Il cerchio, dal passato

Questo è per il ciclo di “lettere dal passato”.

Il me stesso, di ben quattro anni fa, su questo blog, vaneggiava di un cerchio. Oggi, a distanza di quattro anni ho visto per caso questo post e mi sono soffermato sulla stessa domanda: mi pare ancora un cerchio? più di prima?

No, dico io, a parte che può o non può parere (io personalmente ho risposto di no), ma mi volete davvero convincere che ora ne sapete più su di me?

Se vi sembra un cerchio allora siete più liberali, avete una personalità aperta, siete quindi favorevoli ai matrimoni omo, alla legalizzazione delle droghe leggere e via dicendo.

Se invece siete come me convinti che sia una specie di patata stilizzata, ma di certo non un cerchio allora siete conservatori, tendenzialmente nazionalisti, contro gli immigrati e bla bla bla.

Allora, premetto che penso ancora (ed ora che vogliamo dire, che sono addirittura coerente?!) che giudicare la personalità e l’apertura mentale di una personalità dalla visione di un simil-cerchio mi pare un passo troppo grande.

Devo però ammettere che forse forse, “incantandomi” un po’ sull’immagine effettivamente mi pare abbastanza circolare (e nella sua versione piccola ancora di più…).

Anni fa chiudevo dicendo “ribadisco che le basi scientifiche saranno di certo solide, ma io in questa descrizione non mi ci rivedo; evidentemente devo cambiare per adeguarmici”… che sia effettivamente cambiato?

Non mi reputo più liberale, ma so di non poter essere troppo obiettivo a riguardo (anzi, se dovessi anche sbilanciarmi sui recenti avvenimenti socio-politici -Bibbiano?!- lo sarei ancora meno…), ma se lo dice il cerchio…

WU

PS. A dire tutta la vera verità non sono incappato in questo post per caso, ma il fatto che nelle statistiche odierne qualche matto avesse visto questo post mi ha in qualche modo colpito spingendomi a rileggere il post e rifarmi le stesse domande. Chissà se è tutto un caso, mi piace ovviamente fantasticare.

Il calciatore e La rovesciata

Probabilmente lo sappiamo già tutti, ma vale la pena ricordarcelo un attimo.

Calciatori o calciofili, piccoli o grandi, millenials o quel che vi pare, almeno una volta nella vita ciascuno di noi un album di figurine di calciatori Panini lo avremo visto. Non dico aver completato la collezione (io mai, personalmente), non dico aver acquistato album e figurine, ma almeno il simbolo di questo album lo conosciamo; è in qualche modo parte della nostra memoria collettiva.

Si tratta di un calciatore colto nell’attimo di una spettacolare rovesciata acrobatica. Ne il nome del calciatore, ne tanto meno la sua squadra, sono riportati sulle figurine in questione.

Basta googlare pochissimo (o chiederlo ai più esperti, meglio) per scoprire che il calciatore.simbolo è Carlo Parola, giocatore della Juventus e della Nazionale negli anni ’50. La rovesciata in questione è colta dal fotografo Corrado Bianchi nel corso di un match Fiorentina-Juventus datato 15 gennaio 1950 (all’ottantesimo minuto, per la precisione).

La foto compare come simbolo della raccolta dei calciatori Panini nel 1955-1956 leggermente rielaborata rimuovendo, in particolare, i colori della squadra di Parola. Da allora l’atleta-simbolo veste una neutrale (credo, ma non ci giurerei) maglietta rossa, calzoncini bianchi e calzettoni giallo-neri. 200 milioni di copie vendute con didascalie in quasi tutte le lingue…

Parola

Come piccola curiosità: Parola non era un attaccante, bensì un difensore e la rovesciata non è colta nell’attimo di segnare un goal, bensì di “spazzare” la palla dalla propria area di rigore. Ah, fu lui uno dei primi (se non il primo) ad utilizzare la rovesciata come gesto tecnico abbastanza ricorrente nelle sue giocate.

Si, ok, oggi avremo i mitici attaccanti strapagati (principalmente non-Italiani) che troneggiano nelle news/rotocalchi/copertine/premiazioni/FIFA/PES/equant’altro, ma il fatto che l’immagine iconica del nostro calcio (quella che per intenderci ispira ancora le nuove leve) sia un italianissimo difensore mi fa in fondo piacere.

WU

Platinum Level Promotions – warning!

Dilbert220120

Da grandi poteri derivano grandi responsabilità. Ma evidentemente non grandi paghe (e d’altra parte ad un supereroe a che servono…).

Il datore di lavoro che non trova dipendenti (spesso per motivi economici, ma questo le notizione spesso lo omettono), head hunter che offre mansioni “di rilevo” (spesso con paghe minori dell’impiego attuale), il responsabile che cerca un malcapitato a cui assegnare una “promozione” (salvo poi verificare nei dettagli che si tratta solo di extra lavoro) sono esempi che ogni dipendente ha vissuto sulla pua pelle di come toccare il discorso dell’inquadramento economico in una azienda è ancora (ahimè) un taboo.

Non lavoriamo (in teoria) solo per soldi, ma sono questi di certo una parte del lavoro. Non continuiamo ad illuderci (ed eventualmente illudere chi di competenza) che siamo degli stacanovisti dediti all’azienda in cambio di nulla. Un progresso di carriera, di mansioni, di responsabilità (o anche semplicemente uno straordinario o un extra-lavoro) sono si fattibili, ma non sistematicamente in maniera gratuita.

Mi ricordano un po’ quelle offerte da supermercato: “prendi due mansioni al prezzo di una”, “nove ore al prezzo di otto” oppure (tanto la direzione è quella…) facciamo direttamente “due dipendenti al prezzo di uno”?

Sentire una cosa propria da certamente una dedizione diversa alla mansione specifica ed anche una “percezione alterata” degli aspetti economici; non è un caso se, almeno agli inizi, i “CEO delle start-up” abbiano remunerazioni miserrime. Ma sono ovviamente sacrifici limitati nel tempo che sono un po’ il seminare per raccogliere risultati in prospettiva. La stessa cosa è, sempre teoricamente (almeno in Italia…), fattibile anche per i dipendenti delle aziende… ma gli incentivi, per far sentire in questo caso il dipendente parte della macchina aziendale, passano anche (inutile e deleterio da nascondere) dagli aspetti economici.

Quante insidie si nascondo oggi sotto la parola “promozione”. Facciamo attenzione, tutti, quando la sentiamo e quando la diciamo.

WU

PS. Il tutto, ovviamente, scatenato da questo notevole Dilbert di qualche giorno fa. Anzi, in relazione alla striscia mi viene da chiedermi se i “platinum level engineers” esistano veramente o siano della categoria degli invisibili unicorni rosa

Iato

Parola che ho sentito per puro caso (e non sono neanche certo onestamente di aver inteso bene) qualche giorno fa. Mi ha colpito sia per la sua rarità (… e nel caso specifico mi pareva anche usata fuori contesto…), sia per il suo suono.

hiatus = apertura.

Nasce come termine per indicare un fenomeno linguistico in cui due sillabe o due vocali che normalmente sarebbero pronunciate assieme vengono accostate ma pronunciate con due distinte emissioni vocali. Per capirci, provate a pronunciare come dittonghi “ao” in baobab, “ae” in aeroplano, “oe” in coesione o coacervo, “oa” in oasi”, etc… è chiaro che non capiremmo di che parola si tratta. Insomma, il contrario di un dittongo (in cui invece la pronuncia di due vocali attigue viene unificata).

Per estensione lo iato identifica, in maniera aulica probabilmente, tutte quelle aperture spazio/logico/temporali fra due eventi/pensieri/luoghi che dovrebbero essere invece attigui.

Uno iato in un manoscritto, l’interruzione/diminuzione dell’intensità di qualcosa (e.g. un segnale), una perforazione in una struttura cellulare, etc. tutte situazioni in cui l’utilizzo della parola è calzante, anzi auspicabile (sempre nell’ottica di quella vana crociata di salvare alcuni termini dal dimenticatoio della morte certa). Lo iato in una serie televisiva credo sia una crasi delle nostre radici e del nostro presente (è questo il contesto in cui ho sentito recentemente usare il termine…).

Insomma, una interruzione più che la parola fine messa in maniera definitiva.

Lo iato nel mio flusso di pensiero è probabilmente troppo vasto da lasciar entrare un sacco di robaccia inutile.

WU

PS. Forse più comune la sua forma aggettivata: l’ernia iatale (tanto per dirne una) è l’ernia dello stomaco… attraverso lo iato dell’esofago.

… ed è il turno del rodio…

Ve la ricordate la storia del palladio? Oggi vediamo quella di suo fratello, il rodio…

La storia è pressoché simile… Si tratta, anche in questo caso, di un metallo raro si, ma che fino a quando non è stato considerato come essenziale per una cerata applicazione (e quindi per un certo settore industriale) è stato più che altro un vezzo da chimici/fisici.

Il rodio, invece, è oggi diventato il metallo più prezioso al mondo (non è che vi trovate una collanina di rodio per caso?). La valutazione del rodio è in crescita da anni (da 500 €/oncia del 2016 siamo arrivati a 6700 €/oncia!), ha superato di ben cinque volte l’oro ed ha infine sfidato e vinto il palladio. Nel solo ultimo mese la sua crescita è stata di ben il 32%! Ah, ad aver acquistato qualche derivato del rodio a tempo debito…

RodioQuot

Anche in questo caso a muovere le fila è l’industria automobilistica ed in particolare la possibilità di utilizzare il rodio nei catalizzatori. Il mercato più promettente (ed anche quello che ha messo in moto la bolla economica del metallo) è quello asiatico che continua, nonostante i rallentamenti, a crescere a ritmi che il “il vecchio continente” non immagina neanche.

Ancora una volta, proprio come per il palladio, non esistono (finora?) giacimenti dedicati di rodio, ma il metallo è estratto come un sotto prodotto del nichel e le sue concentrazioni sono miserrime (qualcosa tipo 0.0001 g ogni tonnellata di roccia o giù di li…). La richiesta del mercato non sembra poter essere soddisfatta dall’attuale rateo di produzione (non più di 28 tonnellate annue) ed ovviamente ora siamo tutti alla ricerca di un valido sostituto (magari artificiale, magari a basso costo).

A parte gli aspetti economici, a parte gli aspetti ambientali (ma le auto elettriche che se ne faranno del rodio?), ed a parte gli aspetti speculativi, ogni volta che leggo una notizia del genere mi soffermo affascinato sul fatto che la nostra mente e la nostra inventiva riescono a rendere “prezioso” quasi qualunque cosa madre natura ci ha dato. Basta squilibrare domanda-offerta di qualcosa che abbiamo fra le mani da secoli con un qualche utilizzo ingegnoso et voilà, ecco creata la ricchezza, ecco creato il valore.

WU

La nostra bandiera

Art12

Quello sopra è l’articolo 12 della costituzione italiana (1946).

Ma non illudetevi di prendere dal cestello dei pennarelli un verde, un bianco e un rosso a caso: il verde è “verde felce”, il “bianco acceso” ed il “rosso scarlatto” (colori Pantone).

Con un brevissimo excursus, la scelta dei colori risale ai moti giacobini di fine ’700 e alla campagna italiana di Napoleone. Entrambi eventi che importarono da noi lo stile (ed in parte i colori e gli ideali di libertà, uguaglianza e solidarietà… immagino vadano rivisti…) dei cugini francesi.

Senza troppa fantasia solo il blu fu sostituito dal verde: colore delle uniformi della Guardia civica milanese, volontari che combattevano per l’Italia. Il bianco ed il rosso, invece, furono mantenuti in quanto già presenti nello stemma comunale di Milano (croce rossa su campo bianco).

La nostra bandiera fu “varata” nel 1797 come bandiera della Repubblica cispadana, reparti militari (di una Italia in fieri) costituiti per affiancare l’esercito di Bonaparte. Gli stessi colori furono poi adottati anche negli stendardi della Legione Italiana, che raccoglieva i soldati Emiliani e Romagnoli. Vi furono dei brevi tentativi (e qualche obiezione in sede di delibera del decreto legislativo) di inserire nella fascia bianca lo stemma dei Savoia, ma si optò (fortunatamente, IMHO) per il tricolore “sincero” che vediamo ancor oggi.

Nel periodo fascista la bandiera era il simbolo della sovranità dello Stato (che si ergeva, sotto questo aspetto giustamente, a depositario dei valori nazionali) e successivamente con la nascita della Repubblica italiana divenne emblema del nostro stato e dei suoi valori (che, ripeto, forse andrebbero rinfrescati oppure rivisti…).

Il vilipendio alla bandiera è ancora un reato (lo vedo come un rispetto dei simboli di uno stato e non come una limitazione della libertà di opinione) così come non è formalmente consentito esporre bandiere di altri stati in luoghi pubblici senza apposita autorizzazione.

WU

PS. Va detto che l’impatto della rivoluzione francese in Europa fu vastissimo e molte delle bandiere che oggi vediamo sono di chiara ispirazione a quella francese (nella quale, fra l’altro, il bianco della monarchia era unito ai colori di Parigi: blu e rosso).

PPSS. Mi è tornato alla mente questo delirio qua… ormai di anni addietro.

Il Noviplano Caproni

Già a dirlo suona difficile (spesso sinonimo, più in ambito ingegneristico che matematico, di fallimentare).

Erano gli anni 20 e l’italianissimo Caproni costruiva già aerei. Ne aveva fatti di svariati modelli, grandi bombardieri plurimotori tutti più o meno riusciti, prima di innamorarsi di un’idea (è questa la parte che preferisco). C’è anche da dire che essendosi appena conclusa la Prima Guerra gli introiti derivanti dalla vendita dei bombardieri erano certamente in flessione e Caproni doveva reinventarsi nuovi business…

Lo scopo di Caproni era costruire il primo “areo passeggeri di massa“: 100 persone da trasportare da un lato all’altro dell’oceano Atlantico. Impresa non da poco per quei tempi.

Il primo problema era che l’aereo doveva essere in grado di sostenere un carico importante (sia in termini di massa che di vite umane che vuol dire sicurezza…) e due sole ali erano evidentemente insufficienti. Era l’epoca dei biplani ed al limite dei quadriplani, ma Caproni si sentiva abbastanza confidente da spingersi oltre: il noviplano.

Il Caproni Ca.60 aveva tre gruppi di tre ali distribuite lungo la lunghezza della fusoliera ed otto motori (Liberty L-12 da 400 cavalli ciascuno) a propellere un bestione grande, grosso ed ingombrante. Il Ca.60 era un idrovolante che poteva solo atterrare e decollare dall’acqua (e dove altrimenti si sarebbe trovata una pista in grado di ospitarlo…). La fusoliera stessa, appesa sotto le cellule di ali, era galleggiante ed era stabilizzata da due ulteriori galleggianti posti sotto le ali centrali. L’apertura alare di ciascuna delle nove ali era di 30,00 metri, la fusoliera era lunga 23,45 metri ed il CA.60 era alto la bellezza di 9,15 metri (un palazzo di tre piani!).

NovipalnoCaproni

La storia dei voli del noviplani Caproni non è esattamente una storia di successo. L’aereo volò solamente due volte (12 febbraio e il 4 marzo del 1921) e non riuscì mai a lasciare il paese. Durante il suo secondo volo decollò dal Lago Maggiore dopo solo 18 metri in volo precipitò in acqua. Ah, per aggiungere il danno alla beffa, mentre i resti del noviplano venivano portati a riva un bel incendio li distrusse definitivamente (i pochi frammenti sopravvissuti sono conservati presso il museo Caproni a Trento).

Brutto era brutto, non c’è che dire; ma lo definirei assolutamente originale. Non per forza funzionale. Un esperimento che valeva la pena fare.

WU

TOI 700 d, l’ interessante candidato

Data astrale Gennaio 2020, l’umanità ha scoperto una seconda terra abitabile.

Ok, ok, un intro che fa molto Kolossal (e che forse chiuderei con un “, ma ormai è tardi per la razza umana”), e suona anche un po’ come annuncio trionfalistico di testate scientifiche finto-divulgative; ma non è poi lontano dalla verità.

Il telescopio spaziale TESS (NASA) in questo mese ha infatti individuato, con il metodo del transito, ben tre pianeti rocciosi extrasolari che orbitano attorno alla stella madre TOI 700 (nana rossa di classe M, per i puristi). La scoperta è stata poi anche confermata dal team di ricerca che lavora sui dati dell’altro telescopio spaziale, Spitzer.

Il più esterno dei tre, TOI 700 d, si trova nel bel mezzo della cosiddetta fascia abitabile della stella dove si suppone che le condizioni per la vita (come la intendiamo noi) siano soddisfatte: il pianeta è solido e non gassoso, la distanza è giusta per avere acqua liquida in superficie, il pianeta è verosimilmente dotato di una atmosfera (anche se non ne è ancora chiara la densità e la composizione), etc.

TOI700d.png

Mentre il periodo orbitale del pianeta (circa 37 giorni) e la sua distanza dalla stella (circa 0,163 UA medie) sono noti con buona precisione le stime sulla sua massa (il che vuol dire la sua gravità, il che vuol dire la speranza di trovare forme di vita) sono ancora abbastanza incerte; anche se in un intervallo che ci fa molto ben sperare. Fra 1.4 e 2 volte la massa della Terra con un raggio che è del 20% maggiore di quello del nostro pianeta.

TOI 700 si trova a circa 101,5 anni luce dal nostro Sole (non proprio dietro l’angolo, ma su scale cosmiche praticamente qui accanto) ed è molto meno luminosa della nostra stella per cui anche pianeti molto vicini, tipo TOI 700 d appunto, risultano potenzialmente abitabili.

Prima di cantare vittoria (ed ancora non ho capito perché identificheremmo la scoperta di vita extraterrestre come una vittoria e non solo come il risultato di una ricerca… per quanto rivoluzionario esso possa essere) teniamo a mente che:

  • il pianeta è comunque in rotazione sincrona con la sua stella (un po’ come la Luna con noi); praticamente su metà pianeta è sempre giorno (caldo), sull’altra sempre notte (freddo);
  • anche per pianeti orbitanti all’interno della zona abitabile, la possibilità che si sia sviluppata la vita è legata al comportamento della stella madre. Stelle particolarmente turbolente inondano i malcapitati pianeti di flares e radiazioni che spolverano ogni possibilità di vita. TOI sembra (anche se l’abbiamo osservata solo per una decina di mesi…) una stella abbastanza tranquilla;
  • anche ammesso che vi sia qualcuno lassù, prima di riuscire a parlarci ci vorrebbe qualcosa come 200 anni (andata e ritorno di un segnale)… viaggiando alla velocità della luce…;
  • il pianeta potrebbe ospitare vita, ma non intelligente (qualunque cosa voi intendiate: non ci risponderebbe) oppure una concezione completamente diversa della parola “vita”.

In breve: TOI 700 d è un interessantissimo candidato da continuare ad osservare; il primo test da superare per lui sarà se è dotato o meno di una atmosfera e di che natura. Poi vediamo il resto… Prossima osservazione prevista: luglio 2020, quando TESS si troverà nuovamente in posizione idonea.

Affascinante, prima ancora che abitabile.

WU

PS. Con grande fantasia: TOI = TESS Object of Interest.

Rotazioni cangianti di una curva

Prendete a caso il filosofo che preferite, da Platone a Kant tutti (beh… più o meno) vi diranno che la realtà non è oggettiva, ma è come la percepiamo. E’ filtrata dai nostri sensi e dall’elaborazione che ne facciamo degli stimoli che raccolgono. Le illusioni ottiche sono un ottimo modo per prenderli in giro, e noi con essi (non so se rientrano, formalmente, nell’autoironia).

Esiste un concorso in cui ogni anno ci si sfida “a fare la migliore illusione ottica”; va detto che spesso partecipano ricercatori o scienziati che non le trovano/inventano a caso, ma le propongono proprio a seguito di test circa i limiti della nostra cognizione e della nostra mente.

Dual Axis Illusion è il vincitore 2019 (3000€, circa). L’illusione è fighissima.

Praticamente una sorta di nodo (tecnicamente una curva di Lissajous) sembra ruotare contemporaneamente sia attorno al suo asse verticale che a quello orizzontale. Per i più scettici, lo stesso autore conferma che si tratta di un video continuo in loop senza tagli o variazioni del moto (… anche se a me sembra quasi di percepirne una, proprio da rotazione verticale ad orizzontale…)

Spostare la testa da un lato all’altro oppure inclinarla mi è servito, personalmente a… confondermi ancora meglio le idee. Direi che l’illusione ha colto nel centro.

WU

PS. E prima di “giudicare” (boh, nel caso voleste farlo…) guardate anche quest’altra realizzazione della nostra eclettica curva.

The big wave

… solo che si trova all’interno della Via Lattea…

Osservando la nostra galassia, infatti, pare esistere una inaspettata, enorme, struttura a forma di onda composta interamente da gas. Si tratta di una struttura densa ed omogenea composto di gas densi ed ad alta temperatura che sono sostanzialmente il posto migliore in cui far nascere nuove stelle.

Praticamente sembra che la nostra Via Lattea ospiti una fornace di stelle enorme ed a forma di onda.

La scoperta (A Galactic-scale gas wave in the solar neighborhood) è frutto, ovviamente, di un team di ricerca internazionale e delle osservazioni (ed analisi a posteriori… la parte forse meno entusiasmante ma sicuramente fondamentale) combinate del satellite Gaia e del WorldWide Telescope.

MilkyWayWave.png

La cosa forse più interessante di questa scoperta è che il ruolo della cosidetta Cintura di Gould inizia a vacillare. Per Cintura di Gould si intende una sorta di anello di stelle esteso per circa 3000 anni luce ed inclinato di circa 16-20 gradi attorno al nostro Sole. Tale cintura ospita un grandissimo numero di stelle e potrebbe sostanzialmente rappresentare il braccio della spirale in cui si trova il nostro Sole (a circa 325 anni luce dal suo centro).

[…] We find a narrow and coherent 2.7-kiloparsec arrangement of dense gas in the solar neighbourhood that contains many of the clouds thought to be associated with the Gould Belt. This finding is inconsistent with the notion that these clouds are part of a ring, disputing the Gould Belt model. The new structure comprises the majority of nearby starforming regions, has an aspect ratio of about 1:20, and contains about three million solar masses of gas. Remarkably, the new structure appears to be undulating and its three-dimensional structure is well described by a damped sinusoidal wave on the plane of the Milky Way, with an average period of about 2 kiloparsecs and a maximum amplitude of about 160 parsec. […]

Per quanto enorme tale struttura è passata finora inosservata sia per la sua distanza da noi sia perché in realtà… non la cercavamo. Ora l’evidenza di questa alta concentrazione di gas caldi, perfette sorgente di stelle, ci costringe ad ammetterne l’esistenza e rivedere di conseguenza anche il ruolo del nostro Sole. E’ infatti chiaro che questo, distante “soli” 500 anni luce dall’onda nel suo punto più vicino, interagisce con la “Redcliffe Wave”: la cavalca (e noi assieme a lui…). Con un ciclo di circa 13 milioni di anni ne attraversa alternativamente i due bracci.

Quando si dice “vivere sull’onda”…

WU