Categoria: opinions

Blue Monday

E’ inequivocabilmente una cazzata.

Oggi è il giorno più triste dell’anno (e già il fatto che io ne parli per tempo da una misura della stupidità della cosa)… ma non secondo il mio umore, bensì in base ad una sofisticatissima, accuratissima a fumosissima formula matematica.

Benissimo!

Allora, dati i dediti di ciascuno (parametro facilmente generalizzabile, no?), i giorni che separano dal Natale (… fondamentale per me che sono induista 😀 ), il salario mensile (sempre troppo basso per definizione), il meteo (di una regione a caso da scegliere in base alle correnti dell’est), la scarsa motivazione (che oggi secondo una congiunzione astrale che dura da millenni raggiunge il suo apice) e la consapevolezza che bisogna rimboccarsi le maniche, otteniamo che il terzo lunedì di Gennaio è il giorno più triste di tutto l’anno.

Per l’equazione (che mi vedo bene dal riportare) basta chiedere a Google (ed evito anche ogni link), ma a parte la difficile quantificazione di uno qualunque dei parametri soggettivi sopra, non riuscirei neanche ad identificare unità di misura quanto meno comparabile per le grandezze in oggetto!

Razionalizziamo che abbiamo speso troppi soldi (…) durante le feste ormai alle spalle, che ci aspetta un anno lungo e faticoso, che non prevediamo ponti e ferie a breve, che non è periodo di viaggi (attenzione…) e quindi ci facciamo opprimere dalla tristezza. Detto così ha quasi più senso di una qualunque equazione matematica.

L’origine “dell’equazione” e da essa tra tradizione anti-scientifica che ne deriva, è di uno psicologo inglese (nome volutamente omissis), data 2005, è stato divulgato e se ne è fatta assumere la paternità, a suo tempo, dietro compenso ed è, sostanzialmente, una grandissima trovata pubblicitaria (ed il mio parlarne contribuisce a tutta l’operazione)… o una grandissima cazzata.

Che tristezza (parola quanto mail calzante).

WU

PS. E come non citare, almeno, l’alter ego della data odierna? Il Mr Hide del Blue Monday è il giorno più felice dell’anno: data prevista (dalla solita mitica equazione) fra il 21 ed il 24 Giugno… il solo saperlo mi ha già fatto passare un po’ di tristezza.

Annunci

Il progresso elettrico

DSC_0090

E’ un posto che mi accoglie quando sono in qualche modo triste e pensieroso. E’ un posto che non chiede; forse non da, ma non fa domande e non vuole spiegazioni.
Basta arrivare li, parcheggiare, ed in base all’umore avvicinarsi più o meno alla sua facciata, recinzioni o tettoia.

E’ ciò che resta di una ferrovia elettrica che congiungeva il primo entroterra con il litorale Italiano durante la seconda guerra mondiale. E’ una specie di vecchio baluardo del progresso; di quando la “tranvia a vapore” faceva posto ad una moderna linea elettrificata (complice, anzi, artefice, l’impennata del turismo della costa) .

E tutto celebrava questo progresso; il binario singolo, l’alto voltaggio, lo stesso edificio (come le altre stazioni, d’altra parte) portavano proprio il marchio del progresso portato dall’elettricità.

La storia è fra il travagliato, il bellico ed il burocratico. Il finale ve lo risparmio per rispetto all’edifico stesso che, nonostante il declino, continua a portare con estrema dignità l’aurea di quello che fu il suo ruolo nello sviluppo del nostro paese. Così come “sembrava il treno stesso, un mito di progresso”, anche tutta l’infrastruttura ferroviaria ha avuto questo ruolo pratico e “morale” nel progresso dell’età moderna; e posti come questo conservano splendidamente il loro ruolo “motivante” noncuranti dell’abbandono incalzante.

Oggi ci ritorno

WU

PS. Ogni riferimento geografico è volutamente evitato, ma rintracciare la linea ferroviaria e l’Edificio non è affatto difficile.

Albero di Natale… contrariato

Non devo capire tutto. E questo, ho sempre pensato, è un bene. Non sono in grado di capire tutto. E questo, ho sempre pensato, può essere un bene o un male. Non voglio capire alcune cose. A questo non ci ho mai pensato, ma credo che tutto sommato sia un meccanismo di difesa.

Il natale è per me, come per tanti, un evento; il culmine dell’anno, la ritualità, tirare le somme, e tutte quelle altre solite cose. Solite, tipo un albero di natale. Preferisco il presepe, ma faccio anche l’albero. E per me, come mi sento vecchio, un albero ha delle radici, un tronco, dei rami ed una punta. In questo ordine. Sempre, ed in particolare quello natalizio… anche se aborro i puntali.

Ora, mi dovete spiegare, anche se non lo voglio capire, perché dovrei (io?) concepire un albero a testa in giù. Appeso al soffitto con le radici al vento, che mi da un po’ l’idea di guardare sotto le sottane delle signore.

alberoalcontrario.png

Eppure è “l’ultima moda” made un US. Pare che sia perfetto (basta con queste parole ad effetto…) per chi ha poco spazio, per chi ha molti doni, per chi ha cani o gatti e per chi vuole valorizzare le sue decorazioni evitando che si nascondano fra il verde dei rami. Come se fosse colpa della gravità se un albero è ben adorno o meno.

E poi almeno, che proprio devo trovare una giustificazione, almeno appendiamoli davvero al soffitto, ma metterci la loro basetta rachitica che sorregge la punta proprio no!

Va bene essere innovativo, anticonformista, bizzarro, originale, ma per toccare le tradizioni che hanno proprio nella loro monotonicità il loro senso di esistere serve almeno un po’ di buon gusto (che io poi possa dire di averlo o meno è un altro discorso).

Ah, e se la cosa non fosse sufficiente, entra in gioco anche il prezzo… fino a 1000$ ! Ovviamente il nostro (almeno il mio) alberello non va bene per questa “applicazione” se non altro per il meccanismo di apertura e montaggio. Inconscio meccanismo difensivo.

WU

Volare, oh oh

E chi ha detto che chi guida(va) limousine non può avere (grandi) sogni? A costo di essere definito pazzo (ed addirittura farne il proprio “nomignolo da guerra”), un sogno è un sogno e come tale va perseguito. E tanto di cappello a chi ne ha e riesce ad identificarli chiaramente.

Mike Hughens, “Mad” in arte (appunto) è la dimostrazione che la tenacia e la perseveranza (come questa altra bellissima storia che raccontavamo qui) sono affini alla pazzia, ma in fondo danno un senso alle nostre vite (“be hungry, be foolish” per i “millenials”).

La sua convinzione è relativamente semplice e di certo non nuova: la Terra è piatta. E’ tutto un enorme complotto che va avanti di migliaia di anni per farci credere che viviamo su una palla. In realtà siamo su un pezzo di terra circondato dal mare.

Il punto non è il valore “tecnico” della convinzione è che partendo proprio da tale convinzione “Mad” ha deciso che l’unico modo per fugare ogni dubbio era quello di … volare. Personalmente, sul suo razzo home-made, sopra le nubi per vedere con suoi (scettici) occhi da lassù la curvatura inesistente della Terra.

Una convinzione genera una passione e questa un obiettivo e quindi un impegno. Che nel suo caso è stato quello di costruirsi il suo razzo personale. Come fosse facile

The World’s Most Famous Limousine Driver.

The Only Man in History to Design, Build, and Launch Himself in a Rocket

Come prima cosa servono i soldoni. E quindi l’immancabile campagna di crowdfunding su Kickstarter. Obiettivo: 150000 dollari. Raccolti: 310 dollari. Non propriamente un successo ma non sufficiente per ridurre la determinazione di chi ha il suo sogno. Dato che “Mad” è forse pazzo, ma non certamente solo è riuscito a racimolare ben 20000 dollari dalla Research flat Earth; indovinate in cosa crede…

Con il piccolo gruzzoletto in tasca “Mad” ha progettato ed iniziato la realizzazione del suo razzo. Tutto materiale di recupero, rampa di lancio “mobile” attaccata ad un van usato e scassatissimo, propulsione a vapore, sistemi di sicurezza “minimali”. Altezza raggiungibile stimata: circa 550 m. Mi sa che manca qualche decina di km per iniziare a vedere le rotondità di madre Terra (per chi ci crede, ovviamente).

MadMike.png

Il lancio era stato programmato per il 25.11.17 e speravo di esser qui a scrivere di come si corona un sogno. “Mad” ha tuttavia (pazzo si, ma forse non fino in fondo) dovuto annullare il suo lancio sia a causa di problemi tecnici con il suo bolide sia perché non in possesso dei sufficienti permessi federali per andarsene lassù.

The United States Bureau of Land Management “told me they would not allow me to do the event … at least not at that location,” Hughes said in a YouTube announcement, amid international attention over his plans to launch into the ‘atmosflat.’ “It’s been very disappointing,” he said.

In attesa del prossimo lancio.

WU

PS. Il “talento” di Mad si intravedeva già nel 2002 quando entrò nel Guinness dei primati con il salto più lungo con una limousine da 3 tonnellate: 31.19 m.
Non è vero che ogni cosa si può fare bene o male; ogni cosa si può fare o la si può subire.

PPSS. Fatemi concludere con questa quote un po’ d’altri tempi:

So di essere mortale di natura e effimero, ma quando seguo le evoluzioni dei corpi celesti i miei piedi non toccano più il suolo e mi elevo alla presenza di Zeus nutrendomi di Ambrosia, il cibo degli Dei. [Tolomeo]

Project 259 – Reloaded

Torniamo un po’ a cibarci (nel vero senso del termine) di… zucchero.

Avevamo già affrontato qui la questione della “lobby dello zucchero” ovvero di come la “ricerca” anni ’60 sul rapporto fra assunzione di zucchero e problemi cardiovascolari fosse finanziata dalla SRF che trae(va) a sua volta i profitti proprio dalla vendita di zucchero.

Throughout its history, the Sugar Association has embraced scientific research and innovation in an attempt to learn as much as possible about sugar, diet and health. We know that sugar consumed in moderation is part of a balanced lifestyle,1,2,3 and we remain committed to supporting research to further understand the role sugar plays in consumers’ evolving eating habits. The bottom line: the Sugar Association will always advocate for and respect any comprehensive, peer-reviewed scientific research that provides insights and aids in our understanding of the role food and nutrition serve in our lives.

Oggi ci svegliamo di nuovo provando a smuovere una pesante coperta lunga decenni. L’Organizzazione Mondiale della Sanità ha tagliato le dosi consigliate di assunzione di zucchero portandole al 5-10% delle calorie giornaliere.

A new WHO guideline recommends adults and children reduce their daily intake of free sugars to less than 10% of their total energy intake. A further reduction to below 5% or roughly 25 grams (6 teaspoons) per day would provide additional health benefits.

Il “famoso” (abbonderò di virgolette in questo post) Progetto 259, era appunto un trial clinico per studiare sui topi il legame fra zucchero e trigliceridi; quando i risultati furono più che negativi, i fondi furono tagliati e nessun risultato fu pubblicato. Al progetto seguirono gli abbondanti fondi dati al ricercatore Pover per continuare gli stessi studi, quando anche qui venne fuori l’addirittura più inquietante possibilità che mangiare troppo zucchero potesse provocare cancro alla vescica, anche qui vennero tagliati i fondi nulla più si seppe dei risultati ottenuti. Furono inoltre “finanziati” dei “ricercatori” di Harvard per pubblicare “risultati” che minimizzassero i rischi sulla salute del cuore causati dallo zucchero spostando la colpa sui grassi.

The objective of this study was to examine the planning, funding, and internal evaluation of an SRF-funded research project titled “Project 259: Dietary Carbohydrate and Blood Lipids in Germ-Free Rats,” led by Dr. W.F.R. Pover at the University of Birmingham, Birmingham, United Kingdom, between 1967 and 1971. A narrative case study method was used to assess SRF Project 259 from 1967 to 1971 based on sugar industry internal documents. Project 259 found a statistically significant decrease in serum triglycerides in germ-free rats fed a high sugar diet compared to conventional rats fed a basic PRM diet (a pelleted diet containing cereal meals, soybean meals, whitefish meal, and dried yeast, fortified with a balanced vitamin supplement and trace element mixture). The results suggested to SRF that gut microbiota have a causal role in carbohydrate-induced hypertriglyceridemia. A study comparing conventional rats fed a high-sugar diet to those fed a high-starch diet suggested that sucrose consumption might be associated with elevated levels of beta-glucuronidase, an enzyme previously associated with bladder cancer in humans. SRF terminated Project 259 without publishing the results. The sugar industry did not disclose evidence of harm from animal studies that would have (1) strengthened the case that the CHD risk of sucrose is greater than starch and (2) caused sucrose to be scrutinized as a potential carcinogen. The influence of the gut microbiota in the differential effects of sucrose and starch on blood lipids, as well as the influence of carbohydrate quality on beta-glucuronidase and cancer activity, deserve further scrutiny.

We have solid evidence that keeping intake of free sugars to less than 10% of total energy intake reduces the risk of overweight, obesity and tooth decay.”. Non posso escludere ulteriori “finanziamenti” da parte di altre “fonti” a monte di queste affermazioni e delle “ricerche” che le hanno generate.

E parliamo (solo) di zucchero! Possiamo solo immaginare di come vengano “aiutate” le “ricerche” su tabacco, farmaci, cambiamenti climatici, etc. etc. E’ tutto molto dolce…

WU

Umanità varia

Io ho una certa pratica del mondo. E quella che diciamo l’umanità, e ci riempiamo la bocca a dire umanità, bella parola piena di vento, la divido in cinque categorie: gli uomini, i mezz’uomini, gli ominicchi, i pigliainculo e i quaquaraquà.
Pochissimi gli uomini, i mezz’uomini pochi, ché mi contenterei l’umanità si fermasse ai mezz’uomini. E invece no, scende ancora più giù, agli ominicchi, che sono come i bambini che si credono grandi, scimmie che fanno le stesse mosse dei grandi. E ancora più giù, i pigliainculo, che vanno diventando un esercito.
E infine i quaquaraquà. Che dovrebbero vivere come le anatre nelle pozzanghere, ché la loro vita non ha più senso e più espressione di quella delle anatre.
Lei, anche se mi inchioderà su queste carte come un Cristo, lei è un uomo.
[1961, Il giorno della civetta, L. Sciascia]

Frase più che abusata, da un po’ tutte le classi politiche, da un po’ tutte le generazioni, da un po’ tutti i punti di vista (inclusi quelli che Sciascia intendeva “crocifiggere” con queste parole).

Pragmatica nella sua classificazione, ampia nella sua definizione. “scimmie”, “bambini”, “anatre”, concetti molto più profondi della parole che pretendono di riassumerli. Concetti buoni per guardare a destra o a sinistra in base a come vogliamo crogiolarci, giustificarci e proteggerci.

Io non ho ancora abbastanza pratica del mondo: uomini e mezz’uomini (sottoscritto compreso) non ancora conosciuti. Facile mettersi dalla parte del disilluso e dello scettico, molto più difficile trovare nomi (che non siano “per sentito dire” o “personaggi famosi”) da associare alle varie categorie.

WU

The Creative Process

E’ stato un finesettimana creativo, direi. Benché non abbia creato nulla “di tangibile”, posso dire di aver avuto molte idee. Come dire, potevo essere papa, non sono neanche sacerdote… quelle cose che rimangono nella sfera delle possibilità, ma che ho (abbiamo)accarezzato a lungo nella mente.

Ad ogni modo, la (naturale?) conclusione del mio weekend, liberamente auto definito come creativo, è stata: chissà come si può articolare un processo creativo?

Gooooogle ovviamente ti da risposte a iosa, soprattutto per chi non sa cosa cerca di preciso. Ad ogni modo di idee ne da, ed in alcune mi ci rispecchio alla grande.

CreativeProcess.png

Mi riferisco in particolar modo alla gestione del tempo nel processo creativo… Credo di essere in piena fase “fuck off” o “Random internet surfing”, che potrebbero durare molto a lungo (chissà se il processo creativo prevede una durata massima prima che l’interesse per l’idea sfumi). In realtà credo che sia proprio in queste fasi in cui apparentemente la mente si concentra su altro che si delineano i contorni dell’idea e della sua implementazione… se solo non fosse così difficile poi metterle nero su bianco.

Altro aspetto che Goooogle mi offre come spunto di riflessione è quello degli step del processo creativo. Dire che ci sono alti e bassi è riduttivo. Dire che la “sconfitta” di un progetto che non vede mai la luce non è demotivante per la prossima idea è quasi ovvio. Dire che il processo vive in una sorta di corsi è ricorsi è… umano.

CreativeProcess1.png

Non ho aggiunto nulla alla mia (ed alla vostra) creatività, ma ho coccolato un po’ di più una serie di idee vaghe che mi passeggeranno fra i neuroni ancora per un po’. Una prima soddisfazione del processo creativo (che è insita nel processo indipendentemente dalla sua eventuale conclusione), quasi un sentirsi proprietari di un bene effimero e più che personale: un’idea.

WU