Finito?

Ecco qui un’altra chicca imperdibile firmata S. Adams.

Dilbert130317.png

Praticamente il sunto di molte mie (e di certo non solo) giornate lavorative. Se chiedi le cose (perché farle da se presuppone capacità di cui non siamo sempre dotati che spesso mal celiamo con la parola “tempo”) troppo poco significa che non ci tieni. Se sei troppo assillante distrai “la risorsa” (tipo “la pedina”) dal suo compito.

La via di mezzo non esiste, ma esistono ore ed ore di riunioni inutili e “passerelle” di mail (in cui ovviamente il boss è in CC) per dimostrare che hai fatto il tuo (e come mi piacerebbe imbracciare l’arma quando leggo quegli incipit “come appena discusso a voce con pinco pallo” oppure “URGENTE” nell’oggetto della mail). Tanto basta fissare una deadline (mica la volevate chiamare scadenza, vero?) per essere sicuri di non rispettarla. L’urgenza (di rado la priorità) si misura con la pressione (di rado con l’interessamento, a tutti i livello).

La verità (sempre e comunque secondo questo fesso) è che non si lavora più (ok, ok, se volete essere ottimisti, si lavora molto meno) con entusiasmo e piacere, ma quasi esclusivamente per dovere. L’esito, triste, può essere uno solo: ne parliamo tra una settimana.

WU

PS. Ora inizio seriamente a pensare che Dilbert mi spii…

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...