Tag: business

Luxembourg space mining road

It was about six months ago that we rambled about the space plans of Luxembourg. Actually, about the space mining aims of Luxembourg. Well, as I suspected, it is something more that just words. Few days ago, indeed, the Grand Duchy’s prince, princess and deputy prime minister were in US to meet with NASA officials, Silicon Valley entrepreneurs and investors.

A small step (in the Apollo fashion), but a step. And possibly, in the right direction.

The idea remains the one of the SpaceResources.lu, i.e. to extract valuable materials from asteroids. The endeavour is full of issues, of various nature: financial, regulatory, legal and, of course, technical. The meeting was focussed on all of these topics, but, in particular, Luxembourg sees in this opportunity the chance of making business to grow the in-house market and know-how.

For U.S. companies, Luxembourg offers enticing opportunities. Companies that establish offices and conduct work there are eligible for research and development money, and equity investment.

And, as it should be, if you have a plan, and you believe in it the only think you have to do is to find resources and invest. Risky? Yes. This is the sense if you believe in the project (in Italy this part is often missing). And indeed:

[…] the country is preparing to form a space agency that pairs government with private capital to invest another 70 million to 100 million euros in promising ventures […]
[…] It is easy to calculate that even a relatively small metal asteroid has enough platinum group metals to be worth — and I use a very technical term — a bazillion dollars or Euros. I don’t know what the exchange rate is right now, but they are roughly similar. […]

Besides money the country is also working on the legal and regulatory aspects of the space mining goal (the second country after US…):

[…] Luxembourg is scheduled to enact legislation this summer to give Luxembourg corporations ownership of the metals, water or gases they mine in space. In contrast to similar legislation passed by the U.S. Congress in 2015, Luxembourg’s law does not only cover corporations if a majority of their shares are owned locally. […]

It is challenging, nonetheless it still make sense (to me) believe and invest in this direction and Luxembourg seems doing it in facts and not in words.

WU

PS. On top of everything Luxembourg is also in a good position to lead this endeavour. For its space heritage, of course, but also because it is not considered a threat for anybody.

[…] Luxembourg also attracts less suspicion than a superpower would if it called for revision of the Outer Space Treaty. With its 1,000-person military force, it is “unlikely that Luxembourg is going to be regarded as a threat to anybody […]

Like to say: “you are small enough to keep on playing; we will not stop neither disturb you”. Good players… who knows if it is just fate.

Single Stage to Orbit

I definitely like the idea. Actually it doesn’t sound really feasible to me… but for sure because I’m not enough a far-looking man.

Since the begin of the space age, we learnt to go into space by means of rockets. These rockets, depending on the size, payload mass, target orbit and bla bla bla, were (and are) based on some stages. The first stage has the most powerful engine able to fight against Earth gravity, the second completes the ascend phase, a third one helps reaching the target orbit. And everything is often coupled with solid auxiliary solid boosters to give even more thrust.

The technical reasons behind this approach are mainly (but not only two): each engine is optimize to work in a specific range of outside pressure (where the expansion of the jet is maximum) and staging a rocket is a good way to get rid of useless mass (e.g. used stages) to avoid to bring into the target orbit already waste mass (i.e. already spent launch vehicle parts are just useless burden).

Haas 2CA (from the name of the C. Haas, the first one to propose such idea) is this innovative launcher which promises to implement this single stage to orbit approach by replacing the conventional engines with a linear aerospike engine.

arca.png

What’s that? Well… the implementation of an idea which dates back to the 1960 and “basically works by cutting a rocket engine’s bell in half, then placing the two halves back to back to form a tapering spike“. In short, it is the external air which behaves as the missing half cone adapting itself to the right size to obtain the optimum jet expansion.

This means that as the rocket flies higher, the thinner air holds the gases less tightly and they spread out more as if the rocket bell has gradually grown larger. This allows the aerospike to automatically adjust itself in flight, turning itself from a sea-level engine into a high-altitude one.

Ah, as usual, besides the (fascinating) idea… money moves the right leverage: the system is advertised as disruptive also on the economic side, 1 million dollars per launch; 10 000 dollars per pound.

WU

PS. Just some technical data for completeness: the Haas 2CA will be 16 m, 1.5 m diameter, 550 kg weight and 16290 kg fuelled… not really impressive figures, absolutely in line with the micro-mini sat market the launcher targets.

Penne e colori

Beh, non sarà proprio come catturare i sogni (qui), ma ci va molto vicino. E pare, o quanto meno viene percepito come, molto più concreto. Catturiamo i colori, quasi come se fossero una proprietà materiale da poter catturare, imbrigliare ed utilizzare a nostro piacere. In questo caso effettivamente è quasi così.

E’ la magica penna Scribble Pen.

Ora, tanto per fare un po’ il giovane figlio della tecnologia, esistono già app che se puntate su un oggetto sono in grado di captare esattamente il colore inquadrato e restituirti la sequenza RGB da utilizzare nel puntatorino per fare un disegno sul vostro smartphone con linee esattamente di quel colore.

La cosa, già abbastanza affascinante, rimane comunque confinata allo schermo di un telefono… fino all’avvento della Scribble Pen che praticamente introduce lo stesso concetto, ma su un bel pezzo di carta. Il che fa tutta un’altra scena…

Praticamente basta avvicinare per un paio di secondi la penna “magica” ad un oggetto per “rubargli il colore”; un po’ come rubargli l’anima, anche se fortunatamente poi l’oggetto non diventa di uno scialbo grigio come nelle migliori storie di fantasia…

La penna, dopo aver campionato il colore, grazie ad una cartuccia d’inchiostro ricaricabile ed una micro pompa “intelligente” (ovvero controllabile elettronicamente), offre la possibilità di trasformare il colore rilevato in reale inchiostro. Il principio non è particolarmente innovativo (ormai), ma di certo affascinante il fatto di averlo trasferito da un touchscreen al mondo reale.

Il fatto che l’inchiostro sia praticamente indelebile, che la penna vada bene anche per tavolozze virtuali e che si ricarichi via USB (con circa 15 ore di autonomia) completano il pacchetto.

… in offerta a 249$ … E questo la rende molto reale.

WU

PS. Ovviamente è una novità 2016…

Ultra-olocrazia

Non sono tendenzialmente un esterofilo, a maggior ragione rispetto ai paesi del lontano nord Europa. Non tanto perché non creda che abbiano molti aspetti positivi nella loro mentalità ed organizzazione sociale, quanto più per il fatto che vedo tali aspetti come assolutamente fuori luogo rispetto alla nostra cultura.

Nonostante ciò devo ammettere che notizie come questa un po’ di amaro in bocca per come siamo fatti me lo lasciano, in particolare con l’idea di essere sostanzialmente retrogradi.

Ad una società ed in un mondo del lavoro italiano nel quale il lavoro, se ce l’hai, lo devi difendere con i denti, anche facendo vedere che sei a lavoro (d’altronde con tutti i casi di assenteismo anche io mi armerei a dovere…) sentendo il tuo bip ogni mattina; si contrappone l’ultima soluzione dell’azienda di consulenza software svedese Crisp.

Molto più calzante all’immagine di una società liquida nella quale ci vantiamo di vivere, i dipendenti avevano già qualche hanno fa (anatema da questo lato delle Alpi) scelto di cambiare annualmente l’amministratore delegato scegliendolo a turnazione fra i dipendenti. Una sorta di Holocracy (che??!), insomma,

Già questo sarebbe per me motivazione sufficiente ad amare il proprio lavoro: è uno sprone, è una responsabilità, è un’occasione di crescita, è una diversificazione di qualunque monotonia, è.

La cosa si è evidentemente dimostrata abbastanza interessante e fruttuosa (d’altronde non sono falliti…) da spingere i suddetti dipendenti/amministratori a fare il passo successivo: abolizione completa del CEO.

I vari CEOs si sono velocemente resi conto, infatti, che le mansioni proprie di un CEO sono sovrapponibili a quelli di altre figure e quelle proprio peculiari possono essere tranquillamente ripartite fra ulteriori responsabili.

Crisp holds four-day meetings for all staff two to three times a year. They are used to making decisions on issues that affect everyone, such as an office move, but workers are encouraged to make decisions themselves at other times.

Ovviamente gli errori si commettono (anche se da noi il CEO, per definizione, non ne commette mai), ma la soluzione si trova in assemblea partendo dalle motivazioni che hanno spinto il responsabile di turno a prendere certe decisioni.

Per come la vedo io, la scoperta delle scoperte (dopo l’acqua calda) in questo “esperimento” è che essere tutti sullo stesso piano, sentirsi tutti un’ingranaggio della macchina, aumenta notevolmente la produttività, il piacere e quindi l’abnegazione al lavoro. Poi venitemi a parlare di margine e fatturato.

Ovviamente ad un contesto con centinaia/migliaia di dipendenti (e decine di anni di gerarchia alle spalle) credo che il modello NO-CEO sia difficile da applicare (Crisp vanta comunque un rispettosissimo organico di 40 persone). Tuttavia un passo in questa direzione può essere fatto (e.g. ripartizione dei compiti e delle responsabilità a tutti i livelli) per evitare stalli burocratici (scommetto quello che volete che i processi decisionali sarebbero snelliti e velocizzati) e disaffezione al lavoro. Non si farà mai.

If you want to get something done, you stand up and start driving that

WU

Innovating Countries

Fra i vari modi che abbiamo di raffigurarci il mondo c’è anche un non meglio definito Bloomberg Innovation Index che:

scores economies using factors including research and development spending and the concentration of high-tech public companies

BlInIn.png

In base a come si pesano i vari fattori, a cosa si considera high-tech e a ciò che si dichiara parte di R&D mi immagino (non ci vuole poi molto) che si può dimostrare una cosa o il suo contrario abbastanza agilmente.

Ad ogni modo (ovvero seguendo le note in calce alla classifica), attenendoci all’indice scopriamo dove si innova di più, e dove di meno, nel mondo in questo 2017.

BlInIn_1.pngAllora, vediamo un po’:

  • se volete innovare davvero (parlo di brevetti e ricerca, non di carrozzoni che devono far muovere un po’ di soldi pubblici) allora il place to be è, esattamente come lo scorso anno, la Corea del Sud (… volevo vedere se era quella del Nord).

South Korea remained the big winner, topping the international charts in R&D intensity, value-added manufacturing and patent activity and with top-five rankings in high-tech density, higher education and researcher concentration. Scant progress in improving its productivity score — now No. 32 in the world — helps explain why South Korea’s lead narrowed in the past year.

  • I paesi del nord Europa si confermano (con un po’ di variazioni “fra loro”) l’incubatore di Europa: Svezia seconda (diciamocelo che è molto aiutata da una moneta debole che favorisce le esportazioni…), Germania terza, Finlandia quinta.

Silver medal winner Sweden owes most of its rise to improvement in the manufacturing value-added metric, while Nordic neighbor Finland jumped two spots in large part because of the rise of high-tech firms in the country. Norway held its No. 14 spot from last year. […] Fresh ideas tend to pay off big in Sweden, even as the current government is less business-friendly and has imposed labor taxes that could crimp business investment […]

  • Israele è l’unico paese mediorientale ad entrare nell top 10
  • Il Giappone, che conserva comunque una ragguardevole 7ma posizione, subisce un balzo indientro di ben tre posti rispetto al quarto posto dello scorso anno, ora detenuto da una Svizzera (stranamente) in crescita, che va a fare concorrenza ai vichinghi.
  • The biggest loser in this year’s Bloomberg Innovation Index was Russia, plunging 14 spots to No. 26, almost five times the size of the next-largest drop in the rankings. Battered by sanctions and the after-effects of a couple years of subdued energy prices, Russia’s solid scores last year in manufacturing and productivity were destroyed in this year’s tally.

L’ Italia, proprio perché dobbiamo dirlo, è una squadra di mezza classifica (onestamente pensavo peggio), addirittura con un +2 rispetto al 2016. Favorisca chi vuole riempirsi la bocca con la “ripresa”.

WU

How to sell anything (?)

Da un certo punto di vista credo che siamo un po’ tutti obbligati a farci venire l’animo del venditore. C’è chi è più portato e chi meno, c’è chi è più bravo e chi meno (io, personalmente sono “e chi meno”), ma ad ogni modo non abbiamo poi tanta scelta.
Per aspetti diversi ed in contesti diversi dobbiamo vendere e venderci.

Il cappello per giustificare questa infografica in cui sono inciampato (beh, che dire, uno dei propositi del nuovo anno è quello di essere più lavorativamente-social).

sellenything.png

Fermo restando che vorrei pormi nell’ottica di chi ha da imparare (per necessità più che per volontà), passiamo alle domande:

  • come diavolo faccio a convincere qualcuno a fidarsi di me? Mi pare il passo più difficile (e non a caso è correttamente indicato come il primo); soprattutto se devo lasciare il 90% del tempo di discussione all’interlocutore…
  • è chiaro che il ghiaccio non serve sull’Himalaya, ma nella vita reale difficilmente trattiamo con gli Sherpa. Un passo che trovo tutt’altro che banale è identificare le necessità dell’interlocutore (spesso non chiare neanche a lui)
  • troppo ottimismo non porta a fallimento sicuro? Una via di mezzo (fosse facile) credo sarebbe più calzante
  • ma davvero basta un si per “cancellare” tanti no?! Sono un po’ scettico, mi pare un approccio un po’ facilone, soprattutto se ci sono uscite mensili fisse da onorare…

In breve, di sicuro l’approccio mi alletta e mi offre dei solidi spunti di riflessione, ma diciamo che non credo che riuscirei a vendere ogni cosa seguendolo (ed, in fondo, anche non seguendolo ho il mio bel da fare).

WU

Sasso impellicciato

Che il confine fra genialità e follia sia molto sottile è cosa ben nota.

Che la stupidità umana sia un dato di fatto è cosa altrettanto acquisita.

Che il business, anche quello più assurdo, muova inaspettatamente le fila persino delle nostre volizioni è una inconscia, ma reale, verità.

Nonostante tutto rimango sempre a bocca aperta quando vedo esternazioni di questi tre assiomi. A maggior ragione quando sono racchiusi in un’unica manifestazione. Prendiamo un sasso. Voi quanto lo paghereste?

Ok, diciamo che ve lo metto in una bella poscettina di pelle. Quanto sareste disposti a pagare?

Ok, ok, diciamo che ve lo spedisco anche a casa e che lo raccolgo (certificato?) da qualche parte nell’area di Los Angeles. Ora quanto vorreste spendere?

No, mandarmi a qual paese non è la risposta. Bensì: 85.10 euri (o giù di li in base al cambio).

solidstone.png

Molto probabilmente qualche buontempone dell’area marketing della Nordstrom, con tanta ironia, un po’ di fantasia e possibilità decisionali ad un certo punto ha pensato di raccogliere un sassetto di circa 10×10 e fargli cucire una custodina di pelle attorno.

Lo devo dire? Successo travolgente, scorte esaurite. Ed effettivamente anche la presentazione del prodotto è sufficientemente accattivante da aiutare indecisi acquirenti

A paperweight? A conversation piece? A work of art? It’s up to you, but this smooth Los Angeles-area stone—wrapped in rich, vegetable-tanned American leather secured by sturdy contrast backstitching—is sure to draw attention wherever it rests. A traditional hardening process gives the leather a beautiful ombré effect. Like all Made Solid leather pieces, this one is cut, shaped, sewn and finished by hand in artist Peter Maxwell’s Los Angeles studio. Using vintage leatherworking tools and traditional saddle-stitching techniques, Maxwell aims to create beautiful designs that embody both simplicity and functionality, and that develop rich character and patina over time.

Stupidamente genialmente da dar fastidio (ed il fatto che anche io ne parli qui non fa altro che confermare la viralità della faccenda).

WU

PS. Un’ottima idea regalo…