Tag: business

Gocce di packaging

Il tipo di idee che mi fa riguadagnare un po’ di fiducia nel genere umano. E non tanto per il suo aspetto eco-friendly, ma anche e soprattutto per la genialità dell’intuizione (dai, che in fondo non possiamo essere così stupidi…).

Praticamente abbiamo inventato il niente, anzi una goccia fatta di niente. Un design puro e minimal che non può non piacermi.

Ooho!.png

Una membrana sottilissima fatta di sostanze vegetali non meglio specificate condite con un po’ di alghe (le alghe ci salveranno…) che fa da contenitore. Più precisamente si tratta di una membrana gel (tipo il gel che si fa in cucina per le torte) fatta di alginato di sodio e cloruro di calcio

Ooho, will revolutionise the water-on-the-go market. The spherical flexible packaging can also be used for other liquids including water, soft drinks, spirits and cosmetics, and our proprietary material is actually cheaper than plastic.

Addio alle (odiosissime) bottiglie di plastica; che sia acqua, liquore, un qualche drink, ma anche un cosmetico o una cremina a caso, basta “avvolgerla” nella goccia per averla sempre a portata di mano.

Poi ci aggiungi che la membrana e totalmente bio, che può essere colorata, che è edibile (!) e che anche il suo processo produttivo pare essere sostenibile, beh…

Come sempre il mio scetticismo inizia quando questo genere di idee esce dai laboratori per entrare nelle industrie, ma pare che già dal 2018 la membrana dovrebbe essere prodotta su scala industriale e pronta per la commercializzazione (con costo stimato per la singola bolla di appena 2cent). Il miracolo continua…

WU

PS. Ed, neanche a dirlo, l’idea nasce dai finanziamenti raccattati con un progetto di crowdfunding (che ha tirato su cmq 848 mila sterline, più del doppio del target…) che ha poi dato, ovviamente, vita all’immancabile startup.

Skipping Rocks Lab is an innovative sustainable packaging start-up based in London. We are pioneering the use of natural materials extracted from plants and seaweed, to create packaging with low environmental impact.

Annunci

Random guess

Dilbert23017.png

Io mi ritrovo spesso, neanche a dirlo, in una posizione intermedia ai due Adamsiani personaggi (qui).

Non ho “motivazioni” sufficienti ad indurre chicchessia a farmi una stima (ovviamente alla cieca) di tempi/costi ed ho qualcuno a cui doverla riportare.
Estorcere un numero “alla Dilbert” non è opera da poco e fornirlo ancora di più. E’ forse uno di quei momenti in cui il vero gap fra chi fa e chi deve gestire/organizzare/vendere è più evidente.

Ovviamente se mi trovassi (… e quando mi ci trovo è proprio così) dalla parte tecnica prima di dare un numero vorrei anche io capire di cosa sto parlando. Dato che la cosa è spesso (understatemnet) impossibile, mi ritrovo a lanciare il mio dado mentale, diciamo da una ventina di facce, per tirar fuori un numero a caso che poi “abilmente” raddoppio per prendermi cautele che forse non mi servono. E così che non si va avanti… d’altronde lo stato delle attività è sotto gli occhi di tutti.

L’approccio giusto (e per questo impossibile… by definition direi) sarebbe quello di anticipare la richiesta di una stima di tempi/costi; lasciare qualche (numero da riempire solo da un bravo coordinatore) ore/giorni per poterla fare e poi considerarne la risposta come un punto fisso. Come una stima tutt’altro che random. A questo punto, non tollererei, neanche da me stesso, sforamenti importanti rispetto ad una stima data con il lume della ragione e non con il lume spento.

WU

Beviamo tanto che fa caldo

Da sganasciarsi di risate per l’ovvietà e la ripetitività del tutto. Tipo quando al TG ti devono dire che in estate “non bisogna uscire nelle ore calde, bisogna bere molta acqua e consumare molta frutta e verdura”. Perché tanto ce lo dicono ogni anno, e non a Mezzogiorno in Famiglia, ma a quella farsa dell’informazione seria, imparziale, concisa e fondamentale che è il telegiornale.

Come se qualcuno di media razionalità, senza alcun istinto di sopravvivenza si mettesse a fare lo sciopero della sete mentre fa la maratona a mezzogiorno di un giorno di Agosto, magari fra il traffico delle strade di Roma. Si, so che potrei essere smentito, ma diciamo che la mia fiducia nella razza umana non deve per forza esser corrisposta.

Ad ogni modo, tornando a noi. E’ estate ed anticicloni da nomi improbabili si alternano a notizie di incendi, siccità o “bombe d’acqua” anomale. Ed ovviamente (e meno male!) anche il nostro modo di cibarsi cambia. Personalmente non disdegno un bel piatto corposo con annesso vinello strutturato anche con 30 gradi all’ombra, ma diciamo che è più una tantum che una prassi.

infograficaconsumiGiugno17.png

Ok, se la smetto di divagare… Allora, anche la nostra dieta cambia ed in particolare ciò che beviamo. Tralasciamo per un attimo ciò che mangiamo e ciò che ci spalmiamo addosso.

Vincono a man basse le birre. Bionde e poco alcoliche, piacevolmente fresche e frizzanti che quasi ti fanno dimenticare che sono alcoliche. E dato che siamo anche un popolo di sperimentatori (questa frase la vorrei tanto leggere in altri contesti…) cresce anche rispetto allo scorso anno il consumo di birre analcoliche.

Acqua, ovviamente. Non gassata, chissà perché. E rigorosamente quella delle famigerate bottiglie di plastica abbandonate in piazzali assolati. E poi il tè. Personalmente quello in bottiglia super dolce e per nulla dissetante mi fa accapponare la pelle, ma vedo di essere (strano…) una sparuta minoranza.

Due numeri per condire tutto il beveraggio: 156,1 milioni di euro per birrini, 2,3 milioni per la variante analcolica, 145,3 milioni per l’acqua, 43,9 milioni per (bevande a base di) tè freddo. Quindi abbiamo un totale di 347,6 milioni di liquidi (non nel senso di denaro circolante 🙂 ) circolanti nel Giugno di questo anno.

Ed ora un conto che non ha senso: se assumiamo di essere circa 60 milioni di teste (fra pensanti e non) in Italia, abbiamo una spesa procapite di meno di 6 euri a testa. Il conto non ha senso sia perché è una divisione brutale di pazzi adulti e bambini, sia perché l’acqua in effetti ha un peso non trascurabile sul totale del litraggio ed un costo relativamente basso, sia perché non sono inclusi eventuali alcolici diciamo dal vino in su, sia perché non è considerato il consumo in litri delle varie bevande, sia perché vi sono tanti altri liquidi che non sono considerati, sia perché… volevo fare la divisione e basta.

Beoni si, ma tutto sommato moderatamente.

WU

Luxembourg space mining road

It was about six months ago that we rambled about the space plans of Luxembourg. Actually, about the space mining aims of Luxembourg. Well, as I suspected, it is something more that just words. Few days ago, indeed, the Grand Duchy’s prince, princess and deputy prime minister were in US to meet with NASA officials, Silicon Valley entrepreneurs and investors.

A small step (in the Apollo fashion), but a step. And possibly, in the right direction.

The idea remains the one of the SpaceResources.lu, i.e. to extract valuable materials from asteroids. The endeavour is full of issues, of various nature: financial, regulatory, legal and, of course, technical. The meeting was focussed on all of these topics, but, in particular, Luxembourg sees in this opportunity the chance of making business to grow the in-house market and know-how.

For U.S. companies, Luxembourg offers enticing opportunities. Companies that establish offices and conduct work there are eligible for research and development money, and equity investment.

And, as it should be, if you have a plan, and you believe in it the only think you have to do is to find resources and invest. Risky? Yes. This is the sense if you believe in the project (in Italy this part is often missing). And indeed:

[…] the country is preparing to form a space agency that pairs government with private capital to invest another 70 million to 100 million euros in promising ventures […]
[…] It is easy to calculate that even a relatively small metal asteroid has enough platinum group metals to be worth — and I use a very technical term — a bazillion dollars or Euros. I don’t know what the exchange rate is right now, but they are roughly similar. […]

Besides money the country is also working on the legal and regulatory aspects of the space mining goal (the second country after US…):

[…] Luxembourg is scheduled to enact legislation this summer to give Luxembourg corporations ownership of the metals, water or gases they mine in space. In contrast to similar legislation passed by the U.S. Congress in 2015, Luxembourg’s law does not only cover corporations if a majority of their shares are owned locally. […]

It is challenging, nonetheless it still make sense (to me) believe and invest in this direction and Luxembourg seems doing it in facts and not in words.

WU

PS. On top of everything Luxembourg is also in a good position to lead this endeavour. For its space heritage, of course, but also because it is not considered a threat for anybody.

[…] Luxembourg also attracts less suspicion than a superpower would if it called for revision of the Outer Space Treaty. With its 1,000-person military force, it is “unlikely that Luxembourg is going to be regarded as a threat to anybody […]

Like to say: “you are small enough to keep on playing; we will not stop neither disturb you”. Good players… who knows if it is just fate.

Single Stage to Orbit

I definitely like the idea. Actually it doesn’t sound really feasible to me… but for sure because I’m not enough a far-looking man.

Since the begin of the space age, we learnt to go into space by means of rockets. These rockets, depending on the size, payload mass, target orbit and bla bla bla, were (and are) based on some stages. The first stage has the most powerful engine able to fight against Earth gravity, the second completes the ascend phase, a third one helps reaching the target orbit. And everything is often coupled with solid auxiliary solid boosters to give even more thrust.

The technical reasons behind this approach are mainly (but not only two): each engine is optimize to work in a specific range of outside pressure (where the expansion of the jet is maximum) and staging a rocket is a good way to get rid of useless mass (e.g. used stages) to avoid to bring into the target orbit already waste mass (i.e. already spent launch vehicle parts are just useless burden).

Haas 2CA (from the name of the C. Haas, the first one to propose such idea) is this innovative launcher which promises to implement this single stage to orbit approach by replacing the conventional engines with a linear aerospike engine.

arca.png

What’s that? Well… the implementation of an idea which dates back to the 1960 and “basically works by cutting a rocket engine’s bell in half, then placing the two halves back to back to form a tapering spike“. In short, it is the external air which behaves as the missing half cone adapting itself to the right size to obtain the optimum jet expansion.

This means that as the rocket flies higher, the thinner air holds the gases less tightly and they spread out more as if the rocket bell has gradually grown larger. This allows the aerospike to automatically adjust itself in flight, turning itself from a sea-level engine into a high-altitude one.

Ah, as usual, besides the (fascinating) idea… money moves the right leverage: the system is advertised as disruptive also on the economic side, 1 million dollars per launch; 10 000 dollars per pound.

WU

PS. Just some technical data for completeness: the Haas 2CA will be 16 m, 1.5 m diameter, 550 kg weight and 16290 kg fuelled… not really impressive figures, absolutely in line with the micro-mini sat market the launcher targets.

Penne e colori

Beh, non sarà proprio come catturare i sogni (qui), ma ci va molto vicino. E pare, o quanto meno viene percepito come, molto più concreto. Catturiamo i colori, quasi come se fossero una proprietà materiale da poter catturare, imbrigliare ed utilizzare a nostro piacere. In questo caso effettivamente è quasi così.

E’ la magica penna Scribble Pen.

Ora, tanto per fare un po’ il giovane figlio della tecnologia, esistono già app che se puntate su un oggetto sono in grado di captare esattamente il colore inquadrato e restituirti la sequenza RGB da utilizzare nel puntatorino per fare un disegno sul vostro smartphone con linee esattamente di quel colore.

La cosa, già abbastanza affascinante, rimane comunque confinata allo schermo di un telefono… fino all’avvento della Scribble Pen che praticamente introduce lo stesso concetto, ma su un bel pezzo di carta. Il che fa tutta un’altra scena…

Praticamente basta avvicinare per un paio di secondi la penna “magica” ad un oggetto per “rubargli il colore”; un po’ come rubargli l’anima, anche se fortunatamente poi l’oggetto non diventa di uno scialbo grigio come nelle migliori storie di fantasia…

La penna, dopo aver campionato il colore, grazie ad una cartuccia d’inchiostro ricaricabile ed una micro pompa “intelligente” (ovvero controllabile elettronicamente), offre la possibilità di trasformare il colore rilevato in reale inchiostro. Il principio non è particolarmente innovativo (ormai), ma di certo affascinante il fatto di averlo trasferito da un touchscreen al mondo reale.

Il fatto che l’inchiostro sia praticamente indelebile, che la penna vada bene anche per tavolozze virtuali e che si ricarichi via USB (con circa 15 ore di autonomia) completano il pacchetto.

… in offerta a 249$ … E questo la rende molto reale.

WU

PS. Ovviamente è una novità 2016…

Ultra-olocrazia

Non sono tendenzialmente un esterofilo, a maggior ragione rispetto ai paesi del lontano nord Europa. Non tanto perché non creda che abbiano molti aspetti positivi nella loro mentalità ed organizzazione sociale, quanto più per il fatto che vedo tali aspetti come assolutamente fuori luogo rispetto alla nostra cultura.

Nonostante ciò devo ammettere che notizie come questa un po’ di amaro in bocca per come siamo fatti me lo lasciano, in particolare con l’idea di essere sostanzialmente retrogradi.

Ad una società ed in un mondo del lavoro italiano nel quale il lavoro, se ce l’hai, lo devi difendere con i denti, anche facendo vedere che sei a lavoro (d’altronde con tutti i casi di assenteismo anche io mi armerei a dovere…) sentendo il tuo bip ogni mattina; si contrappone l’ultima soluzione dell’azienda di consulenza software svedese Crisp.

Molto più calzante all’immagine di una società liquida nella quale ci vantiamo di vivere, i dipendenti avevano già qualche hanno fa (anatema da questo lato delle Alpi) scelto di cambiare annualmente l’amministratore delegato scegliendolo a turnazione fra i dipendenti. Una sorta di Holocracy (che??!), insomma,

Già questo sarebbe per me motivazione sufficiente ad amare il proprio lavoro: è uno sprone, è una responsabilità, è un’occasione di crescita, è una diversificazione di qualunque monotonia, è.

La cosa si è evidentemente dimostrata abbastanza interessante e fruttuosa (d’altronde non sono falliti…) da spingere i suddetti dipendenti/amministratori a fare il passo successivo: abolizione completa del CEO.

I vari CEOs si sono velocemente resi conto, infatti, che le mansioni proprie di un CEO sono sovrapponibili a quelli di altre figure e quelle proprio peculiari possono essere tranquillamente ripartite fra ulteriori responsabili.

Crisp holds four-day meetings for all staff two to three times a year. They are used to making decisions on issues that affect everyone, such as an office move, but workers are encouraged to make decisions themselves at other times.

Ovviamente gli errori si commettono (anche se da noi il CEO, per definizione, non ne commette mai), ma la soluzione si trova in assemblea partendo dalle motivazioni che hanno spinto il responsabile di turno a prendere certe decisioni.

Per come la vedo io, la scoperta delle scoperte (dopo l’acqua calda) in questo “esperimento” è che essere tutti sullo stesso piano, sentirsi tutti un’ingranaggio della macchina, aumenta notevolmente la produttività, il piacere e quindi l’abnegazione al lavoro. Poi venitemi a parlare di margine e fatturato.

Ovviamente ad un contesto con centinaia/migliaia di dipendenti (e decine di anni di gerarchia alle spalle) credo che il modello NO-CEO sia difficile da applicare (Crisp vanta comunque un rispettosissimo organico di 40 persone). Tuttavia un passo in questa direzione può essere fatto (e.g. ripartizione dei compiti e delle responsabilità a tutti i livelli) per evitare stalli burocratici (scommetto quello che volete che i processi decisionali sarebbero snelliti e velocizzati) e disaffezione al lavoro. Non si farà mai.

If you want to get something done, you stand up and start driving that

WU