Ahi

On the Importance of Being Vocal: Saying “Ow” Improves Pain Tolerance“. Ecco il genere di titolo che mi motiva a leggere un articolo scientifico. Continuo a pensare che questo genere di articoli sia pura genialità per il sol fatto di aver avuto l’idea di studiare queste cose.

Vocalizing is a ubiquitous pain behavior

Ovvero: ci mettiamo a studiare se dire “ow”, “ahi”, “ouch” o qualunque altro vocalizio ci aiuta ad alleviare il dolore (tipo di un Pow…). Geniale.

Per fare lo studio hanno proceduto così: prendiamo una bacinella di acqua tremendamente fredda e chiediamo ai malcapitati di immergervi una mano”. A questo punto ai soggetti vengono date le seguenti possibilità: dire “ahi”, ascoltare una registrazione di loro stessi che dicono “ahi”, ascoltare la registrazione di qualcun altro che dice “ahi”, premere un bottone oppure non fare nulla.

Compared to sitting passively, saying “ow” increased the duration of hand immersion.

Ed, alla stregua del vocalizio anche premere un bottone aiuta. Tanto. Sentir dire “ahi” da se stessi o da altri non è di per se un buon analgesico.

[…] vocalizing in pain is not only communicative. Like other behaviors, it helps cope with pain.

Uno dei comportamenti non verbali ed istintivi più ancestrali che mi vengono in mente. Evidentemente ci siamo evoluti con una ratio…

WU

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...