Tag: biology

Disease X

Non si può avere paura di tutto, ma di qualcosa si. La paura è la madre dell’errore, verissimo, ma anche la completa assenza di essa non garantisce scelte serene ed obiettive. Direi che l’eccesso di paura è la madre dell’errore e che una giusta dose di paura è un buon parente del buon esito di decisioni azzardate.

Ad ogni modo, di paura ne abbiamo e la dose la possiamo malamente percepire, figuriamoci se la possiamo in qualche modo decidere.

Ogni anno l’OMS stila una lista delle malattie potenzialmente pandemiche che ci preoccupano di più. Praticamente una lista di quelle cose da cui difenderci, ma non sappiamo ancora esattamente come. Non abbiamo armi di difesa di massa per un’epidemia su scala globale di Ebola, Marburg, Zika, febbre Lassa, febbre emorragica Congo-Crimea, Sars, Mers, Nipah, febbre della Rift Valley (ANAS, ENEL, FIAT ed altre sigle a caso 🙂 ).

Ma soprattutto non abbiamo un’arma di difesa trasversale, di larga portata, semi universale (si, e magari a buon mercato) contro una ignota (ma molto probabile) malattia X. E qui, giù di incidenti biologici, mutazioni, alieni e trame fanta-complottistiche a pioggia…

Ma non è uno scherzo; all’ultimo posto della classifica delle malattie potenzialmente pandemiche compare proprio questa malattia X. Praticamente una patologia sconosciuta dalla quale dobbiamo iniziare a pensare (anche se onestamente faccio fatica a pensare ad una soluzione “buona in ogni occasione”) come difenderci. Un rimedio contro un known unknown, un male oscuro.

malattiaX.png

L’inserimento dell’agente patogeno sconosciuto, mira ovviamente a mantenere alto il livello di attenzione di governi ed istituzioni per rimanere pronti a questo genere di minaccia. L’obiettivo è (credo e spero) quello di creare consapevolezza.

La cosa ovviamente non si limita a gettare il sasso nello stagno e tirare indietro la mano. La prossima minaccia potrebbe essere un virus o un batterio ancora non conosciuto. Esiste pertanto un ambizioso progetto di mappatura del DNA di tutti i virus esistenti: Il Global Virome Projec. Secondo le stime di questo progetto, infatti, esistono 1,67 milioni di virus nel mondo, di cui lo 0,1% è conosciuto; tra questi un numero imprecisato fra i 631000 ed i 827000 potrebbero avere la capacità di infettare l’uomo. Mica poco…

L’unica speranza è quella che la famigerata malattia X non si sviluppi mai; abbiamo già difficoltà a difenderci da quelle che conosciamo.

WU

Annunci

Fascicolo arcuato

Quando si dice che ci sono problemi di comunicazione. Anzi, di interazione.

Ma secondo voi il fatto che chi abbiamo di fronte può pensarla diversamente da noi, o semplicemente può pensare, è una cosa naturale o no?

Fin’ora sono stato sempre intrinsecamente ed un po’ rassegnatamente convinto che fosse una di quelle doti innate dell’essere umano. Pare invece (e non nascondo un filo di soddisfazione) che la cosa non sia proprio così automatica…

Fino a circa tre anni, infatti, i bambino non si immaginano neanche che gli essere viventi (ovviamente non sono quelli umani) che hanno davanti possono pensarla in maniera diversa da loro, ne si immaginano che possono proprio avere qualche facoltà intellettiva; anzi, non sanno neanche che significa pensare. Ed è un bene.

A quattro anni, improvvisamente, il dramma ( 🙂 ). Il così detto “fascicolo arcuato” si sviluppa ed i bambini cambiano il loro (bel) modo di vedere il mondo: si trovano davanti altri essere pensanti; loro stessi sono in grado di pensare.

Il fascicolo arcuato è una specie di ponte che connette due regioni del cervello. Da una parte una regione posteriore del lobo temporale nella quale prende vita il pensiero sugli altri (l’Area di Wernicke, coinvolta anche nella comprensione del linguaggio), dall’altra una regione del lobo frontale nella quale prendono vita i concetti astratti (l’Area di Broca, coinvolta anche nell’elaborazione del linguaggio) . Quando le due regioni vengono “cortocircuitate” ci accorgiamo di cosa sia il “pensare” e del fatto che anche gli altri sono in grado di farlo.

Praticamente iniziamo ad immaginare i pensieri altrui. E di solito non ne siamo particolarmente entusiasti.

WU

I miei bio-fotoni

Siamo al limite fra quello in cui potrei credere, il rispetto per l’idea e per la ricerca, la trama di un fil di classe B, un concetto che mi affascina ed una cazzata paurosa.
In base al nostro umore condizioniamo l’ambiente circostante. Detto così mi pare già più alla mia portata. Ma intendo dire che lo condizioniamo perché lo illuminiamo, nel vero senso della parola.

Attorno a noi, esisterebbero (almeno un po’ di condizionali fatemeli usare) delle nubi di bio-fotoni che dipenderebbero in numero ed intensità dal nostro umore.

Tiriamo un respiro.

Lo scopo dei recenti studi è quello di verificare se esiste un’interconnessione fra benessere percepito e numero di bio-fotoni emessi. La prima cosa che mi viene da dire è che si da per scontante, in uno studio del genere, l’esistenza dei bio-fotoni… e trovo che è proprio così se non altro per il fatto che esiste una certa bibliografia a riguardo (e vi risparmio tonnellate di link) e che se ne sono occupati ricercatori e riviste riconosciute. A me mi pare un’emerita cazzata o comunque non sufficiente a dimostrare l’esistenza di qualcosa che, per quanto ho potuto vedere, manca di una vera e propria conferma sperimentale (si, secondo IL Metodo Sperimentale); ad ogni modo lasciamo correre, se siamo qui a parlarne ancora finisco che metto tutta una nube di bio-fotoni e poi non riesco più a guardare lo schermo (e sarebbe forse meglio; “vi invoco, oh miei bio-fotoni!”).

biofotoni.png

Ovviamente quando dai per certo che esistono i bio-fotoni vuoi anche capire come si comportano e che fanno. Ed infatti le recenti ricerche (sto facendo di tutto per non fare nomi e non citare “pubblicazioni”) mirano a scoprire come si emettono, se sono correlati all’umore, se sono un qualche modo visibili e se si possono trasferire da un individuo ad un altro.

[…] different stages in which energy is intentionally collected and later intentionally addressed towards another individual, which highlights how the ability to create and influence reality becomes an essential feature of life. The energy is retrieved as bio-photons emission and represented in form of theta and delta waves.

Human Bio-Photons Emission: an observational Case Study of Emission of Energy Using a Tibetan Meditative Practice on an Individual (no, questo proprio non potevo ometterlo… e vi prego di rileggere bene il titolo) è un articolo che fa uso di due strumentazioni all’avanguardia per scattare fotografie della nube di bio-fotoni che circonda ciascuno di noi.

In particolare la ricerca ha fatto uso di un rilevatore astronomico nella banda dell’ultravioletto (ovviamente non visibile all’occhio umano) e di un sistema che rileva le tensioni dell’individuo (ad esempio quelle psicologiche) già in fase di sperimentazioni in alcuni aeroporti americani.

This technology allows detecting light from invisible stars and emissions from bodies and mental activities which are not visible to the naked eye. The camera used for the current investigationis a CCD, able to function also in conditions of daylight. The assumption on which this technology is based is that each individual has a bio-field (referred to as individual energetic system in eastern medicine) which emits or absorbs light, and, depending on the individual’s mental activities or on the energy originating from the surrounding environment, the camera records a phenomenon called luminescence in form of white light, which can be located in one or more body areas, or outside the body.
[…]
The Future Attribute Screening Technology (or FAST) video-camera has the same system used in security control points of some USA airports, to record the vibrations deriving from emotions, psychological tension state, modification of breath and heartbeat recorded from by individuals deemed to be potentially dangerous. The vibratory states are also related to a color scale which links them to different types of cerebral waves.

… si, avete letto bene, si parte dall’ipotesi che ciascuno abbia un bio-field… non è una conclusione.

Ora (intendo nel 2018), partendo da questo genere di “studi”, “foto” ed “articoli” pregressi ci siamo messi a fotografare in queste specifiche lunghezze d’onda i bio-fotoni di molti pazienti “a caso”. Il risultato? Foto con fantastici contorni sfumati di varie tinte e di vario spessore… basta trovare una ragione per correlarli con qualcosa a caso ed abbiamo la prossima (e definitiva?) prova dell’esistenza dei bio-fotoni.

WU

PS. Non che non creda in assoluto che non emettiamo particelle, possibilmente che emettano anche in una qualche lunghezza d’onda, ma non credo che questa sia ancora una scoperta verificata per passare allo stadio successivo: accoppiarla con fenomeni oggettivi ed “umani” come l’umore. E per di più chiamando in causa l’entanglement quantistico che non è mica il porto di ogni fenomeno incerto/inspiegabile?!

Black Paradise (volante)

Sul fascino che il nero esercita sul genere umano ne abbiamo già parlato (qui, ad esempio). Nero proprio inteso come tinta cromatica, non come “the dark side of the moon” :).

E sul fatto che la razza umana non si sia inventata nulla che la natura (che effettivamente prova e sperimenta da secoli prima di noi) già non sappia fare è un’altra grande verità (… profetico 🙂 ).

Il nero più nero più nero che esiste in natura è… quello del piumaggio degli uccelli del paradiso. Dei maschi particolarmente, nero ovviamente usato a fine corteggiativi (ciò che muove il mondo… ed in questo caso il nostro maschio deve esibire, oltre un colorato piumaggio, anche abilità ballerine particolari per ottenere il suo risultato), soprattutto per far ulteriormente risaltare i vividi colori del restante piumaggio dei besti.

Il nero profondo di questi animali è assolutamente naturale ed è, cosa alquanto unica in natura, il risultato non di un pigmento delle piume, ma proprio della loro struttura fisica.
Ovviamente una scoperta del genere non la si fa semplicemente guardando l’uccellino (… e non la si fa con il costo di un viaggio in Nuova Guinea). I ricercatori di Harvard hanno infatti dovuto far ricorso ad un’osservazione micrometrica (leggi, utilizzo di tecnologie molto raffinate tipo microscopio elettronico a scansione o il nanotomografo) delle struttura delle piume dei volatili: Structural absorption by barbule microstructures of super black bird of paradise feathers.

BlackParadise.png

Mentre le piume della maggior parte degli uccelli hanno un aspetto “ad albero”, ovvero sembrano rami che si biforcano e diventano sempre più piccoli finendo in una specie di barba sempre sullo stesso piano, le piume dell’uccello del paradiso sono diverse. Hanno una struttura si ramificata, ma su piani diversi, e ciò consente alla luce che colpisce tali piume di iniziare a rimbalzare da una superficie all’altra rendendo difficile qualunque forma di riflessione.

Il risultato è che una piuma di questi uccelli cattura facilmente il 99.95% della luce incidente (… ed è sostanzialmente gratis), contro il 99.97% creato dall’uomo (qui) decisamente a caro prezzo.

Il nero assoluto non esiste (100% di luce catturata), ma ci stiamo andando molto vicino e non escluderei che da qualche parte la natura (sicuramente non per fini militari o “di difesa”) lo possa aver già implementato.

WU

Multitasking da piccioni

Considerando che sono fra le razze animali che apprezzo meno questo genere di notizie non mi desta particolare piacere.

Cioè mi volete dire che per alcuni aspetti sono addirittura migliori di noi? Lo so che mi sto avventurando in un campo minato (per me il concetto di migliore è molto aleatorio, soggettivo e temporalmente definito), se non altro per il fatto che loro, almeno, sanno volare.

Ad ogni modo, il perno su cui stiamo costruendo la nostra società sempre di corsa, sempre connessa, sempre stressata, ovvero il multitasking sembra essere una loro prerogativa…

Abbiamo per decenni sostenuto che la “nostra” (ovvero prerogativa di tutti i mammiferi) corteccia celebrale fosse la nostra marcia in più. Il nostro vantaggio evolutivo era in quei sei (lo scopro ora) strati di corteccia che facevano viaggiare i nostri neuroni alla velocità della luce.

Ora ci accorgiamo che i piccioni hanno funzioni celebrali superiori, come il multitasking anche senza tale corteccia, ma solo grazie ad un elevata densità (non numero) di neuroni. Il che spiegherebbe anche perché i volatili riescono a “sembrare svegli” come una scimmia anche avendo meno neuroni, un cervello più piccolo e non avendo corteccia celebrale.

Ovviamente lo studio, una ricerca dell’università di Bochum, passa da un campione sperimentale sia di bipedi che di volatili. 15 uomini vs 12 piccioni nella sfida di passare da un compito all’altro il più velocemente possibile (come abbiano convinto i piccioni a farlo è per me un mistero). Il passaggio fra i due compiti doveva essere o contemporaneo (meglio) al limite con un ritardo entro i 300 milli-secondi. Beh, i piccioni sono riusciti, nel caso di “multitasking con ritardo” di essere in media 250 milli-secondi più veloci degli uomini.

In the first case, real multitasking takes place, which means that two processes are running simultaneously in the brain, those being the stopping of the first task and switching over to the alternative task. Pigeons and humans both slow down by the same amount under double stress.

In the second case – switching over to the alternative task after a short delay – the processes in the brain undergo a change: the two processes, namely stopping the first task and switching over to the second task, alternate like in a ping-pong game. For this purpose, the groups of nerve cells that control both processes have to continuously send signals back and forth. The researchers had assumed that pigeons must have an advantage over humans because of their greater nerve cell density. They were, in fact, 250 milliseconds faster than humans.

Non lo sopporto.

WU

PS. Non posso non notare:

The study was financially supported by the German Research Foundation under the umbrella of the project “Entwicklung eines neuronalen Kausalmodells zu Mechanismen von Zielaktivierungsprozessen im ‘Multitasking’” (“Development of a neuronal causal model for target activation mechanisms in ‘multitasking’”).

PPSS. Quindi… magari il fantomatico uomo-piccione esistesse realmente 😀

uomopiccione.png

Cellule ad energia solare

Si può produrre energia su molti livelli e su molte scale. Dalle centrali nucleari alle cellule. Esattamente, alle cellule.

E’ italiano (barese per la precisione; orgoglio italiano e meridionale… per chi ne ha bisogno e per chi ci crede), infatti, il primo sviluppo di un gruppo di cellule fotosensibili con il preciso compito di trasformare la luce in energia chimica. Una specie di centrale fotovoltaica su scala cellulare.

energiacellulare.png

All’interno di strutture artificiali abbiamo ricostruito dei ‘gusci’ molto simili alle membrane cellulari, l’insieme delle proteine che sono alla base della fotosintesi, il meccanismo usato in alcuni esseri viventi per convertire l’energia luminosa in energia elettrica

Praticamente abbiamo ricostruito in laboratorio cellule sintetiche contenenti la proteina della fotosintesi… Poiché in effetti le piante fanno esattamente questo: convertire la luce del sole in energia. Ma in questo caso stiamo parlando di strutture molto più semplici che sono il primo mattone per realizzare cellule completamente autosufficienti (almeno così pare…).

Ok, ok, stiamo parlando di cellule sintetiche (e già mi immagino i vari risvolti etico-sociali a cui si potrebbe dar seguito), ma questa volta per un’utilizzo assolutamente diverso: non parliamo di far crescere nuovi organi in vitro, ma di produrre energia in vitro.

Un modo come un’altro per applicare il concetto di sostenibilità da ogni cosa. Un modo come un’altro per imparare dalla natura.

WU