Paperoconiglio cercasi

BASTA! Sono giorni che l’immagine sotto è tornata in auge un po ovunque in rete. E tanto per essere da meno nel contribuire al “noise della rete” mi ci metto anche io.

duckrabbit.png

L’immagine ha comunque la veneranda età di 100 anni, ma è una di quelle cose che ritornano ciclicamente di moda (di certo perché è decisamente ben fatta e Google ce ne presenta decine di varianti più o meno “moderne”).

J. Jastrow la introdusse (duck-rabbit illusion) con lo scopo di spiegare i processi cognitivi mentali. Ora alla stessa immagine si danno tante caratteristiche tra cui quella di rivelare la nostra personalità. Le due cose sono ben diverse.

In particolare le nostre percezioni sensoriali dipendono da moltissimi fattori (primo fra tutti il contesto in cui siamo inseriti) ed il nostro stesso modo di essere non è costante nel tempo. Che l’immagine possa sembrare un anatra o un coniglio può dipendere dal fatto che ho giocato vicino allo stagno o che sono in un periodo di depressione. E mi volete dire che ora sapere la mia personalità?

Da una fotografia delle mie percezioni in un momento deduciamo che sono uno psicopatico? Ottimo. E se invece stessimo parlando del fatto che il nostro modo di vedere il mondo è condizionato dalla nostra mente? Ora si che mi trovate più d’accordo.

Come avrò già detto in più occasioni, che un anatra o un coniglio vi (e mi) dicano come sono fatto dentro è come dire che basta leggere le viscere degli animali per sapere come andrà la caccia. Con tanto di rispetto per gli sciamani. Come spesso accade (Ed in fondo ci piace così) sono gli strumenti che noi stessi creiamo ad essere così potenti che poi non sappiamo farne buon uso. In questo caso: generalizziamo per attrarre la massa.

Tanto per la cronaca: io ci ho visto a lungo un anatra (come credo il 99% delle persone, da quanto si legge in rete), ma dalla prima volta che ho visto un coniglio non riesco più a non vedere il roditore prima del volatile. Ah, quindi scopro che non sono creativo.
Buono a sapersi.

WU

PS. E tanto per completezza il signor Jastrow non era proprio un neofita delle illusioni ottiche. Porta il suo nome, infatti, anche la tipica illusione secondo cui due figure geometriche identiche appaiono di dimensioni diverse in base a come sono disposte.
La classica Illusione di Jastrow è riportata sotto a sinistra nella versione “illusoria” ed a destra nella veste “vera” in cui si vede la perfetta uguaglianza delle due figure.

illJastrow.png

No, non ho taroccato l’immagine con Paint, è che mentre a sinistra il bordo sinistro delle due figure è disposto in maniera da essere l’uno il prolungamento dell’altro, a destra le figure sono messe sulla stessa vertical. E’ questo che crea l’illusione.

PPSS. E non dimentichiamoci che: “The duck-rabbit figure is best known in philosophical circles as an illustration of aspect perception or interpretive “seeing as” and is utilized by Ludwig Wittgenstein (1889-1951) in his influential Philosophical Investigations (1953)”.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...