Modelli futuri

Una delle cose che più piacerebbe saper fare all’essere umano è quella di prevedere il futuro. Ci metterebbe al riparo dall’incognita e degli scherzi del destino, ci permetterebbe di scegliere oculatamente invece di tirare a caso, ci consentirebbe di prepararci a ciò che ci attende.

Esistono molti modi per darci questa impressione che vanno dai maghi ed indovini ai sogni premonitori. Uno dei metodi che personalmente preferisco è quello di affidarmi a modelli simil-scientifici difficili da contestare (tipo questo Dilbert aziendal-catastrofico-climatico-previsionale).

Dilbert150517.png

Un po’ come quando si gioca in borsa in fondo serve una linea guida per rizzare il pelo sullo stomaco, poi il resto è una questione di pancia. Basta una direttiva che non sia il lancio di un dato ma che abbia una parvenza di basi scientifiche.

Curve statistiche, modelli matematici, proiezioni di dati storici, etc etc.
In fondo per quanto accurati questi modelli a lungo termine hanno un grandissimo (s)vantaggio il verdetto sulla loro efficacia può essere solo posteriore, e di molto, al loro utilizzo.

Esattamente come tirare i dadi, ma con l’impressione di basarsi molto meno sul caso. Dal mio punto di vista il futuro mantiene una certa imprevedibilità, il che lo rende pauroso abbastanza da spingermi a scendere dal letto ogni mattina.

WU

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...