Redivivi floppy disk

Alla faccia della tecnologia e dell’evoluzione. Chissà poi come si applica il secondo concetto al primo.

Mi sono trovato qualche giorno fa ad implorare per ottenere un floppy disk (si, esattamente; non ricordavo neanche che effetto facesse tenerli in mano…), ed un associato lettore ovviamente dotato di presa USB compatibile con i “moderni mezzi”.

Dopo aver promesso moglie e buoi per averlo mi sono accorto di essere solo una goccia in mezzo al mare. Enti super segreti segretissimi e con risorse praticamente illimitate… gestiscono ancora parte dei loro sistemi informatici con i vetusti floppy. “Noi” abbiamo già abbandonato anche i dvd ed i cd-rom, ma il punto è che no sempre i progressi nei mezzi “di scambio” procedono di pari passo con l’evoluzione dei sistemi IT.

Mettiamo che vi compriate (meglio se con soldi statali) un super computer strafigo da mille-milla fatastriliardi che va con le sue belle porte USB. Su questo mezzo iniziate a metter su tutta un’infrastruttura informatica che gestisce sedi, cose, persone, armi e via dicendo. Ad un certo punto, nel giro diciamo di una decina di anni, vi dicono che le USB sono soppiantate dalla telepatia e che dovete buttare tutto e ripartire da zero se volete stare al passo. Che fate?

Dilemma non da poco (e che si nota di più in ambito informatico solo per la sua maggiore velocità di progredire). Ripartire da zero (quasi) oppure continuare con vecchi mezzi (molto spesso per il semplice fatto che funzionano egregiamente)? Tenete presente che rimanere sul “vecchio” costringe spesso a patch ed adattamenti che a lungo andare rischiano addirittura di compromettere la sicurezza e l’affidabilità del sistema. Quindi ad un certo punto sarete obbligati a buttare via tutto e fare anche voi il vostro bell’aggiornamento tecnologico. Però senza seguire le mode del momento! Se dopo un anno scoprite che la telepatia è stata solo un amore temporaneo (ve li ricordate i mini-cd)?

Beh, per molte delle agenzie federali americane, incluso il dipartimento per l’energia federale, pare che 50 anni siano abbastanza per confermare che … non si tornerà più al floppy. A partire dal prossimo anno abbandoneranno, infatti i vecchi supporti (e con essi anche alcuni IBM serie 1 del 1976) per mettersi al passo con i tempi.

Vediamo se almeno che ha le mani in pasta sulla super-tecnologia riesce a guardare (informaticamente, e nulla di più) avanti nel futuro per non trovarsi cose già vecchie nel momento stesso in cui le ha finite di ordinare/pagare/istallare (… la storia degli F35 vi dice qualcosa?).

WU

PS. E pare che non sia neanche così facile hackerare un floppy (forse semplicemente perché si è provato per molto meno tempo…)

PPSS. Ed anche questa volta l’immancabile impulso a farneticamenti numerologici semplicemente guardando il calendario: oggi è 06.06.16 …

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...