio “nomignolo da guerra”), un sogno è un sogno e come tale va perseguito. E tanto di cappello a chi ne ha e riesce ad identificarli chiaramente.

Mike Hughens, “Mad” in arte (appunto) è la dimostrazione che la tenacia e la perseveranza (come questa altra bellissima storia che raccontavamo qui) sono affini alla pazzia, ma in fondo danno un senso alle nostre vite (“be hungry, be foolish” per i “millenials”).

La sua convinzione è relativamente semplice e di certo non nuova: la Terra è piatta. E’ tutto un enorme complotto che va avanti di migliaia di anni per farci credere che viviamo su una palla. In realtà siamo su un pezzo di terra circondato dal mare.

Il punto non è il valore “tecnico” della convinzione è che partendo proprio da tale convinzione “Mad” ha deciso che l’unico modo per fugare ogni dubbio era quello di … volare. Personalmente, sul suo razzo home-made, sopra le nubi per vedere con suoi (scettici) occhi da lassù la curvatura inesistente della Terra.

Una convinzione genera una passione e questa un obiettivo e quindi un impegno. Che nel suo caso è stato quello di costruirsi il suo razzo personale. Come fosse facile

The World’s Most Famous Limousine Driver.

The Only Man in History to Design, Build, and Launch Himself in a Rocket

Come prima cosa servono i soldoni. E quindi l’immancabile campagna di crowdfunding su Kickstarter. Obiettivo: 150000 dollari. Raccolti: 310 dollari. Non propriamente un successo ma non sufficiente per ridurre la determinazione di chi ha il suo sogno. Dato che “Mad” è forse pazzo, ma non certamente solo è riuscito a racimolare ben 20000 dollari dalla Research flat Earth; indovinate in cosa crede…

Con il piccolo gruzzoletto in tasca “Mad” ha progettato ed iniziato la realizzazione del suo razzo. Tutto materiale di recupero, rampa di lancio “mobile” attaccata ad un van usato e scassatissimo, propulsione a vapore, sistemi di sicurezza “minimali”. Altezza raggiungibile stimata: circa 550 m. Mi sa che manca qualche decina di km per iniziare a vedere le rotondità di madre Terra (per chi ci crede, ovviamente).

MadMike.png

Il lancio era stato programmato per il 25.11.17 e speravo di esser qui a scrivere di come si corona un sogno. “Mad” ha tuttavia (pazzo si, ma forse non fino in fondo) dovuto annullare il suo lancio sia a causa di problemi tecnici con il suo bolide sia perché non in possesso dei sufficienti permessi federali per andarsene lassù.

The United States Bureau of Land Management “told me they would not allow me to do the event … at least not at that location,” Hughes said in a YouTube announcement, amid international attention over his plans to launch into the ‘atmosflat.’ “It’s been very disappointing,” he said.

In attesa del prossimo lancio.

WU

PS. Il “talento” di Mad si intravedeva già nel 2002 quando entrò nel Guinness dei primati con il salto più lungo con una limousine da 3 tonnellate: 31.19 m.
Non è vero che ogni cosa si può fare bene o male; ogni cosa si può fare o la si può subire.

PPSS. Fatemi concludere con questa quote un po’ d’altri tempi:

So di essere mortale di natura e effimero, ma quando seguo le evoluzioni dei corpi celesti i miei piedi non toccano più il suolo e mi elevo alla presenza di Zeus nutrendomi di Ambrosia, il cibo degli Dei. [Tolomeo]

03:00:00

Vero, vero, vero e tremendamente vero.

CB210717.png

Nottate e nottate e nottate passate ad arrovellarmi il cervello su questo e su quello (tipicamente cazzate), ma con il sole che splende (e magari con la pancia piena) le risposte sono diverse.

E poi chissà perché l’orario preferito per queste elucubrazioni sono le 03:00 o giù di li. Ci deve essere una ragione.

Se ti accade prima; o sei ancora troppo sveglio per divagare sui peggiori aspetti di ogni pensiero che ti passa per la mente o sei nel pieno del “primo sonno”. Se invece ti sposti vero le 05:00 del mattino, inizi ad agitarti in procinto dell’imminente (beh, effettivamente… dipende) sveglia oppure ti giri e ti rigiri cercando il sonno del mattino (quello più bello, inutile dirlo).

Ma alle 03:00 è tutta un’ altra storia. Che tu dorma solo, in compagnia, in dolce compagnia; che tu sia insonne, che cerchi programmi “fuori orario” alla tv; che tu sia un maniaco della tecnologia o della lettura anche in piena notte il consiglio è sempre lo stesso: se sono le 03:00 non pensare a nulla che ti rovini il sonno che ti resta e la giornata che verrà.

Prenditi al più una nota (tipo questa…) e ci rifletti il giorno dopo. Appuntamento a mezzogiorno.

WU

Forse sogni, forse no

Spesso, soprattutto quando dormo poco e male, finisco per fare dei sogni artificiali nei quali dipingo scenari e situazioni improbabili e vedo se riesco a farle evolvere senza governarle razionalmente (almeno non completamente).

A mente fredda (oltre a rendermi conto delle mie turbe), ho trovato qui uno studio finto-serio di un ipotetico accrocchio: the dream machine. Tralasciando ciò che penso di questo genere di invenzioni (e tralasciando quanta science fiction mi viene in mente), preferisco (anche per non aumentare il noise che c’è in rete a riguardo…) riportare il flusso di coscienza che mi ha fatto approdare alle leggi di Clarke.

L’accrocchio è una specie di registratore di sogni (ti prego…) che ci prende il 50% delle volte. E qui non puo mancare il Corollario di Dudenhoefer: “un’approssimazione al 50 per cento puo’ andar bene per qualsiasi cosa sta in mezzo”, cioè per come la vedo io: va bene sempre e mai.

Ma infondo io non ci capisco un acca (e non solo di questo), mentre il professorone (e mica solo lui, si parla anche di collaborazioni con diversi laboratori ed istituti), che si da il caso è anche capoccia del dipartimento di neuroinformatica, ha legato il suo nome alla cosa.

Ad occhio non mi pare particolarmente anziano, per cui dubito del suo asserto semplicemente sulla base della prima legge di Clarke: “Quando un illustre ma anziano scienziato sostiene che qualcosa e’ possibile ha quasi certamente ragione. Quando sostiene che qualcosa e’ impossibile, molto probabilmente ha torto”. Rimuovendo il requisito di anzianità, gli asserti si invertono?

Comunque, anche con un po di scetticismo applico anche la seconda legge di Clarke: “L’unica maniera di scoprire i limiti del possibile e’ di oltrepassarli e finire nell’impossibile”. Beh, direi che in questo caso di impossibile (oltre le trame dei miei sogni) ce ne stà a iosa. Ed infine, la terza legge di Clarke mi suggerisce che non devo capire, ma a cose come questa ci devo credere e basta: “Ogni tecnologia sufficientemente avanzata e’ indistinguibile dalla magia”.

E poi mi piace anche fare i rissuntini, e non sono bravo a farli. Quindi dico che ogni scienziato neuroinformatico (ma la cosa si applica benissimo ad un’ampia pletora di figure professionali) è in fondo un mago che prova a fare cose possibili salvo poi definirle impossibili quando è vecchio. Crudo e minimal.

WU