Categoria: malattie

Lethologica

… come si dice…

Avete presente quando avete una parola sulla punta della lingua, ma non vuole uscire? A volte capita di confonderla con una assonante, altre con il suo equivalente inglese(altra lingua (… che da l’illusione di esser figo), altre volte non a conosciamo proprio.

Comunque l’inabilità di ricordare una data parola è un problema. Ed è un problema tanto sentito da… meritarsi una parola tutta per se: “lethologica“. Di indubbia etimologia greca: da lḗthē e lógos, ovvero la dimenticanza della parola.

Lo stato di non essere in grado di ricordare la parola che si vorrebbe usare in un dato momento.

Certamente è una condizione transitoria che si verifica in tutti noi, ma un po’ il dubbio che possa celare una ignoranza di termini specifici mi viene. Non vorrei che celandosi dietro un momento di lethologica, vi siano anni di ignoranza e monotono riutilizzo di terminologia comune. Dubito che possiamo incappare in momenti di lethologica parlando la lingua di tutti i giorni; diciamo che sono abbastanza certo che ci imbattiamo in essa quando ripeschiamo nella memoria parole che non usiamo spesso. L’italiano (ovvero litagliano) ha un lessico ampio, vario e decisamente bello, vale la pena allenarci su tutto il repertorio.

Il nostro cervello non è di certo un computer che richiama termini a comando. Conoscere tutte le parole di un dato vocabolario è di certo un impresa titanica, ma diciamo che abbiamo un vocabolario attivo dei termini che usiamo quotidianamente ed uno passivo (di certo mooolto più ampio del precedente) di parole che comprendiamo ma che raramente, se non mai, usiamo. Beh, una situazione lethologica si verifica di sovente quando cerchiamo di usare in maniera attiva un termine che appartiene al nostro vocabolario passivo.

Purtroppo tutti i termini del vocabolario passivo, nonché tutte le parole che non ci vengono sono destinate, in un futuro più o meno lontano, a scomparire. Piuttosto che rimanere con la bocca aperta in una situazione lethologica cerchiamo ovviamente un’alternativa… che vi viene a primo acchito.

Lethologica is both the forgetting of a word and the trace of that word we know is somewhere in our memory. Perhaps it is necessary for us to drink from the river Lethe to help us temporarily forget the trivial and unnecessary, so we can prioritise the information that is important to our lives.

Chissà se ci ricorderemo di questa parola la prossima volta che non ci viene il termine per esprimere quello stato in cui non ci viene una parola… una specie di dimenticanza lessicale ricorsiva 🙂

WU

Annunci

blaNDM-1

Facciamo un po’ di divulgazione con sottofondo di allarmismo.

Pare che siamo davanti a qualcosa che ci spaventa e che supera le nostre attuali competenze in campo medico e batteriologico. Diciamolo diversamente: pare che tutta la sicurezza che ci da il fatto di saperci curare (con qualche eccezione, ovviamente) si trovi davanti ad una specie di muro. Questa cosa da un lato ci fa sentire vulnerabili, dall’alta ci spinge (non dico dovrebbe, dato che quando si parla di salute di solito le cose si fanno più o meno seriamente) a cercare una soluzione e capire “dove sbagliamo”.

… ed è tutta colpa di un piccolo batterio, dal molto criptico nome di blaNDM-1.

NDM-1 raises fears that diseases in the future will not respond to antibiotics. If NDM-1 crosses over into other bacteria, secondary diseases will emerge, causing a health crisis as they spread around the world. […] This superbug is widespread in India, and, by 2015, researchers and medical experts detected it in more than 70 countries worldwide.

Ci siamo praticamente imbattuti in una specie di super-batterio resistente a tutti gli antibiotici conosciuti. Lo abbiamo scovato prima nel sud dell’India (dall’India con furore) fin sotto i ghiacci dell’artico. Dal 2008 sembra addirittura (tanto per far aumentare un po’ la paura che il super-gene ci incute…) che il batterio stia evolvendo e colonizzando le zone più remote del pianeta. Il batterio potrebbe esser stato trasportato in giro per il globo (… e chissà dove ancora si nasconde… brivido 🙂 ) da uccelli, animali e forse anche dall’uomo.

Il fatto di non saperlo sconfiggere e che potenzialmente noi stessi lo stiamo aiutando a colonizzare (buzz word per aumentare l’allarmismo) il “nostro” mondo, sottolinea la nostra vulnerabilità e l’accelerato ciclo di vita ed evoluzione di questi batteri. Anche in regioni ove l’impatto umano è minimo possiamo trovare forme batteriche resistenti ai nostri antibiotici.

It initially occurred mainly in India and Pakistan, and specifically in New Delhi, where the climate encourages its persistence year round. Since then, it has occurred in drinking water and the holy rivers of India, such as the Ganges. Bacteria expressing NDM-1 have surfaced in countries around the world, including the United States, Japan, Australia, and the United Kingdom, in patients who spent time in India, traveled through it, or have family members there.

Capire tutti i percorsi che hanno portato il super-batterio ad espandersi ed evolversi così velocemente sarebbe il primo passo per capire come “sconfiggerlo” prima che si evolva in maniera nociva per noi. Inoltre blaNDM-1 ci offre anche la possibilità di capire i limiti dei nostri antibiotici e come svilupparne di migliori (… salvo poi saperli utilizzare ed aspettare che i batteri si evolvano a loro volta inventando soluzioni ancora migliori…).

Ora non voglio dire che l’abuso (non l’uso) degli antibiotici sviluppa ceppi batterici sempre più resistenti che inconsciamente trasportiamo in giro per il globo, ma l’occasione potrebbe essere effettivamente quella giusta… (l’ho detto?).

WU

PS. la voce di NDM-1 su wiki si chiude con un lapidario ed inquietante

All’inizio di agosto 2010 un composto chimico, denominato GSK-299423, è stato in grado di lottare significativamente contro i batteri resistenti agli antibiotici, rendendo tali batteri non più in grado di riprodursi, ottenendo così un probabile trattamento al ceppo NDM-1

I dottori della peste

Una lunga e nera tonaca, guanti, scarponi, cappello a tesa larga, una lunga canna in mano e, soprattutto, una maschera a tutto volto con un lungo becco. Espressione vuota, presenza inquietante. Direi che è un abbigliamento che potrebbe tranquillamente popolare i più vividi incubi di grandi e piccini… eppure sono figure realmente esistite.

MedicoDellaPeste.png

L’origine della mise si perde facilmente nell’origine dei tempi, ma attorno ai primi del 1600 abbiamo le prime documentazioni di un indumento completo ufficiale per… i medici della peste. Siamo nell’epoca delle epidemie e delle scarse competenze scientifiche, o forse sarebbe più corretto dire magico-alchemiche. Le epidemie, tanto per fare un esempio, erano diffuse dai cattivi odori che si sprigionavano dai contagiati/morti (dottrina miasmatico-umorale?).

Ed è proprio in tali convinzioni che si trova la genesi del tratto sicuramente più inquietante dell’abbigliamento dei “medici” in questione: la maschera “a becco”. Il becco, infatti, era una specie di respiratore che doveva filtrare i miasmi contagiosi e doveva dunque preservare la salute (e la -dubbia- funzione) dei medici. Il becco era riempito di una serie di essenze, più o meno stravaganti tipo: lavanda, timo, mirra, ambra, menta, canfora, chiodi di garofano, aglio, spugne imbevute di aceto e via dicendo. Praticamente tutti quelli che all’epoca si consideravano “antidoti”.

L’abito (pare) venne effettivamente indossato dai medici di Nimega durante la peste del 1636, durante le epidemie del 1630 a Venezia, durante la peste del 1656 a Roma e Napoli. Ed un po’ per tutto il secolo che decimò la popolazione Europea.

A parte la dubbia efficacia contro il propagarsi delle epidemie, sicuramente l’idea di filtrare l’aria che si respirava non era sbagliata, anzi era sicuramente pionieristica sotto molti punti di vista… diciamo che avrei solo da ridire sulla forma data al respiratore che, in un’epoca di milioni di morti, di certo non serviva a tenere alto l’umore: ve lo immaginate un “medico” che vi viene a curare a casa con la mise di un medico della peste? Diciamo che mi sentirei già un po’ più vicino alla morte.

WU

PS. Ma vi immaginate quando si spogliavano la sera? E che inquietanti ombre dovevano proiettare nella notte quei macabri vestiti e quell inquietanti maschere… per di più accasciate senza vita su qualche sedia.

PPSS. Oggi (e se cercate in rete trovate più che altro questo genere di risultati) i medici della peste sono maschere carnevalesche o tatuaggi. Quindi direi che l’aspetto creepy-ludico della maschera è quello che ha preso il sopravvento. chissà se ricorderemo a lungo l’origine di quella che è ormai “una maschera”.

Radeon is in the air

Ora non incominciamo con l’allarmismo.

Non lo sentiamo, non lo vediamo, non lo odoriamo… come se non esistesse. Eppure c’è. E la sua presenza non è propriamente indolore per gli esseri umani. Sto parlando di un gas che è finora stato considerato come relativamente innocuo (se non altro per le bassissime concentrazioni con cui si trova in natura) ed insignificante. Ma forse (FORSE) ci sbagliavamo.

Diciamolo meglio: il radeon è un gas che si trova in natura dalle riconosciute proprietà cancerogene. Il fatto che radeon sia cancerogeno e si trovi in natura, però, non significa che siamo tutti morti (… evidentemente 😀 ). Ed il motivo è che sprigionandosi (in piccolissime quantità, l’ho già detto?) dalle rocce il gas si disperde nell’atmosfera e la sua tossicità scende a valori praticamente irrivelabili. Il problema nasce quando andiamo a costruire case, palazzi ed edifici in generale. Il radeon, che continua imperterrito a sprigionarsi dal suolo, si trova rinchiuso e la sua concentrazione tende lentamente ed inesorabilmente ad aumentare fino a livelli potenzialmente nocivi per noi.

Secondo i dati dell’Istituto Superiore di Sanità: “circa il 10% dei 41.500 nuovi casi di carcinoma polmonare che si registrano ogni anno in Italia è attribuibile al radon“. Dato che il radon esiste in natura, esiste nel sottosuolo, traspira dalle fondamenta di tutte le nostre case… posta così la situazione è abbastanza preoccupante. Il nostro “amico” radeon si colloca sul podio come causa di morte per carcinoma polmonare; al primo posto, incontrastato, il fumo. E questa non è ovviamente una novità; ma la ciliegina sulla torta è data dall’effetto moltiplicativo fra danno provocati dal fumo e quelli provocati dal radeon; ovvero c’è un pericolo 20 volte maggiore a parità di concentrazione di radeon di contrarre un carcinoma polmonare per un fumatore rispetto ad un non fumatore.

radeon.png

In una vita normale non assorbiamo poi tante radiazioni e (sempre secondo i dati dell’Istituto Superiore di Sanità) la metà di queste le assorbiamo dal radeon. Il fattore di rischio è legato al prodotto fra la concentrazione di gas ed il tempo di esposizione (esposizioni piuttosto lunghe a concentrazioni medio-basse, tipo quelle che si trovano in casa, comportano un pericolo maggiore rispetto ad esposizioni molto brevi ad alte concentrazioni).

Esistono sistemi abbastanza economici di rilevazione della concentrazione di radeon negli edifici (… che sono certo noi tutti abbiamo in casa…) e normative per il limite oltre il quale bisogna (bisognerebbe) prevedere un sistema di ventilazione apposito. Anche se va detto l’incertezza circa il limite oltre il quale il radeon diventa cancerogeno non è propriamente un numero certo…

In pratica i dubbi sono tanti, le incertezze ancora di più e la natura delle cose (i.e. esalazione di radeon dalle rocce) non saremo noi a cambiarla . Di certo è una problematica a cui la maggior parte di noi non sono ancora sensibili ed abbiamo tutto l’interesse (dato che di case continueremo a costruirne e di tempo in luoghi chiusi ne passiamo sempre di più) a metterci in condizioni di non rischiare la vita dormendo per incontenibili esalazioni naturali.

WU

PS. Aggiungo anche che la naturale esalazione di radeon dalle rocce è anche stata considerata come una cosa potenzialmente utile.

Le esalazioni di radeon, infatti, procedono ad un livello abbastanza standard e regolare (anche se vi sono variazioni stagionali e dovute al tipo di terreno), quindi una loro significativa variazione è di per se un indice. Nel caso specifico un indice di potenziali movimenti significativi delle rocce e quindi di terremoti.

La correlazione è stata più volte ipotizzata, ma non vi sono (ancora) effettive evidenze quantitative di tale legame e soprattutto il preavviso che tale indice fornisce è decisamente minimo per poter “prevedere un terremoto”.

Uovo vs Gallina – remake

Ve la ricordate la storia della scelta fra l’uovo oggi o la gallina domani? Personalmente è una domanda che non mi viene rivolta più tanto spesso (… ho come il ricordo che da ragazzo fosse una frase un po’ più ricorrente) ne da me stesso ne da altri. Eppure il concetto rimane: preferiamo qualcosa ora e subito anche se di minor valore o vogliamo aspettare “domani” con la garanzia di avere qualcosa di più?

Beh, oggi questo studio (Archetypes in human behavior and their brain correlates: An evolutionary trade-off approach) affronta la domanda in maniera molto più sistematica applicando il concetto di ottimizzazione Pareto al comportamento umano (in breve quando dovendo trovare il meglio di due variabili non si può migliorare la condizione di una senza peggiorare la condizione dell’altra).

Praticamente si è cercato di definire un trade-off fra diverse funzioni cognitive, di personalità e di comportamento. Una sorta di compromesso fra tutte queste cose che dimostri, con approccio scientifico, a quale tipo di personalità apparteniamo e dunque come risponderemmo alla domanda dell’uovo o della gallina.

Sono state analizzate circa 1200 persone (coinvolte nello Human Connectome Project, praticamente stilare una mappa per navigare nel cervello) prendendo in considerazione misure legate a diverse funzioni cognitive, tratti di personalità e comportamento, variabili cerebrali funzionali e strutturali per arrivare a definire l’approccio di ciascuno alla ricompensa e all’autocontrollo.

I dati sono stati quindi organizzati nello spazio cartesiano all’interno di un triangolo ai cui tre vertici abbiamo tre archetipi di personalità. Il primo tipo incarna gli individui con una stabile preferenza verso le ricompense più grandi, anche se ritardate. Il secondo archetipo identifica gli individui che tendono a preferire le ricompense immediate, anche piccole a piacere. Il terzo archetipo, invece, corrisponde a un approccio più flessibile (viva viva): una preferenza verso le ricompense ritardate solo nel caso in cui queste siano molto grandi.

Lo studio è andato anche oltre; a ognuno dei tre archetipi, infatti, sono state associate caratteristiche legate alla personalità, alle funzioni cognitive, alle abitudini e alle strutture cerebrali.

Il risultato è stato che coloro che preferiscono aspettare per ottenere una ricompensa più grande hanno maggiore autocontrollo che è a sua volta indice di maggiore intelligenza (associato ad un maggior volume di materia grigia). Hanno maggiore memoria verbale, prestanza fisica e personalità più positiva, un più alto livello medio socio-economico e culturale, una personalità positiva e un maggior benessere e soddisfazione nella vita (che più?).

All’estremo opposto (tipo incontro di pugilato) coloro che si accontentano della “piccola”ricompensa subito che hanno più scarse prestazioni cognitive (… ed un minor volume di materia grigia), più alti livelli di aggressività, di ostilità e di stress, un indice di massa corporea più alto, un livello socio-economico più basso, fanno un maggior uso di droghe.

Nella buona regola di “in medio stat virtus” gli archetipi più flessibili bilanciano le due cose. Ora, studio a parte, mi pare l’unica cosa sensata da dire: come facciamo a rendere scientifico un comportamento umano influenzato (e questo è confermato anche dallo studio in oggetto) in maniera importante dall’ambiente e da fattori culturali, dalla razze, dall’etnia, etc?

Il mio scetticismo su questi studi “di massa” rimane così come la conferma che le “scoperte” di tali studi è solo una conferma di ciò che il buon senso già dice: essere flessibili nella vita non fa mai male. Valutiamo caso per caso l’uovo o la gallina; non penso che ci sia in assoluto una scelta giusta ed una sbagliata così come non credo che le correlazione degli archetipi identificati siano così forti da portarci a “stare lontani da coloro che preferiscono l’uovo”. Anzi, io stesso talvolta lo prediligo, e non me ne pento.

WU

PS. Poi, facendo un po’ di sana divagazione (ir)razionale. Ma l’uovo oggi, se ben curato non potrebbe essere la gallina di domani. Così la scelta è nettamente più facile, ma presuppone un investimento personale sull’uovo su cui oggi mettiamo le mani.

Carne in provetta

Di sicuro un nome più accattivante è determinante. Mangereste mai qualcosa che si chiama “carne sintetica” o “carne da laboratorio”? Diciamo che se fosse qualcosa tipo “supperfood3.0” di certo avrebbe più chances. Ma poi (e faccio un po’ l’avvocato del diavolo) ha senso usare la parola “carne”? Sminuisce un po’ quella originale con tanto di mucco dietro?

Ok, con calma. Stiamo effettivamente parlando (cioè, io sto effettivamente blaterando) della strada che deve ancora percorrere il risultato di colture cellulari cresciute in laboratorio per arrivare sulle nostre tavole come alternativa alla carne animale.

Indipendentemente se in questo momento state facendo una smorfia di disgusto o uno slurp di apprezzamento, le autorità regolatorie statunitensi dell’agricoltura e della diffusione degli alimenti (USDA e FDA) hanno di fatto dato il nulla osta alla commercializzazione di questo “alimento”.

La produzione di questa “carne” ha ora un iter ben definito ed entrambe le agenzie lo supervisioneranno e controlleranno al fine di ottenere sinte-carni certificate sulle nostre tavole. In particolare l’Fda si occuperà della raccolta e della conservazione delle cellule, quindi della loro crescita e della differenziazione. L’USDA avverrà invece durante la fase di raccolta delle cellule e si occuperà di produrre effettivamente l’alimento ed etichettarlo. La cosa positiva (che vedo io) è che stiamo parlando di agenzie già in essere e di regolamentazioni già esistenti e non di dover metter su legislazioni dedicate ex-novo (… il che fa perdere però un po’ di esoticità al fanta-alimento).

Le cellule coltivate in vitro sono sostanzialmente cellule muscolari animali (… e ne servono veramente tante…), possibilmente con una buona percentuale di cellule grasse tanto per dare alla pseudo-carne un sapore più “tradizionale”.

carnesintetica.png

Ora che “la carta è a posto” ci aspettiamo di poter masticare (non voglio sbilanciarmi sul sapore per questo cerco di non usare il verbo assaporare) la “carne” già nel 2020. Il primo hamburger sintetico risale in effetti al 2013 quando un il primo pezzo di carne sintetica fu “degustano” da palato umano come risultato di due anni di lavoro (tralasciando il costo di 325.000$ per circa un etto, ma d’altra parte volete essere i primi o no?!).

Da allora start-up più o meno serie e titolate (fra cui la olandese Mosa Meat, fondata dallo stesso Post… il ricercatore che servì il primo incriminato hamburger) si sono messe al lavoro sul prodotto subodorando quello che condivido essere un vero business. Ora pare (PARE) che siamo attorno a 700 €/kg per la carne-coltivata; altino per tutte le bocche, ma decisamente un grande passo avanti verso la commercializzazione al dettaglio.

Secondo la coldiretti e la Cia-Agricoltori in Italia il “prodotto” non è propriamente ben visto e secondo i loro “sondaggi” (lasciatemi il beneficio del dubbio) circa il 75% di noi non sarebbero disposti, indipendentemente dal prezzo, ad acquistare la carne-elaborata.

Io personalmente non avverto (in questo caso meno che mai) problemi di natura etica nell’adozione di questo tipo di carne; qualche dubbio su eventuali ripercussioni sulla salute (specialmente a lungo termine) ce lo avrei, ma se fossi mai stato intervistato circa l’adozione sul mercato di questa new-entry di certo non mi sarei dichiarato contrario.

Pensiamo in fondo di poter sostenere l’allevamento e la macellazione, indipendentemente dalla crescita della popolazione umana (senza voler toccare il tasto di chi già oggi non può avere una fettina di carne)? No, per il momento l’opzione “tutti vegetariani” non è per me la soluzione (ammesso che sia veramente un’alimentazione sostenibile).

WU

Cravatte assassine

… ma che c##**# di notizia è?! Non abbiamo davvero di meglio da “studiare” e “proporre” in tema di salute e benessere?

Molti di noi hanno per obbligo o per abitudine (che è poi un obbligo da pigrizia) la cravatta. Me ne guardo bene, ma a volte mi tocca… Ora, la grande scoperta è che se la cravatta è troppo stretta può far diminuire l’afflusso di sangue al cervello.

Lo rileva addirittura uno studio (con tanto di pubblicazione su Neuroradiology)! E la cosa è acuita dal caldo di questo periodo; urlerei nuovamente alla scoperta! Suggerisco una candidatura ad-honorem per gli IgNobel…

Anche per questo “studio” abbiamo preso un campione di 30 ragazzi di età media 24 anni e li abbiamo divisi in quelli con la cravatta e quelli senza. Sottoposti a risonanza magnetica è risultato evidente che chi aveva indosso la cravatta, con nodo ben stretto e colletto abbottonato, aveva un flusso ematico celebrale più basso del 7.5% dopo che le cravatte sono state strette e che ha continuato a rimanere diminuito in media del 5,7% anche dopo che la cravatta è stata allentata…

A parte i dubbi su come è condotto lo studio (poche persone, solo 3 risonanze, dimensioni del collo ininfluenti, nessuna analisi di lungo periodo, etc.), nutro, per evidente naturale scetticismo, profondi dubbi proprio sul tema dello studio. La genialità che riconosco alla mente umana nel concentrarsi sui temi più disparati tende a confondersi con dubbie “scoperte” (che tra l’altro mi pare abbiano anche un inquietante andamento periodico-stagionale…).

Ah, ditemi anche che fa caldo e devo bere di più… non dimenticatevene!

WU

PS. Ci metterei questa colonna sonora qua.

PPSS. Che poi non era più simpatico questo “studio” qui?