Skalugsuak

One day, many years ago an old woman washed her hair in urine and as she dried it with a cloth, a gust of wind pulled the cloth from her grasp. The cloth blew into the ocean and in the pot where the Sedna urinates. Transforming the cloth into the great monster Skalugsuak, who tips over kayaks and consuming the people that fall into the water.

Che più o meno si riassume in “una vecchia si lavò i capelli con la propria urina e li asciugò con uno straccio. Da questo straccio, gettato nell’oceano, ebbe origine Skalugsuak”.

La leggenda tratta del (mitico) Somniosus microcephalus aka lo squalo della Groenlandia. Un bestione di 6 metri e 1000 kg (cioè più grande di un’utilitaria…) che abbiamo recentemente scoperto essere una specie di matusalemme dei mari. Ebbene si, dalle datazioni al carbonio 14 si è potuto apprezzare che il bestio può vivere fino 400 anni, con una vita media di 270!

squalogreor.png

Decisamente il vertebrato più longevo del pianeta (cioè ci sono squali che hanno visto le due guerre, l’unità d’Italia, la rivoluzione Francese, etc.)… anche se poi scopro che il margine di incertezza è ben 120 anni. Avrei da ridire su queste dichiarazioni in pompa magna con margini d’incertezza così ampi, ma… un’altra volta.

La maturità sessuale viene raggiunta attorno ai 150 anni, per cui devono sperare che nessuno gli rompa le scatole prima di un secolo e mezzo se vogliamo evitare estinzione della specie. Eppure il mostro non è (ancora) a rischio. Io lo avrei già dato per estinto, ma, come la leggenda ci ricorda, l’essere pieno di urea (ed avere carni piene di l’ossido di trimetilammina… velenosa), lo ha reso un vero e proprio mostro dei mari.

Il segreto della longevità? Soprattutto in un ambiente buio, pericoloso e con relativamente poco cibo come l’oceano artico? Ovviamente… non si sa, ma il loro tasso di crescita molto lento (circa 1 cm/anno) è un ottimo candidato.

Artico, abissale, enorme, longevo, velenoso, inquietante e misterioso. Tutti gli ingredienti per farne il protagonista di miti e leggende.

WU

PS. Al secondo posto dei vertebrati più longevi si piazza, con “soli” 220 anni di vita stimata, nientemeno che… la Balena della Groenlandia. A riprova del fatto che la il ghiaccio è uno dei migliori modi di mettere al sicuro la longevità (per chi la cerca).

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...