Pyura Chilensis

Che a me solo pronunciare il nome mi mette già in difficoltà, anche se la seconda parte ne tradisce le origini.

E’ spesso definito come uno degli animali più strani al mondo ed effettivamente se penso di mettermi a tagliare una roccia e veder sgorgare sangue ci sono tutti gli estremi.

Non si muove, si abbarbica al terreno circostante, filtra l’acqua marina, vive in grupponi (no, forse quelle che avete visto sulle scogliere rocciose cilene/peruviane non erano pietre…) e, condividendo il destino di molte rocce autentiche, la ritroviamo spesso coperta di alghe. Tecnicamente un membro della classe degli Ascidiacea, animali marini, sessili e microfagi filtratori.

PyuraChilensis.png

Dunque, roccia o animale? Entrambi. Almeno a prima vista. Il guscio del bestio è una vera e propria roccia, mentre la carne interna è commestibile (ed uno dei piatti base della cucina cilena; praticamente considerato una prelibatezza sia cruda che cotta).

E poi c’è la storia del Vanadio (ma siamo sicuri sia commestibile?). Che se ne faccia il roccione respirante non è cosa nota, che sia presente nel suo sangue in concentrazioni fino a milioni di volte superiori rispetto all’acqua circostante è un dato di fatto. Per noi (??) ghiotti consumatori di Pyura Chilensis, il vanadio è altamente tossico quando è in polvere, ma pare che se venga ingerito non venga assorbito è eliminato con le feci.

Ah, già, il bestio per essere “alieno” fino in fondo ha anche particolarità sessuali, some quella di cambiare sponda durante il corso della vita. Nasce maschio per diventare ermafrodita, si riproduce emettendo nuvolette di sperma e uova nell’acqua circostante. E, dulcis in fundo, se è solo, si auto-feconda. Praticamente una roccia arcobaleno.

Viva la biodiversità, in tutti i sensi.

Se per alieno definiamo tutto ciò che non ci è familiare, benché appartenga a questo mondo, allora la Pyura Chilensis è sicuramente aliena. Ed ora una auto-domanda: con questo animale condividiamo qualche migliaio di anni di evoluzione, lo stesso pianeta, la stessa atmosfera, gli stessi elementi base della vita, struttura cellulare, concetto di DNA ed un sacco di altra roba, eppure è una delle cose più diverse da noi esseri umani che riesco ad immaginare. Ma quando ci mettiamo a cercare la vita su altri pianeti, che di cose in comune con noi e la nostra evoluzione ne hanno certamente meno, cosa ci aspettiamo di trovare? Gli omini verdi con il testone?

WU

PS. Qui un articolo seriamente ben fatto.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...